Tag

, , , , , , , , , , , ,

Etro, famosa per i suoi disegni paisley (disegno ottenuto utilizzando il boteh o buta, un motivo vegetale a forma di goccia di origine persiana), è una casa di moda italiana fontata nel 1968 da Gerolamo “Gimmo” Etro, come azienda tessile, dedicandosi esclusivamente alla produzione di tessuti di arredamento: dalle stoffe in cachemire e seta, fino ad arrivare al lino ed al cotone, ogni tessuto dipingeva, tramite l’uso di colori intensi come l’arancione, il giallo ed il fucsia, un’idea nuova di vivere la casa. Oggi Etro è gestita dai quattro figli del fondatore.family_etro_perfettamente_chic.JPG L’azienda ha sede a Milano in Via Spartaco, in un edificio ristrutturato nel 1977,che contiene anche l’archivio dell’arte tessile paisley ospitato nella biblioteca aziendale.Gimmo_etro_perfettamente_chic.jpgDopo un viaggio in India da cui trae ispirazione, Gerolamo Etro introduce nel 1981 il motivo paisley  definito “vorticoso” da Elle Magazine e diventato sinonimo della maison nel 1984. logo_etro_perfettamente_chic.jpgI primi esperimenti tessili su sciarpe e cravatte raggiunsero l’apice negli Anni ’80, con la nascita della prima collezione di borse, accessori e valigie, capace di segnare l’ascesa del marchio, fino a diventare un vero e proprio status symbol: l’esclusivo jacquard a disegno cachemire trattato con un procedimento di plastificazione fu in grado di far innamorare moltissime donne, che lo scelsero anche per portafogli, sacche da viaggio e beauty case. Nel 1985 debutta la collezione homewear (abbigliamento casa).paisley_etro_perfettamente_chicJacopo Etro lavora nell’azienda di famiglia dal 1982, attualmente come direttore delle collezioni Accessori e Pelletteria, Home e Tessuti, e come capo della divisione Comunicazione. Nel 2010 è stato eletto consigliere della Camera Nazionale Della Moda Italiana come delegato per il settore del tessile italiano. Jacopo Etro ha in seguito ricordato come fin da quando era bambino aveva iniziato a consultare l’archivio, trascorrendo molto tempo a copiare i disegni dei tessuti e sperimentando il suo proprio stile creativo.

jacopo_etro_perfettamente_chic

Mi definirei un ricercatore. Nei tessuti la ricerca e la sperimentazione sono fondamentali: bisogna avere costanza, non fermarsi mai, anche se, per me, la spinta verso il nuovo non può prescindere da un forte legame con i valori del proprio vissuto.

Kean Etro è il direttore creativo delle collezioni Uomo, per cui trae ispirazione dai suoi viaggi e dalle diverse culture con cui entra in contatto. Ha studiato in alta montagna a Villars Svizzera, Aiglon College, poi a Cambridge e Storia medievale a Milano.Entra a far parte dell’azienda di famiglia nel 1986 come esperto informatico. Nel 1989 ha sviluppato la divisione Profumi. Nel 1990 crea la sua prima collezione maschile, imprimendo straordinaria forza all’ondata di trasformazione creativa già in atto nel brand, e nel 1997 presenta la sfilata Uomo incentrandola sul concetto di “Nuova Tradizione”, che diventerà uno dei temi dominanti del suo stile. Sino all’arrivo di sua sorella Veronica (2000) ha disegnato anche la collezione donna. Nel 2003 progetta il sito web di famiglia vincendo numerosi premi in Italia e all’estero. Kean è molto sensibile ai temi ambientali e sociali e ha ideato e portato avanti iniziative quali “Gli Oggetti dell’Affetto” con Sotheby’s a favore di Vidas o il “Tree of Life”. kean_etro_perfettamente_chic

La definizione di stilista mi sta stretta, preferirei essere accostato all’idea di folletto, a una creatura fantastica che scopre e riscopre idee sempre nuove. Quel che voglio è trovare soluzioni inedite, solide, all’interno di una sapienza tutta Naturale.

Veronica Etro è direttore creativo della linea Donna, di cui fu presentata la sua prima collezione nel 2000. Ha studiato alla Deutsche Schule di Milano dove ha conseguito sia la maturità tedesca “Abitur” che quella italiana, ha successivamente frequentato il Central St Martins College of Art and Design a Londra, diplomandosi nel 1997. Decide di collaborare con altri designer prima di entrare nell’azienda di famiglia nel 1998, affiancando il fratello Kean nella direzione creativa delle collezioni Donna. Considerata uno dei talenti italiani di nuova generazione, Veronica riesce a fondere, nelle sue creazioni, culture e sapori, arti e saperi scovati nel corso di viaggi o durante la vita quotidiana. Le linee morbide, scivolate, incontrano talvolta pitture a mano, altre volte drappeggi e la sartorialità che caratterizza il brand.veronica_etro_perfettamente_chic

Il mio è un lavoro emotivo. Osservo tutto e accumulo sensazioni e ispirazioni che condivido con il mio team creativo. Ho un quaderno di appunti dove annoto ciò che mi colpisce. Poi procedo per sottrazione: il quaderno via via si ripulisce, la gran parte delle cose viene gettata e arriva il momento in cui bisogna avere il coraggio di chiudere il cerchio. Quello che resta è il cuore della collezione.

Ippolito_etro_perfettamente_chic.jpgIppolito Etro entra a far parte dell’azienda nel 1991 come responsabile della divisione amministrativa e successivamente come Direttore Generale. Il The New York Times lo ha citato riportando le seguenti parole: “Mio padre ci ha sempre detto che avremmo potuto fare quello che volevamo nella vita. Ma, ‘Se si lavora qui, si deve ricominciare da zero”. A 11 anni entra in collegio, dove termina le medie e consegue l’esame di maturità inglese – A Levels – gli studi proseguono a Londra, all’UCL (University College London), dove, pur frequentando contemporaneamente primo e secondo anno di economia e commercio, si laurea in biologia nell’88. Nello stesso anno parte per New York e vi resta fino al 1991. Acquisisce esperienza lavorando presso un consulente amministrativo, fiscale e immobiliare per occuparsi poi di Etro Usa quando l’azienda decide di aprire la filiale di New York. Rientra in Italia nel ‘91, per seguire la divisione amministrativa, ne diventa successivamente responsabile e poi Direttore Generale, carica che ricopre fino ai primi mesi del 2014. Poco incline alla mondanità, compare raramente sulla stampa, ma è una figura fondamentale: è lui che calibrando pragmatismo e fantasia imprenditoriale definisce l’espansione commerciale e fa quadrare i conti.

É tutto una questione di timing, anche nella vita. Bisogna saper accelerare o rallentare quando è necessario.

Le collezioni maschili sono state presentate negli anni attraverso sfilate concettuali, come quella dell’Autunno-Inverno 03 in cui gli ospiti hanno assistito alla sfilata all’interno di un treno d’epoca che ha viaggiato per due stazioni di Milano.Gli articoli a motivo paisley sono quelli più iconici della maison. Un altro articolo caratteristico è la camicia “cooked”, cucinata, ossia tinta con more o altri ingredienti per produrre l’effetto desiderato.cooked_etro_perfettamente_chicLa collezione femminile è stata lanciata nel 1991. Quella della Primavera-Estate 2016 presentata a Milano è stata commentata da Angelo Flaccavento come una collezione che “spettacolo fuori dal savoir-faire dei suoi atelier”, incentrata sul tema del “balletto”, e che si è orientata verso una direzione più leggera rispetto alle stagioni passate, per cui “everything had a charming, undone quality that looked appealing and felt new.” The New York Times ha descritto la collezione come “un’ode al volgere del secolo la femminilità”, sottolineando come la danza abbia rivestito un importante ruolo durante la sfilata.Primavera_Estate_2016_etro_perfettamente_chic.jpgLa collezione di fragranze viene lanciata nel 1989 e debutta all’interno della boutique di Milano in via Verri. Due recenti fragranze sono il profumo Rajasthan, ispirato all’omonima regione indiana, rajasthan_etro_perfettamente_chic.JPGe il Jacquardjacquard_etro_perfettamente_chic.JPGLa prima sfilata di Etro si è tenuta in occasione della settimana della moda di Milano nel 1996. L’azienda inizia la promozione pubblicitaria sul The New York Times a partire dal 1999, e dal 2013 è presente anche online, oltre che presso negozi e boutique. Nel 2014 la casa editrice Rizzoli pubblica “Etro”, una monografia sulla storia della maison.

Aggiornato al 26/02/2017
Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia e etro.com
Annunci