Tag

, , , , , ,

Da ragazza sognavo di trovare il grande amore che mi ricoprisse di attenzioni. Poi è arrivato Morgan dallo sguardo di tenebra che ha catturato il mio cuore e non lo ha più lasciato. Lui aveva un carattere difficile ma, innamorata com’ero, non diedi importanza a quel particolare. Pensavo che, grazie al mio grande amore, sarei riuscita a cambiarlo. Ogni pomeriggio spiavo dalla finestra di camera mia mentre lui, in cortile, lucidava la sua moto.love_story_perfettamente_chic_1

Un giorno la mamma mi ha mandata a fare una commissione. Il tempo di scendere e ragazzo e moto erano spariti. Che sfortuna! Mentre ritornavo a casa, l’ho sentito arrivare con la sua moto e mi sono bloccata li dov’ero. Il mio cuore sembrava impazzito.  Lui, arrivato accanto a me, ha spento il motore e mi ha guardata: “Ti sposti o devo passarti sopra?” Che antipatico! Come si permetteva a parlarmi in quel modo?  Invece di dirgliene quattro mi sono fatta da parte scusandomi. Lui ha parcheggiato al solito posto ed io mi sono avvicinata mentre e, un po’ intimidita, gli ho detto che la sua moto era stupenda. Lui si è voltato e mi  ha guardata dall’alto in basso: “Allora te ne stai nascosta ogni giorno dietro la finestra perché  ti piace la mia moto?” Sperando di non essere arrossita ho inventato una pietosa bugia: “Quella è la mia gemella. Io sono tornata stamattina dalle vacanze.” Morgan ha cominciato a ridere facendomi desiderare di non essere li: “Tuo fratello non mi ha mai detto di avere sorelle gemelle.”  Mi stava prendendo in giro senza pietà. Ho fatto l’indifferente: “Conosci mio fratello?” Lui ha fatto il vago: “Ci siamo parlati qualche volta. L’ho cercato per sapere qualcosa sulla ragazza tanto carina che spia la mia moto dalla finestra. Come si chiama?” Sospirando con rassegnazione gli ho detto il mio nome: “Mi chiamo Ilaria. Smettila di prendermi in giro, per favore. Ho una dignità da difendere.” Lui mi ha sorriso porgendomi  la mano: “Sono Morgan. Visto che ti piace così tanto la mia moto, che ne diresti se un giorno ti invitassi a farci un giro?” stringendogli la mano ho detto: “Guarda che sono un pericolo pubblico.” Lui mi ha guardata con decisione: “Ovviamente guido io.” Così è iniziata la nostra amicizia. Dopo un mese lui mi ha confessato di essere innamorato di me. Ha parcheggiato la sua adorata moto sotto casa, ha tirato fuori una scatolina e, prima di aprirla ha detto: “Prometti che non ridi di me. Non sono bravo con le romanticherie. La prima volta che ci siamo parlati non sono stato molto carino. Questo l’ ho fatto per te con le mie mani . Ce ne sono solo due. Serve per farti capire quanto tengo a te. Se prima dedicavo tutto il mio tempo alla mia moto, adesso nel mio cuore ci sei anche tu. Ti amo.” Ha aperto la scatola e ha tirato fuori un ciondolo identico a quello appeso al suo bolide. Lo aveva  realizzato intrecciando un cuore con del fil di ferro e lo aveva infilato ad un filo di caucciù. Pur sapendo che lui odia le ragazze che si sciolgono in lacrime sono scoppiata a piangere come una fontana. Invece di allontanarsi infastidito come mi aspettavo, lui mi ha preso il viso tra le mani e mi ha baciata. Le farfalle nel mio stomaco sembrarono impazzite. Avrei voluto che il mondo e il tempo si fermassero in quel momento. Al colmo della gioia mi sono ritrovata a ricambiare il suo bacio,incurante del fatto che i miei genitori avrebbero potuto uscire e sorprenderci, rovinando quel meraviglioso incanto. Quando ho parlato ai miei di ciò che provavo per Morgan, mio fratello ha provato a dirmi che quel ragazzo non era adatto a me ma non ha insistito più di tanto. Sapeva che avrei difeso il mio amore di fronte al mondo intero.love_story_perfettamente_chic_2.jpg

Ogni  week end Morgan prendeva  la sua moto e si ritrovava con i suoi amici per fare delle gite su due ruote. Qualche volta mi ha chiesto di accompagnarlo. Poi, all’improvviso, ha deciso che era meglio che restassi a casa. A me andava bene. Non mi divertivo molto durante quei week end ed usavo quei giorni per tenermi in pari con gli studi universitari. Ad un certo punto della nostra storia, dopo tutti i week end estivi trascorsi i coi miei amici ma senza il mio innamorato, gli ho chiesto di dedicarmi la prima domenica di bel tempo. Volevo una giornata solo per noi. Non m’importava dove mi avrebbe portato.  Lui, controvoglia,ha deciso di accontentarmi. Dopo settimane di giorni grigi, è arrivato finalmente un week end di sole. Ce ne siamo andati in giro con la moto tutto il giorno senza una meta precisa. Al calar del sole ci siamo fermati nel parco vicino casa per ammirare il tramonto. Morgan si è seduto su una panchina accanto a me, mi ha preso le mani e ha detto: “Mi sono divertito molto oggi. Se tu accettassi di venire a vivere con me avremmo più tempo da passare insieme. Poi, dopo aver messo da parte un po’ di soldi, potremmo pensare al matrimonio. Che ne pensi?” Avevo sognato tanto quel  momento. Mi ero vista mentre gli gettavo le braccia al collo e gli dicevo di si. Invece ho liberato le mani dalle sue e mi sono alzata voltandogli le spalle. Dopo un momento di riflessione sono tornata a guardarlo negli occhi: “Ti amo più di quanto ami me stessa, credimi. Però, penso di non essere pronta ad iniziare una convivenza con te ne, tantomeno, a sposarti. Non voglio dividerti con un’altra. Non importa che si tratti di una donna o semplicemente della tua moto. Mio fratello mi aveva avvisata che non sarebbe stato semplice competere con la tua grande passione ma non gli ho  dato ascolto.love_story_perfettamente_chic_3

Credevo che avresti capito.” Ho preso la collana con cui mi ha confessato il suo amore e gliel’ho lasciata nelle mani mentre lui mi osservava sorpreso: “Guardati dentro Morgan e cerca di capire cosa vuoi. Fatti vivo solo quando e se capirai che per te sono più importante della tua moto.  Io voglio essere al primo posto nel cuore dell’uomo che amo.” Ho girato sui tacchi e sono andata via senza voltarmi. Speravo che lui mi raggiungesse per farmi cambiare idea. Morgan il tenebroso, però, è troppo orgoglioso. Mi cercherà domani, forse, mostrandosi offeso e facendo di tutto  per farmi tornare sui miei passi. Stavolta non l’avrà vinta lui. Asciugando le lacrime ho fatto un respiro profondo per ritrovare le forze,  ho sorriso guardando davanti a me ed ho deciso che quello è l’inizio di una nuova fase nella mia vita.

Autore: Clorinda Di Natale
Pubblicato: felicementesposati.it