Tag

, , , , , , , , , ,

Irene e Mario si sono sposati all’inizio dell’anno. Per evitare problemi e salvaguardare il quieto vivere familiare,  hanno deciso di accordarsi subito con le rispettive famiglie sulla loro presenza durante le festività che si sarebbero presentate nel corso dell’anno. I due avevano pianificato ogni giorno di festa, tenendosi liberi per la notte di Capodanno. Quella, almeno finché non arrivava un bambino, preferivano passarla in compagnia della loro allegra comitiva di amici. In occasione di una visita inaspettata delle sorelle (che non vedeva da anni) la madre di Mario, senza informare il figlio, organizzò una cena per aspettare il nuovo anno coi fratelli, le sorelle e i loro figli, come facevano un tempo. La prima settimana di novembre la coppia, di ritorno da un viaggio, era a pranzo a casa dei genitori di lui.Matrimonio_a_Capodanno_Perfettamente_Chic_0Fu il fratello del giovane ad informarli della novità: “Quindi il vostro viaggio sarà uno degli argomenti da tirare fuori durante la cena di Capodanno organizzata dalla mamma.” Mario lo guardò confuso: “Di che parli? Irene ed io passeremo la notte di Capodanno coi nostri amici.” Sua madre intervenne: “Non casca mica il mondo se per una volta rinunci ai tuoi amici per rivedere i parenti lontani. Irene potrebbe approfittarne per familiarizzare con loro.” Mario s’innervosì: “Mamma, ti avevo chiesto di interpellarmi prima di dare la mia disponibilità per qualsiasi cosa.” Suo padre prese le parti della moglie: “Per favore, Mario. Tua madre si è fatta prendere la mano dall’euforia di rivedere le sue sorelle e ha dato per scontato che, per una volta, voi due avreste cambiato i vostri progetti.” Il giovane sospirò esasperato: “Non se ne parla.” Troncò il discorso mettendosi a parlare di musica con sua sorella. Appena entrato in casa Mario si lasciò cadere sul divano sospirando: “Gliel’ho ripetuto milioni di volte che non deve decidere per me e lei ancora non se lo ficca in testa. Adesso, però, deve capire che non sono più solo a decidere e che la tua opinione è importante.” Sua moglie gli si sedette accanto: “Tua madre è gelosa e teme che io ti voglia allontanare dalla famiglia.” Il giovane non la lasciò continuare: “Stai giustificando mia madre. Cosa c’è sotto?” La fanciulla si arrese: “Prima che partissimo la mamma mi ha chiesto se al nostro ritorno le davo una mano ad organizzarsi per le feste natalizie. Lei ci voleva a casa sia per la sera del 24 che per il pranzo di Natale. Non le ho ancora dato una risposta. Potremmo accontentare entrambe.”  Mario la guardò con delusione: “Siamo appena rientrati da un viaggio meraviglioso. Prima di pranzo eravamo rilassati. Dovremmo discutere di questa cosa ma finiremmo per litigare e rendere nulle le due settimane di relax appena trascorse. “ Si  alzò: “Vado a ritirare la posta. Ho visto che c’è qualcosa nella cassetta delle lettere.” Irene capì che quello non era il momento giusto per discutere con suo marito. Meglio lasciargli sbollire la rabbia. Andò a disfare le valigie. Dopo circa dieci minuti lui arrivò alle sue spalle sventolando una busta: “Lo sapevi che Anna e Brando si sposano?” Lei fece per sfilargli la busta dalle mani ma lui glielo impedì: “Non lo sapevi. Credi di poter mancare al loro matrimonio?” Irene lo guardò con sospetto: “Sono tra i nostri migliori amici. Non li vediamo dal giorno del nostro matrimonio. Certo che ci saremo alle loro nozze.” Mario, con espressione impassibile: “Indovina quando si sposano.”  La ragazza, impaziente, gli puntò il dito contro con fare minaccioso: “Fammi vedere subito quell’invito.Matrimonio_a_Capodanno_Perfettamente_Chic_1Lui le porse la busta e incrociò le braccia restando a guardarla. Irene lesse la partecipazione di nozze,  guardò suo marito e sorrise: “A dire il vero Anna mi aveva accennato di stare organizzando qualcosa di particolare per le sue nozze. Questo invito risolve i nostri problemi.” Lui rimase un momento in silenzio poi sospirò abbracciandola: “Non mi piace litigare con te per le esigenze delle nostre madri. Se cominciamo a fare concessioni non ne usciremo più.” Irene si lasciò cullare da quell’abbraccio: “Faremo in modo che non accada.”

La sera del 31 dicembre Irene era in chiesa accanto a Mario, con indosso un bellissimo abito da sera ricevuto in regalo a Natale da suo marito. Lui, per l’occasione, aveva rispolverato il suo abito da sposo.Matrimonio_a_Capodanno_Perfettamente_Chic_2Attorno a loro c’era un tripudio di rosse stelle di Natale e nell’aria si respirava  la frizzante euforia delle feste. Nel vedere i loro amici che si promettevano eterno  amore, lei  strinse la mano di suo marito e si girò a guardarlo. Quando incontrò il suo sguardo le sembrò di rivivere il giorno delle loro nozze e si strinse al suo braccio emozionata e commossa. Usciti dalla chiesa e dall’atmosfera solenne del rito religioso, la coppia e gli altri invitati, ricoprirono gli sposi con una pioggia di riso e petali di rose rosse come quelle che componevano il bouquet della sposa.  A Capodanno il rosso porta fortuna ed, in più, tutti sapevano che quello era il colore preferito della sposa.  Anche nel ristorante scelto per il ricevimento era presente un discreto tocco di rosso.Matrimonio_a_Capodanno_Perfettamente_Chic_3Il wedding planner aveva abbinato con abilità ed eleganza le tovaglie color avorio alle tre stelle di Natale dei centrotavola richiesti dalla sposa.  Anna e Brando erano raggianti. Lei aveva scelto un meraviglioso abito lungo color panna, anch’esso con dei piccoli dettagli in rosso. Un modello molto pratico che le consentì di non perdersi neanche un ballo e divertirsi assieme agli invitati. Intorno alla mezzanotte, grazie alle condizioni meteorologiche favorevoli, il deejay invitò tutti a spostarsi nei giardini del ristorante. Il maitre porse una bottiglia di spumante allo sposo e l’animatore creò l’atmosfera giusta per il count-down.Matrimonio_a_Capodanno_Perfettamente_Chic_6Allo scoccare della mezzanotte, quando lo sposo stappò lo spumante e baciò la sposa, il disc jockey fece gli auguri a tutti e diede il via al tradizionale trenino di Capodanno che riportò sposi e invitati in sala per continuare a danzare, in attesa di terminare la cena e della torta nuziale. Irene e Mario si accodarono agli altri per ultimi, dopo essersi scambiati gli auguri con la speranza che il nuovo anno gli portasse cose belle. Come gli sposi, anche loro cercarono di prendere il meglio di quella serata che si concluse alle tre di notte. In auto, mentre tornavano a casa, Mario si disse contento di quella serata: “Magari avessimo un matrimonio a Capodanno anche il prossimo anno.”  Irene scosse il capo: “Conserviamo il ricordo di questo. Pensa se nel frattempo arrivasse un bimbo. Saremmo troppo presi per godercelo appieno.” A quella frase seguì il silenzio.

Matrimonio_a_Capodanno_Perfettamente_Chic_5I due non avevano bisogno di parole per sapere che, allo scoccare della mezzanotte, avevano espresso entrambi il desiderio di essere in tre il prossimo Capodanno.

Autore: Clorinda Di Natale
Pubblicato: felicementesposati.it
Annunci