Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2018: Carlo Vanzina, regista, produttore cinematografico e sceneggiatore italiano, ha formato con il fratello maggiore Enrico un’affiatatissima coppia di cineasti di grande versatilità ed efficienza produttiva. È stato sposato dapprima con l’attrice Ely Galleani e poi – dal 1980 al 1987 – con la costumista cinematografica Marina Straziota, per risposarsi infine un’ultima volta nel 1996 con Lisa Melidoni, da cui ha avuto due figlie, Isotta e Assia. È scomparso all’età di 67 anni  per la recidiva di un melanoma, che si era manifestato per la prima volta vent’anni prima. (n. 1951)Carlo_Vanzina_perfettamente_chic.jpg

2018: Tab Hunter, nome d’arte di Arthur Andrew Kelm, attore statunitense. Il giovane attore divenne immediatamente una delle maggiori star maschili idolatrato dalle teenager d’America per il suo bell’aspetto di ragazzo biondo e atletico, e malgrado la sostanziale inesperienza nella recitazione e lo sfavore della critica. La seconda metà degli anni cinquanta fu il periodo di maggior successo per l’attore sul grande schermo, stesso periodo l’attore incise alcuni hit di successo in qualità di cantante. Negli anni settanta si limitò a comparire in singoli episodi di serie televisive di successo. L’occasione per un inatteso rilancio giunse all’inizio degli anni ottanta, grazie a due felici incursioni nel genere trash quale partner dell’attore e drag queen Divine, prima in Polyester (1981), e quindi in Lust in the Dust (1985), pellicole in cui si divertì a riproporre il proprio vecchio ruolo di “belloccio” in chiave satirica. Nel 2005, l’attore confermò la propria omosessualità, della quale circolava voce fin dai tempi del grande successo negli anni cinquanta, descrivendo le difficoltà esistenziali vissute a Hollywood in un’epoca in cui la vita privata delle star era continuamente sottoposta all’attenzione del pubblico e della stampa, e la condizione di omosessualità poteva compromettere o addirittura distruggere una carriera. Negli anni cinquanta, periodo in cui intrattenne una lunga relazione sentimentale con il collega Anthony Perkins,  Hunter fu spesso bersagliato ma la sua carriera riuscì a non rimanere danneggiata dai pettegolezzi. L’attore, stabilmente legato dal 1982 al produttore Allan Glaser, si dedicò in seguito alla produzione cinematografica indipendente, e all’equitazione. (n. 1931)Tab_Hunter_perfettamente_chic.jpg

2017: Elsa Martinelli, modella e attrice cinematografica italiana. Scoperta dallo stilista Roberto Capucci, venne da lui lanciata nel mondo della moda, divenendo un’indossatrice e fotomodella conosciuta in tutto il mondo. Negli anni cinquanta – appena ventenne – approda a Hollywood per la prima volta con il film western accanto a Kirk Douglas, che la scelse personalmente dopo aver visto una sua foto su una rivista americana. Viene apprezzata subito anche dalla critica. Diventando negli anni un’icona di eleganza e di stile, ha lavorato con molti grandi registi in Italia, in Francia, e negli Stati Uniti d’America. Dal 1970 ha cominciato a diradare l’attività cinematografica, dedicandosi maggiormente alla televisione – soprattutto in miniserie e telefilm di produzione italiana ed europea, oltre ad aver presentato il Festival di Sanremo 1971. Sposata nel 1957 con il conte Franco Mancinelli Scotti di San Vito, ha avuto una figlia, Cristiana, nata nel 1958 e divenuta attrice. Nel 1968 si è risposata con il fotografo e designer Willy Rizzo, con cui fu sposata fino alla morte di lui nel 2013. (n. 1935)Elsa_Martinelli_perfettamente_chic.jpg

2017: Nelsan Ellis, è stato un attore statunitense, noto principalmente per il ruolo di Lafayette Reynolds nella serie televisiva True Blood. Muore all’età di 39 anni a causa di un problema cardiaco. (n. 1977)Nelsan_Ellis_perfettamente_chic.jpg

2015: Flora Carosello, attrice e doppiatrice italiana. Ha lavorato molto nel doppiaggio di film italiani, dando voce ad attrici caratteriste di secondo e terzo piano riuscendo spesso a cambiare intonazione. (n. 1920)Flora_Carosello_perfettamente_chic.jpg

2012: Ernest Borgnine, pseudonimo di Ermes Effron Borgnino, è stato un attore statunitense di origine italiana, vincitore del premio Oscar nel 1956 per la sua interpretazione in Marty. Sposato cinque volte, la sua prima moglie fu Rhoda Kemins (1949–1958), dalla quale ebbe una figlia, Nancee (nata nel 1952). Dopo un secondo matrimonio con l’attrice Katy Jurado (dal 1959 al 1963), Borgnine si risposò per la terza volta nel 1964 con l’attrice e cantante Ethel Merman, ma il matrimonio durò appena 32 giorni. Dal quarto matrimonio con Donna Rancourt (1965–1972), l’attore ebbe un figlio, Cristopher (nato nel 1969) e due figlie, Sharon (1965) e Diana (1970). Si sposò per la quinta volta nel 1973 con Tova Traesnaes, che gli fu accanto fino alla morte. (n. 1917)Ernest_Borgnine_perfettamente_chic.jpg

2010: Lelio Luttazzi, è stato un musicista, attore, cantante, direttore d’orchestra, regista, scrittore, showman e conduttore televisivo italiano. Alla radio conduce Hit parade, una rubrica settimanale sui dischi più venduti, andata in onda ininterrottamente dal 1967 al 1976 con la sigla Lelio Luttazzi presenta… Hiiit Parade! e seguita da un altissimo numero di ascoltatori. Nel giugno del 1970, all’apice del successo, viene arrestato con l’amico Walter Chiari e con il cantautore Franco Califano per l’accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti. L’errore giudiziario ha però conseguenze personali e sulla carriera. Nel 1979 sposa in seconde nozze Rossana Moretti, conosciuta nel 1975 a Roma. (n. 1923)Lelio_Luttazzi_perfettamente_chic.jpg

2006: June Allyson, pseudonimo di Eleanor Geisman, attrice, cantante e ballerina statunitense. Nel 1925, quando la Allyson aveva 8 anni, un ramo secco d’un albero le rovinò addosso mentre giocava col suo triciclo, con il suo piccolo terrier a rimorchio.[5] Il pesante ramo uccise il cagnolino e fratturò la spina dorsale della Allison. I medici dissero che non avrebbe più potuto camminare e le applicarono per quattro anni un gravoso bustino d’acciaio che andava dal collo alle anche. Recuperò infine la sua salute ma quando la Allison divenne famosa, era terrorizzata dalla possibilità che la gente potesse scoprire il suo doloroso passato e parlò negli studi di una sua passata “vita rosea”, inclusa una storia intricata circa i mesi che avrebbe dedicato ad esercizi di nuoto nella speranzosa prospettiva di diventare una campionessa di quello sport. Dopo una faticosa riabilitazione che la portò dalla sedia a rotelle alle grucce per poi riavere la possibilità di camminare senza impedimenti ulteriori, la prima vera “fuga” della Allyson dalla sua misera vita fu quella di andare al cinema, dove fu estasiata nel vedere i film di Ginger Rogers e Fred Astaire. La determinazione e l’ambizione della Allyson la portarono ad entrare nella Ned Wayburn Dancing Academy. Il suo primo lavoro fu quello di ballerina di tip-tap, successimante trovò lavoro come attrice in cortometraggi. La svolta si ebbe quando il cast delle Educational Pictures le offrì di lavorare assieme alla futura star cinematografica Danny Kaye. Sposata quattro volte: primo matrimonio con l’attore Dick Powell (due figli, Richard jr. e Pamela adottata), alla morte del marito si unisce con l’uomo d’affari Glenn Maxwell dal quale divorzia dopo sette mesi per poi risposarlo l’anno seguente; a seguito della definitiva separazione convola a nozze con il dentista David Askrow. Oltre i matrimoni, ha intrattenuto relazioni o brevi flirt con gli attori Dirk Summers, Alan Ladd, Peter Lawford, Dean Martin, Robert Walker, Van Johnson, con l’anchorman radiofonico Tommy Mitchell, il regista Charles Walters, il Presidente USA John Fitzgerald Kennedy e il gangster Johnny Stompanato, ex amante dell’attrice Lana Turner. (n. 1917)June_Allyson_perfettamente_chic.jpg

2005: Linda Moretti, attrice italiana. Discendente da una grandissima ed allargata famiglia di attori di teatro e di cantanti. Lavorò anche nel cinema, occasionalmente ma impegnandosi in lavori di grande successo. Nella sua lunghissima carriera, costellata da enormi successi, Linda Moretti ha donato l’immagine di una delle più abili attrici del teatro novecentesco, appassionando con la sua recitazione spiritosa e vivace. (n. 1921)Linda_Moretti_perfettamente_chic

1994: Dick Sargent, nome d’arte di Richard Stanford Cox, attore statunitense. È conosciuto per il ruolo di Darrin Stephens nelle ultime tre stagioni della serie televisiva Vita da strega (Bewitched), ruolo in cui subentrò al collega Dick York e che interpretò dal 1969 al 1972. In occasione del National coming out Day del 1991, Dick Sargent dichiarò pubblicamente di essere gay. Sargent morì di cancro alla prostata all’età di 64 anni. (n. 1930)Dick_Sargent_perfettamente_chic.jpg

1991: James Franciscus, James Grover Franciscus, attore statunitense. l suo ruolo più celebre è stato quello del detective Jim Halloran in La città in controluce, versione televisiva del celebre film La città nuda. Ha fatto apparizioni in molti film e programmi televisivi. In più di un’occasione Franciscus lavorò anche in Italia. Nel 1960 Franciscus sposò l’attrice Kathleen Kent Wellman, figlia del regista William Wellman. Dal loro matrimonio nacquero quattro figlie: Jamie (1961), Kellie (1963), Korie (1973) e Jolie (1975). Nel 1979 divorziò dalla moglie e si risposò un anno dopo con Carla Deen Ankney. Erano ancora sposati quando Franciscus morì a causa di un enfisema, all’età di 57 anni. (n. 1934)James_Franciscus_perfettamente_chic.jpg

1982: Isa Miranda, nome d’arte di Ines Isabella Sampietro, attrice italiana. Fu il marito produttore e regista Alfredo Guarini a proporle i primi film per cercare di ricostruire la sua carriera italiana ma saranno i film successivi a consacrarla agli occhi della critica oltre che del pubblico.  (n. 1905)Isa_Miranda_perfettamente_chic.jpg

1967: Vivien Leigh, nome d’arte di Vivian Mary Hartley, attrice britannica. Nella sua trentennale carriera fu una prolifica attrice non solo di cinema (ha di fatto recitato solo in una ventina di film), ma anche e soprattutto di teatro, ivi diretta più volte dal secondo marito Laurence Olivier, genere in cui interpretò ruoli molto differenti, che vanno dalle eroine delle commedie a quelle delle tragedie shakespeariane. Il suo volto sarà per sempre legato a Rossella (nell’originale Scarlett) O’Hara, la protagonista del celeberrimo film Via col vento. Convisse per tutta l’età adulta con un disturbo bipolare che ne mise più volte a rischio le relazioni sociali e professionali, e con una tubercolosi mal curata che la portò alla morte a soli 53 anni di età. Vivian, diciottenne, conobbe l’avvocato Herbert Leigh Holman; dopo un fidanzamento di pochi mesi, i due decisero di sposarsi. 1933 nacque la loro figlia Suzanne. Malgrado il lieto evento, la vita matrimoniale e la maternità non risultarono congeniali all’irrequieta indole di Vivian e non la distolsero dalle sue ambizioni artistiche. Colpito dall’interpretazione di Leigh in The Mask of Virtue, Laurence Olivier la incontrò per congratularsi; tra i due nacque un’amicizia che si trasformò in attrazione reciproca due anni dopo, quando interpretarono il ruolo di due amanti nel film Elisabetta d’Inghilterra (1937). Alla fine delle riprese fu chiara la relazione tra i due, nonostante lui fosse sposato con l’attrice Jill Esmond. Leigh e Olivier iniziarono una convivenza. Nel 1940 Jill Esmond si arrese e concesse il divorzio a Olivier, e lo stesso fece Holman con Vivien Leigh, conservando però una stretta amicizia con lei, che durerà tutta la vita; sia Esmond che Holman ottennero la custodia dei rispettivi figli, Tarquin Olivier e Suzanne Holman. Il 30 agosto dello stesso anno, Vivien Leigh sposò Laurence Olivier, con una cerimonia civile a cui furono presenti solo i due testimoni, l’attrice Katharine Hepburn e lo scrittore e sceneggiatore Garson Kanin. Nel 1958, considerando il suo matrimonio ormai in crisi irreversibile, Leigh intraprese una relazione con l’attore John Merivale che, pienamente consapevole della difficile situazione clinica dell’attrice, rassicurò Olivier sul suo desiderio di prendersi cura di lei. Nel 1960 gli Olivier divorziarono, e lui si risposò in seguito con l’attrice Joan Plowright. È stata madrina delle attrici Juliet Mills e Suzanna Leigh. (n. 1913)Vivien_Leigh_perfettamente_chic.jpg

Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia.it, web
Annunci