Tag

, , , , , , , , , ,

Cinzia e Donato sono la prova che, a volte, gli opposti si attraggono. Lui è sempre stato un tipo taciturno e riservato, tanto che molti lo giudicavano antipatico e snob. Le ragazze erano attratte dalla sua aria un po’ schiva e misteriosa mentre ai ragazzi dava fastidio che lui fosse bravo in tutto quello che faceva. Era lo studioso del gruppo, quello che sapeva rispondere a tutte le domande. Quando Cinzia si trasferì in città si fece subito notare per la sua vivacità e la sua aria sbarazzina: era la sorellina di tutti. Nessuno avrebbe mai sospettato che quella fanciulla dai modi buffi e dall’aria birichina, quel “folletto dei boschi” (come amava definirla suo padre) potesse far breccia nel cuore dello schivo e silenzioso Donato. Invece tra i due nacque subito un’intesa speciale. couple_perfettamente_chicGrazie al feeling particolare col giovane, la ragazza riuscì ad integrarsi meglio nel gruppo. Finalmente qualcuno prendeva in considerazione anche la sua opinione. Col passar del tempo tutti si accorsero che tra quei due, così diversi eppure così in sintonia, c’era un legame ben più profondo dell’amicizia. Donato trattava la fanciulla con modi  gentili. Per lui fu un gioco da ragazzi conquistare le simpatie della famiglia della sua innamorata. Non era per niente antipatico se lo si metteva a proprio agio e non gli si chiedeva di parlare troppo. Anche Cinzia fu subito ben accetta nella famiglia di lui. Col passare degli anni l’intesa tra i due era cresciuta ed ora Donato voleva fare le cose sul serio. Avrebbe fatto la proposta di matrimonio alla sua innamorata durante la festa a sorpresa organizzata con gli amici per il suo compleanno. Nessuno si aspettava una cosa del genere da lui. Cinzia immaginava che quando l’avrebbe chiesta  in sposa ci sarebbero stati solo loro due. I ragazzi della comitiva furono sorpresi quando lui chiese la loro collaborazione per realizzare la festa a sorpresa per la sua amata: “Lei non deve avere sospetti.  Deve credere che ognuno di noi, quella sera, abbia altri impegni.” Per garantire al massimo l’effetto sorpresa Benedetta propose alla cugina di fare una visita ai nonni e trascorrere la serata del suo compleanno in campagna con loro. A Cinzia andò a genio quel progetto. I tanti imprevisti  degli ultimi mesi le avevano impedito di trascorrere del tempo coi nonni. Donato l’avrebbe accompagnata un’altra volta. Benedetta le chiese di passare il pomeriggio a casa sua per preparare un dolce. In tal modo i genitori della festeggiata  sarebbero stati liberi di organizzare al meglio la serata nella casa in campagna. Dopo un pomeriggio trascorso tra cucina e shopping, le ragazze si prepararono per andare dai nonni. Shopping_perfettamente_chicQuando furono davanti al cancello era buio intorno a loro. Cinzia notò subito che le luci del giardino erano spente. Sapeva che il nonno aveva l’abitudine di accenderle all’imbrunire: “Forse è così impegnato in una delle sue attività di bricolage da non rendersi  conto del passare delle ore.” Sua cugina scese dalla vettura, andò al citofono accanto al cancello e suonò per farsi aprire. Rientrata in auto aspettò di poter entrare. L’altra era confusa: “Non pensi anche tu che senza luci questo posto fa un po’ paura?” Entrata in giardino Benedetta spense l’auto, fari compresi, ed esclamò preoccupata: “Oh! La macchina si è bloccata. Siamo al buio. Ora vedremo degli spaventosi zombie che ci saluteranno dalle aiuole. Vedi troppi film dell’orrore, mia cara.” Erano immerse nel buio. Cinzia odiava stare al buio. All’improvviso nell’oscurità videro una piccola scintilla, come se qualcuno armeggiasse con un accendino. Una fiammella avanzò lentamente verso di loro. piccolaluce_perfettamente_chicAvvicinandosi la fiamma divenne una candela sorretta da qualcuno. Quando Cinzia riconobbe Donato guardò confusa sua cugina: “Che ci fa lui qui?” Uscirono dall’auto e la ragazza si fermò accanto allo sportello. Benedetta, invece, proseguì, incrociò il ragazzo con la candela e svanì nell’oscurità. La fanciulla accanto alla vettura era perplessa: “Manca la corrente? Cosa fai  a casa dei miei nonni  con una candela in mano? Che ne è stato del tuo impegno?” Lui si fermò davanti a lei e, dopo un momento di silenzio, accennò un sorriso emozionato: “Penserai che io sia impazzito!” Era in difficoltà. Lei fece per parlare ma lui l’anticipò: “Avevo preparato un discorso perfetto per il momento ma me lo sono dimenticato. Lo sai, sono uno che parla poco. Ma alla fine noi non abbiamo bisogno di parole! Sappiamo benissimo cosa proviamo l’uno per l’altra. Volevo farti una sorpresa e credo proprio di esserci riuscito. Solo che… Dovresti reggere un momento questa!” Porse la candela alla ragazza che la prese. Lei non aveva mai visto il suo innamorato così teso. Lui cercò nelle tasche: “Forse dovevo curare un po’ meglio i dettagli. Eccolo.” Mise una scatolina alla luce della candela,  l’aprì e la fiammella illuminò un luccicante anello. La fanciulla smise di respirare per un istante. Aveva capito tutto ma, incredula, lasciò che lui pronunciasse la fatidica frase. Il giovane lesse la gioia negli occhi di lei e sorrise: “Amore,  mi vuoi sposare?” Lei sorrise con gli occhi che brillavano di emozione: “Hai ragione. Avresti dovuto curare meglio i dettagli ma, si. Ti voglio sposare.”  Avrebbe voluto buttargli le braccia al collo ma reggeva la candela. Lui prese l’anello, riponendo la scatola, lo infilò al dito della ragazza e sorrise prendendo la candela: “Lo so che non ti piace il buio ma questa non ci serve più.fidanzamento_perfettamente_chicSoffiò spegnendo la candela mentre tutte le luci della casa si accendevano illuminando la veranda e la gente che aveva preparato la festa a sorpresa. Mentre gli invitati intonavano ‘Tanti auguri a te ’ Donato l’abbracciò e le augurò buon compleanno. Cinzia era felice: aveva sempre desiderato una festa a sorpresa per il suo compleanno ma non avrebbe mai immaginato che il suo innamorato così riservato potesse farle un regalo tanto speciale anticipando la sua festa con la più inaspettata, romantica ed emozionante delle proposte di matrimonio.

Autore: Clorinda Di Natale