Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Fiori, cuori, carte da gioco, linee sensuali e millenials sono alla base della Collezioni Primavera Estate 2018 Dolce & Gabbana. Tuta in chiffon con la stampa di zebre e limoni, l’abito in cady rosa con i pulcini, la cascata di tulle multicolor con la cintura a corsetto, il vestito di cotone da principessa sul pisello, la maglia metallica gialla o arancione, il tubino con i pesci tropicali, la tuta bustier con i pantaloni da odalisca, i leggings di paillettes con le rose, la busta con la scritta “carciofi“, la blusa di seta con il grano, i cavoli stampati sul modello da debuttante, la marsina dorata con le nappe, gli orecchini-melanzana, gli occhiali con le mani, le babbucce e la borsetta-scrigno.

Questo slideshow richiede JavaScript.

È il nostro Dna ed è quello che ci chiede la nuova generazione. Abbiamo 32 anni di carriera e i giovani vogliono quello che facevamo agli inizi. Le ragazze lo vogliono non perché amano il vintage, ma perché sono donne: amano le borse, le scarpe, vestirsi sexy, sentirsi belle“, ha spiegato Stefano Gabbana all’Ansa.

Presentata da Dolce & Gabbana al Metropolitan Opera House di New York la Collezione di Alta Moda Primavera-Estate 2018.

Il défilé è stato un crescendo di abiti magistralmente confezionati e arricchiti da stampe di grattacieli, della statua della Libertà e via dicendo, nello stile tipico della città che non dorme mai.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Di New York amiamo tutto”, hanno detto i due designer, “Ci piace il cibo, le persone, i grattacieli, i ristoranti, la metropolitana, la vita notturna e le luci che non si spengono mai”.

Ogni look è differente dall’altro, per colori, tessuti e ricami”, continuano i due stilisti, “C’è molto sport, visto che abbiamo anche una generazione di clienti molto giovani, i millenials, che incominciano a desiderare capi di alta moda. Per questo in passerella abbiamo un casting eterogeneo fatto da top model, donne curvy e over. È come una piazza…è come New York”.

Autore: Lynda Di Natale
Fonte: web
Annunci