Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Franco_Moschino_perfettamente_chic_1.jpgMoschino è una casa di moda, fondata nel 1983 dallo stilista Franco Moschino. Nato ad Abbiategrasso in provincia di Milano, figlio di un proprietario di fonderia, rimase orfano a soli otto anni di età e, conseguentemente, venne cresciuto da uno zio. Franco Moschino frequentò l’Istituto Marangoni di Milano nel 1967, con l’intenzione di diventare modellista e sarto. La sua carriera cominciò nel 1971, quando diventò disegnatore per Gianni Versace, per il quale lavorò per sei anni. Dal 1977 al 1982 lavorò come fashion designer per la ditta di abbigliamento Cadette. Franco Moschino fondò la sua prima compagnia, la Moonshadow nel 1983, e lanciò il marchio Moschino Couture! quello stesso anno. Nel 1983 viene presentata la prima collezione Moschino Donna a Milano, che ottiene un notevole successo, confermato l’anno seguente con una nuova collezione. Franco_Moschino_perfettamente_chic_Moschino_Jeans.jpgAll’inizio le sue creazioni si concentrarono sulla moda casual e sui jeans, ma in breve tempo la sua linea finì per estendersi anche alla lingerie, agli abiti da sera, alle scarpe, all’abbigliamento maschile ed ai profumi. Nel 1985 alla classica linea di abbigliamento femminile, ne viene affiancata una per uomo. Nel 1986 nasce Moschino Jeans e nel 1987 il primo profumo prodotto dalla casa di moda Moschino Eau de Toilette.Franco_Moschino_perfettamente_chic_Moschino_Eau_de_Toilette.jpg

Franco_Moschino_perfettamente_chic_Cheap_Chic.jpgNel 1988, Franco Moschino, lanciò una linea “economica”, la Cheap Chic Donna e Cheap Chic Uomo.

Fra il 1989 ed il 1990 vengono aperte due boutique Moschino a Milano. A distanza di dieci anni, ne verrà aperta una terza a Londra.

Le sue creazioni si propongono come parodia e critica dello stesso mondo della moda. Franco Moschino rielabora capi classici, aggiungendo dettagli irriverenti, come tailleur con girandole al posto dei bottoni, o il celebre tubino nero con prezzo ricamato sul capo, o addirittura gonne realizzate interamente di cravatte, camicie mono-manica o T-Shirt con la scritta “Moschifo“. Franco_Moschino_perfettamente_chic_2.jpgAnche le sue sfilate si distinguono per originalità, con le modelle che sfilano in ginocchio, si fa fotografare vestito da donna, ed invia ai media degli slip come inviti alle proprie collezioni.Franco_Moschino_perfettamente_chic_invito.jpg

Negli anni successivi, la casa di moda si pone in netto contrasto contro l’industria della moda internazionale. Dal 1991 i modelli Moschino smettono di sfilare in passerella, e dall’anno seguente viene lanciata una provocatoria campagna pubblicitaria, che rappresenta una presa di coscienza ecologica e morale.Franco_Moschino_perfettamente_chic_1991.jpg

Nel 1993 per celebrare i dieci anni di attività dell’azienda viene esposta una mostra fotografica a Milano, viene pubblicato il libro X anni di caos, e viene presentata una sfilata di capi storici.Franco_Moschino_perfettamente_chic_X_anni_di_caos.jpg

Nel 1994 Franco Moschino muore di un attacco di cuore, ed il suo posto di direttore creativo del marchio, viene rilevato dalla sua collaboratrice storica Rossella Jardini.Moschino_perfettamente_chic_ROSSELLA_JARDINI.jpg

Rossella Jardini (nata nel 1952 a Bergamo), è una stilista e donna d’affari italiana che dal 1994 al 2013 ha lavorato come direttore creativo per Moschino dopo la morte di Franco Moschino. Nel gennaio 2014 ha assunto un nuovo ruolo di consulente per MissoniJardini aveva lavorato con Nicola Trussardi e Bottega Veneta prima di unirsi a tempo pieno a Moschino nel 1983. Nel 2013 è stata succeduta da Jeremy Scott come direttore creativo di Moschino, e nel gennaio 2014 è entrata a far parte di Missoni come consulente di design. Lei, come direttore creativo di tutte le linee di Moschino, ha mantenuto il marchio forte e alla moda. 

Franco_Moschino_perfettamente_chic_forever.jpgNel 1995 vengono esposte in alcune zone di Milano alcune sculture rappresentanti i simboli dell’azienda, accompagnate dalla scritta Forever.

Nell’autunno del 1999 il marchio Moschino è stato rilevato da Aeffe (produttrice di Moschino fin dal 1983), che apre altre boutique a Capri, Taipei, Hong Kong, Berlino, Parigi, Mosca e Bombay. Dal 2000, la Moschino SpA gestisce le attività stilistiche, il coordinamento dell’immagine e della comunicazione, la supervisione della distribuzione e l’ideazione delle strategie commerciali.

Nel 2007 sigla un accordo in esclusiva con la Scienward International Holdings Limited per il franchising e la distribuzione dei propri prodotti in Cina, oltre a raggiungere accordi con la Allison per il progetto, lo sviluppo e la distribuzione della nuova collezione di occhiali Moschino EyewearFranco_Moschino_perfettamente_chic_Moschino_Eyewear.jpg e con Gruppo Binda per la produzione e commercializzazione di orologi e gioielli delle Moschino_perfettamente_chic_Cheap_and_Chic.jpgcollezioni Moschino Cheap and Chic e Love Moschino. Franco_Moschino_perfettamente_chic_Moschino_Helmets.jpgNel novembre di quell’anno, viene inoltre presentata in anteprima la collezione di caschi Moschino Helmets, in collaborazione con la Max Safety Fashion.

Nell’ottobre 2008 Moschino raggiunge l’intesa con Altana per la creazione, sviluppo e distribuzione delle collezioni Moschino Teen, Moschino Kid e Moschino Baby. Moschino_perfettamente_chic_Moschino_Baby.jpgIl 25 febbraio 2010, viene inaugurato a Milano l’hotel Maison Moschino, nella palazzina che fu la sede della prima stazione ferroviaria del capoluogo lombardo.Franco_Moschino_perfettamente_chic_Maison_Moschino.jpg

Ad aprile 2010 si tiene al GUM di Mosca Inside Moschino, una retrospettiva sul marchio italiano dalla fondazione ai giorni nostri.

Nel 2013 Moschino festeggia trent’anni. A settembre lancia una collezione limitata di accessori in edizione limitata con tutti i simboli della maison e i suoi colori. Addobba le vetrine delle sue boutique a festa, con un’enorme torta e trenta candeline ciascuna delle quali indossa un capo del marchio. Moschino_perfettamente_chic_2013Il 21 settembre sfila a Milano e festeggia il suo trentesimo compleanno con la collezione Primavera/Estate 2014, portando in scena ottanta abiti caratterizzati dallo stile inconfondibile di Moschino e alcuni pezzi d’archivio.

Il 28 ottobre 2013 la direzione creativa del brand viene affidata a Jeremy Scott, designer americano, classe 1975.Moschino_perfettamente_chic_Jeremy_Scott.jpg La prima collezione Moschino dell’era Jeremy Scott è ispirata al fast-food e a personaggi dei cartoon come Spongebob. Una speciale collezione limitata viene messa in vendita on-line pochi minuti dopo la sfilata milanese.Moschino_perfettamente_chic_Spongebob.jpg

Nel gennaio del 2015 apre il primo flagship store a Los Angeles, nello stesso mese Jeremy Scott viene insignito del premio “Womenswear Designer of the Year“, mentre a giugno inaugura una nuova boutique a Milano in Piazza Gae Aulenti, nell’area di Porta Nuova, e a luglio una a Soho, a New York. A novembre Moschino e Barbie annunciano la collaborazione per la realizzazione di due bambole da collezione e una collezione limitata di abiti ready-to-wear.Moschino_perfettamente_chic_Barbie.jpg Il mese successivo, in partnership con Nintendo, viene lanciato il progetto speciale “Super Moschino” per celebrare i 30 anni del popolare personaggio Mario della serie Super Mario Bros. La collezione include abiti e accessori caratterizzati dalla grafica dei videogiochi.Moschino_perfettamente_chic_Nintendo.jpg

Il primo progetto importante del 2016 riguarda un’altra collaborazione, questa volta con Cartoon Network, per il lancio di una collezione ispirata alle Powerpuff Girls.Moschino_perfettamente_chic_Powerpuff_Girls.jpg

Jeremy Scott, nella Collezioni Autunno Inverno 2018-19 Moschino, riesce nell’ impresa non facile e, ironizzando su miti e star americane, delinea i contorni di un guardaroba perfetto per la donna Moschino

La collezione Moschino Autunno/Inverno 2019-20 è stata presentata  su una passerella allestita  come un game show americano anni ’90. Tra abiti gioiello, stampe che riproducono dollari e slot machine, paillettes, cristalli e pettinature cotonate, le modelle si sono trasformate in sexy vallette dallo stile pop ed esuberante.

Marchi MOSCHINO:

Moschino Couture! (dal 1983)
Moschino Jeans (dal 1986 al 2009)
Moschino Cheap and Chic (dal 1988 al 2015)
Nature Friendly Garment by Moschino (dal 1994)
Friends Men Moschino (dal 2005)
Moschino Funny (dal 2006)
Love Moschino (dal 2009)
Boutique Moschino (dal 2015)

Profumi MOSCHINO:

Moschino, profumo da donna lanciato nel 1987
Pour Homme, profumo da uomo, lanciato nel 1990
Cheap and Chic, profumo da donna, lanciato nel 1995
Oh! De Moschino, profumo da uomo, lanciato nel 1996
Uomo?, profumo da uomo, lanciato nel 1998
L’Eau Cheap and Chic, profumo da donna, lanciato nel 2001
Couture!, profumo da donna, lanciato nel 2004
I Love Love, profumo da donna, lanciato nel 2005
Hippy Fizz, profumo da donna, lanciato nel 2006
Friends Men, profumo da uomo, lanciato nel 2006
Funny!, profumo da donna, lanciato nel 2007
Glamour, profumo da donna, lanciato nel 2008
Moschino Forever, profumo da uomo, lanciato nel 2011
Pink Bouquet, profumo da donna, lanciato nel 2012
Toy, profumo unisex lanciato nel 2014
Fresh, profumo da donna, lanciato nel 2015
Toy 2, profumo da donna lanciato nel 2018

aggiornato al 18 settembre 2019
Autore: Lynda Di Natale
Fonte: moschino.com, wikipedia, web