Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

: 2018: Étienne Chicot, attore francese. Tra cinema e teatro, Etienne Chicot ha interpretato dozzine di personaggi durante la sua carriera. gli anni ’90 sono gli anni trascorsi sul piccolo schermo. Dall’inizio degli anni 2000, è il ritorno al cinema. (n. 1949)Étienne_Chicot_perfettamente_chic.jpg

2010: Bruno Cremer, è stato un attore cinematografico, teatrale e televisivo francese. Al cinema debuttò negli anni cinquanta. Nella seconda metà degli anni sessanta l’attore ottenne ruoli di primo piano. Nel 1991 indossò per la prima volta i panni del commissario Maigret.  Colpito da tempo da un tumore alla lingua e alla faringe causato da abuso di nicotina, morì all’età di 80 anni. Aveva tre figli, uno avuto dall’attrice Stéphane Crémer, e due figlie da Chantal Hillion, psichiatra, sua moglie dal dicembre 1984.  (n. 1929)Bruno_Cremer_perfettamente_chic.jpg

1999: Brion James, Brion Howard James, attore statunitense, dopo quindici anni di intensa attività cinematografica in più di 100 film, James muore per un attacco di cuore. L’aspetto rude e l’imponente stazza fisica (era alto 1,91 m) lo rendono particolarmente adatto per i ruoli da criminale o da braccio destro del “cattivo”. Negli anni novanta appare nella serie TV Highlander.  (n. 1945)Brion_James_perfettamente_chic.jpg

1994: Rubi Dalma, Rubi D’Alma o Ruby Dalma, nome d’arte di Giusta Manca di Villahermosa, attrice italiana. Proveniente da una famiglia aristocratica cagliaritana, alta, bella, slanciata, viene scoperta a Milano dal regista Camillo Mastrocinque che la fa debuttare nella pellicola Regina della Scala, dove praticamente interpreta se stessa. Il successivo film, Il signor Max, la fa conoscere al grande pubblico, con il nome d’arte di Rubi Dalma, (per volere di Gabriele d’Annunzio fu una stella del cinema del ventennio fascista) nella parte della gran dama inutilmente corteggiata da Vittorio De Sica. Il film verrà apprezzato da Vittorio Mussolini, il figlio del duce. Intorno alla metà degli anni Trenta Rubi d’Alma aveva incontrato il giovane Federico Fellini che era allora un semplice disegnatore di volti noti del cinema. Fellini rimarrà estasiato dalla bellezza e dall’eleganza della nobildonna che sarebbe poi diventata una stella del cinema. Interpretò 28 film nei quali era quasi sempre in sintonia col suo personaggio. Non usciva mai fuori dal ruolo da lei interpretato, tanto che nel corso delle riprese di alcuni film la produzione decise di costringerla a vivere nel Grand Hotel con l’obbligo di non uscire dal personaggio che le era stato cucito addosso. Esercitò la carriera di artista fino agli anni ‘50, in seguito si ritirò a vita privata. (n. 1906)Rubi_Dalma_perfettamente_chic.jpg

1994: Ignazio Balsamo, attore e produttore cinematografico italiano. Esordisce giovanissimo nei teatri di provincia siciliani al seguito di alcune compagnie dialettali. Durante uno di questi spettacoli viene notato dal registra Pietro Germi. Dopo la prima esperienza Balsamo, trasferitosi a Roma, inizia una intensa carriera cinematografica, interpretando un’ottantina di film nell’arco di circa vent’anni, rimanendo però relegato a ruoli marginali, molto spesso legati alla figura del classico picciotto siciliano. Durante la sua carriera alternò alla professione di attore quella di doppiatore. (n. 1912)Ignazio_Balsamo_perfettamente_chic.jpg

Charles_Maxwell_perfettamente_chic.jpg1993: Charles Maxwell, Charles Carlton Maxwell, attore statunitense. Per il cinema totalizzò dal 1954 al 1965 8 partecipazioni mentre per la televisione diede vita a numerosi personaggi in oltre 60 produzioni dal 1950 al 1969. Per la televisione lavorò soprattutto in serie televisive del genere western. (n. 1913)

1992: John Anderson, è stato un attore di carattere americano che si è esibito in centinaia di produzioni teatrali, cinematografiche e televisive durante una carriera durata oltre quattro decenni. Ha recitato in 47 film dal 1953 al 1989 ed è apparso in oltre 190 produzioni televisive dal 1950 al 1992. Anderson è stato sposato con Patricia Ann Cason fino alla sua morte, avvenuta nel 1989.Morì per un attacco di cuore a 69 anni. (n. 1922)John_Anderson_perfettamente_chic.jpg

Anita_Farra_perfettamente_chic_.jpg1979: Anita Farra, attrice e sceneggiatrice italiana. La carriera di attrice cinematografica composta di circa 31 film, nel periodo di circa 40 anni, è oltremodo discontinua, la Farra non riuscirà mai ad uscire da parti secondarie ed abbandonerà il lavoro per il grande schermo nel 1975, continuando a lavorare in teatro. Saltuarie anche le partecipazioni a programmi radiofonici degli anni trenta e quaranta. Lavora spesso in Spagna, partecipando anche alla sceneggiatura del film Buongiorno, Madrid!  (n. 1905)

Phyllis_Povah_perfettamente_chic.jpg1975: Phyllis Povah, attrice statunitense. Fu soprattutto un’attrice di teatro. Nel 1921 esordì a Broadway in Mr. Pim Passes By e calcò le scene per più di trent’anni. Tra il 1949 e il 1956 apparve anche in alcune serie televisive. E’ stata sposata con  Henry E. Drayton sino alla sua morte e ha avuto due figli.  (n. 1893)

1972: Tom Neal, nato Thomas Neal, attore statunitense.  Il ruolo per cui Neal è oggi maggiormente ricordato fu però quello di Al Roberts nel noir Detour (1945). Sua partner nel film fu l’attrice Ann Savage, con la quale interpretò altre cinque pellicole durante gli anni quaranta. Tom_Neal_perfettamente_chic_ann_savage.jpgLa carriera di Neal proseguì senza particolari exploit negli anni cinquanta, con ruoli in film d’avventura modesti come La frusta di sangue (1953), quest’ultimo interpretato accanto a Barbara Payton, attrice che ebbe una breve e sfortunata carriera a Hollywood. Neal e la Payton furono protagonisti in quel periodo di una tempestosa relazione sentimentale che venne seguita con particolare attenzione dalla stampa scandalistica: la Payton era fidanzata con l’attore Franchot Tone, con cui Neal arrivò allo scontro fisico in una rissa nella quale Tone rimase seriamente ferito. Malgrado il matrimonio con Tone, la Payton mantenne la relazione con Neal, che terminò nel 1955. Mentre la sua carriera si avviava al declino, complice il clamore suscitato dalle sue chiacchierate vicende personali, nel 1956 Neal sposò Patricia Fenton, dalla quale l’anno successivo ebbe il suo unico figlio, Tom Jr.. Il matrimonio durò fino al 1958, anno in cui la Fenton morì prematuramente di cancro. Neal era già stato precedentemente sposato dal 1948 al 1950 con l’attrice Vicky Lane. Neal abbandonò il set e si trasferì a Palm Springs, dove si occupò di giardinaggio e architettura del paesaggio, e dove nel 1961 sposò la sua terza moglie, Gale Bennett, venticinquenne. L’attore tornò tristemente agli onori della cronaca quattro anni più tardi, il 2 aprile 1965, quando confessò di aver sparato alla nuca alla moglie, causandone la morte istantanea. Arrestato e processato per l’uccisione di Gale Bennett, malgrado la richiesta di pena di morte avanzata dall’accusa, Neal fu condannato per omicidio involontario a dieci anni di prigione. Dopo aver scontato quasi sette anni di pena Neal fu rilasciato sulla parola. La riconquistata libertà fu però di breve durata: l’attore morì improvvisamente per un attacco cardiaco, all’età di cinquantotto anni. (n. 1914)Tom_Neal_perfettamente_chic_.jpg

Salvatore_Ferragamo_perfettamente_chic.jpg1960: Salvatore Ferragamo, è stato uno stilista italiano. È il fondatore della casa di moda omonima. Di umili origini, si avvicinò al mestiere di calzolaio in tenera età, aprendo un negozio a soli 13 anni. Nel 1914 emigrò negli USA, dove aprì un negozio di calzature a Santa Barbara. La fama delle sue creazioni ne fece uno stilista apprezzato, in particolare, a Hollywood, dove nel 1923 aprì l’Hollywood Boot Shop e dove le sue calzature vestirono alcune tra le più celebri star (se ne avvalsero, tra gli altri, registi come DeMille e Griffith). Nel 1927 rientrò in Italia, dove aprì un laboratorio a Firenze ingaggiandovi i più esperti artigiani del tempo: qui seppe coniugare i metodi della catena di montaggio con la manualità artigiana. Dopo aver sfiorato il fallimento in seguito alla crisi del 1929, alla fine degli anni Trenta raggiunse una grande notorietà grazie alla scarpa ortopedica con la suola di sughero. Tra i numerosi riconoscimenti ricevuti, si ricorda il premio Neiman Marcus (1947), vinto grazie al suo sandalo invisibile con tomaia in filo di nylon. Nel 1957 scrisse la sua autobiografia, che in Italia apparve soltanto nel 1971 con il titolo Il calzolaio dei sogni. Alla sua morte, l’azienda familiare Salvatore Ferragamo S.p.a. ha continuato ad espandersi, abbracciando più settori di mercato.  (n. 1898)Salvatore_Ferragamo_perfettamente_chic_

1957: Oliver Hardy, attore e comico statunitense (n. 1892)Oliver_Hardy,_perfettamente_chic.jpg

Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia.it, web
Annunci