Tag

, , , , , , ,

Quando una famiglia viene fuori da una serie di eventi poco piacevoli e difficili, aspetta soltanto che arrivino occasioni liete per riunirsi e festeggiare. Come quella di oggi. Siamo tutti un po’ emozionati. I miei gemelli, Giada e Niccolò saranno damigella e paggetto d’onore della sposa. Hanno solo sei anni e per loro l’amore è quello delle favole che gli racconto per farli addormentare. Mi hanno fatto un sacco di domande sull’avvenimento odierno, ma ora sono concentrati solo sul loro ruolo nella cerimonia. Amanda li assilla da una settimana, perché eseguano il loro compito alla perfezione. Lei ha quattordici anni e sta scoprendo adesso l’amore. Attraverso i suoi romanzi sui vampiri buoni, le infatuazioni per i cantanti o gli attori e i primi batticuori adolescenziali. Sogna un amore romantico: il suo principe azzurro sul cavallo bianco. Per lei la giornata di oggi è come il lieto fine di un romanzo. Un’occasione per far festa, indossare un bel vestito ed acconciare i suoi lunghi capelli in modo insolito rispetto agli altri giorni. Una giornata da ricordare e da rendere il più possibile perfetta. Le sono stati assegnati dei compiti e lei ce la sta mettendo tutta affinché tutto vada bene.

piccole_damigelle_perfettamente_chic.jpg

 

Amanda discute di continuo con Valeria. Anche stamattina! Darebbero la vita l’una per l’altra, ma al mattino non escono di casa se prima non si accapigliano per qualche sciocchezza. Valeria ha ventitré anni e la sua impulsività le ha regalato una gravidanza. Alla sua età spesso il sentimento e la passione prendono il sopravvento sulla ragione e la prudenza. Lei è innamorata persa del suo Lorenzo. Entrambi, pur avendo conosciuto le prime pene d’amore, continuano a vivere le loro emozioni con intensità. Tra circa sei mesi verrà alla luce il loro bambino e scopriranno quanto è grande l’amore dei genitori per i figli. Oggi avrebbe potuto essere il giorno delle loro nozze, ma Vale ha rifiutato per non togliere nulla al giorno più bello di una delle persone che ama di più al mondo. Anche lei è emozionata. Data la sua condizione, a differenza di sua sorella, non ha ricevuto compiti particolari dalla sposa ma, come per tutti, questo giorno è importante anche per lei.

 

Siamo tutti agitati oggi, oltre che emozionati. Persino mio marito Andrea lo è. Lui è entrato a far parte della nostra famiglia più o meno ventisei anni fa. Ha capito subito come funzionavano le cose a casa mia e si è integrato immediatamente. I miei fratelli lo considerano un fratello aggiunto. Anche noi a quei tempi eravamo incoscienti come Valeria e Lorenzo. Con gli anni il nostro amore è maturato e si è trasformato. Nonostante ciò ci amiamo come il primo giorno. Abbiamo fatto tutto ciò che era nelle nostre possibilità per arrivare a vivere questo giorno. Lei se lo merita.

piccole_damigelle_perfettamente_chic_1.jpg

Per nessuno, però, oggi è importante quanto lo è per mia mamma. Lei sarà la protagonista assoluta di questo grande giorno. Stamattina, quando si è alzata, la prima cosa che ha fatto è stata guardare la foto di papà che ha sempre un posto d’onore sulla mensola in cucina. Da lì lui ha presenziato a tutti i momenti importanti della nostra vita. Mentre facevamo colazione mi ha detto: “ Sono sicura che lui approva ciò che sto facendo.” Io l’ho rassicurata dicendole che papà voleva solo la sua felicità. Lui è stato vittima di un incidente quando noi eravamo tutti molto piccoli. La mamma ha trascorso i migliori anni della sua vita a lavorare per garantirci una vita dignitosa. Non ci ha mai fatto mancare nulla. I nonni e gli altri le ripetevano di continuo che era giusto che si cercasse un nuovo compagno di vita, ma lei pensava solo al nostro benessere. Ci ha aiutato a realizzare i nostri sogni. Ci ha seguiti finché ognuno di noi non si è sposato e solo quando ci ha visti tutti sistemati ha deciso di dedicarsi di nuovo a se stessa. Rimasta sola, ha cominciato a frequentare il gruppo parrocchiale, ha frequentato le scuole serali ed ha iniziato un corso per imparare ad usare il pc. Si è creata un profilo su Facebook e lì ha ritrovato alcuni compagni di gioventù, ma soprattutto è stata contattata da Oreste, il suo primo amore. Ha scoperto che anche lui era rimasto vedovo da qualche anno. Dopo essersi incontrati parecchie volte ed aver preso parte a qualche serata danzante tra amici, mamma ed Oreste hanno scoperto che stavano bene insieme. Il loro amore era ancora vivo, nonostante loro fossero ormai avanti con gli anni. Dopo alcuni mesi di riflessione hanno deciso di combattere la solitudine andando a vivere assieme. I miei fratelli e i figli di lui non hanno preso di buon grado la notizia. Pensavano che la mamma non avesse più l’età per iniziare una nuova relazione con un uomo. Lei e Oreste ci rimasero molto male. Credevano che i loro ragazzi li avrebbero capiti. Comunque non rinunciarono ai loro progetti.  Anzi, più loro gli davano contro, più si convincevano che stavano facendo la cosa giusta. Un giorno, quando andai a trovare la mamma per lasciarle i gemelli, lei mi confidò il suo disappunto. La sua energia nel difendere quell’amore mi ha commosso. Quando ne ho parlato con Andrea lui si è schierato immediatamente dalla parte della mamma. È stato lui a convincere i miei fratelli che non c’era niente di sbagliato se la mamma voleva concedersi una seconda chance. Il suo discorso fu molto efficace. Dopo vari tentativi, riuscimmo a persuadere anche i figli di Oreste sul fatto che il loro padre e nostra madre avevano diritto a costruirsi un po’ di serenità. Ed eccoci qui.

piccole_damigelle_perfettamente_chic_2.jpg

 

Ormai tutto è pronto. La sposa, come tradizione, è molto emozionata. Eh sì! L’amore non ha età. Una sposa è pur sempre una donna innamorata. Nonostante i suoi sessantacinque anni, mentre si appresta a sposare il suo primo amore, mia madre ha negli occhi la stessa emozione che potrò leggere un domani negli occhi di mia figlia e che avevo io nel cuore quando ho sposato Andrea. Quell’emozione che rende bellissime tutte le spose nel loro giorno più bello.

Autore: Clorinda Di Natale
Foto: andrea::tognoli
Annunci