Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Carol_Lynley_perfettamente_chic2019: Carol Lynley, pseudonimo di Carole Ann Jones, attrice statunitense, iniziò ancora bambina l’attività di modella, arrivando alla copertina del Life Magazine nel 1957, quando aveva 15 anni. Molto attiva sul grande schermo durante gli anni sessanta e settanta, è nota al pubblico per le sue interpretazioni in film come Bunny Lake è scomparsa (1965).  (n. 1942)

2019: Peter Lindbergh, pseudonimo di Peter Brodbeck, è stato un fotografo di moda tedesco. Nel 1978 si trasferisce a Parigi e si concentra sulla fotografia di moda, in quel periodo fotografa molte top model e attrici. Molti suoi lavori sono apparsi nel magazine Vogue e in riviste come Marie Claire, Interview e Harper’s Bazaar. Ha pubblicato vari libri fra cui: 10 Women by Peter Lindbergh (1993) e Peter Lindbergh: Images Of Women (2004). È il fotografo dell’edizione 2009 del celebre calendario Dieux du Stade. (n. 1944)Peter_Lindbergh_perfettamente_chic

2018: Lydia Clarke, Lydia Marie Clarke, attrice statunitense, nel 1944 sposò Charlton Heston, suo compagno di studi e con lui intraprese la carriera nella recitazione, partecipando inizialmente ad allestimenti teatrali estivi. La Clarke si ritirò dalle scene per dedicarsi alla famiglia: dal matrimonio con Heston ebbe due figli, Fraser (futuro regista), nato nel 1955, e Holly, nata nel 1961. In seguito rientrò nel mondo del cinema partecipando occasionalmente a film interpretati dal marito. (n. 1923)Lydia_Clarke_perfettamente_chic.JPG

2012: Michael Clarke Duncan, attore statunitense. è stato un attore statunitense, interprete di molti film in ruoli da caratterista, il più celebre dei quali è quello del gigante buono John Coffey ne Il miglio verde (1999), ruolo per il quale è stato candidato all’Oscar nella categoria miglior attore non protagonista. Mentre si trovava nella sua abitazione di Los Angeles subì un infarto del miocardio. Prima di essere trasportato in ospedale, la fidanzata Omarosa Manigault gli praticò una rianimazione cardiopolmonare. Secondo alcune fonti l’intervento della donna fu fondamentale. Tuttavia Duncan non si riprese mai completamente, e rimase in terapia intensiva sino al giorno in cui morì all’età di 54 anni. (n. 1957) Michael_Clarke Duncan_perfettamente_chic

2001: Ferruccio Amendola, è stato un attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano. È noto soprattutto per essere stato la voce ufficiale di Robert De Niro, Sylvester Stallone, Dustin Hoffman e Tomas Milian. Ha anche prestato la voce ad Al Pacino e Bill Cosby in alcune significative interpretazioni. Si sposò con l’attrice e doppiatrice Rita Savagnone, da cui divorziò e dalla quale ebbe due figli: uno è Claudio, noto attore, conduttore televisivo e regista, che gli ha dato tre nipoti fra cui Alessia, attrice e doppiatrice. Era nipote del commediografo e sceneggiatore Mario Amendola. Mori all’età di 71 anni a causa di un tumore alla gola che lo affliggeva da tempo. (n. 1930)Ferruccio_Amendola_perfettamente_chic.jpg

1991: Frank Capra, Frank_Capra_perfettamente_chicFrank Russell Capra, nato Francesco Rosario Capra, è stato un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano naturalizzato statunitense. Ultimogenito dei sette figli di Salvatore Capra, un fruttivendolo, e di Rosaria “Serah” Nicolosi. All’età di sei anni emigra con la famiglia negli Stati Uniti. L’incontro con il mondo del cinema è piuttosto fortuito.  È stato uno dei registi più importanti dell’epoca d’oro di Hollywood, fra gli anni trenta e gli anni quaranta, autore di alcuni film memorabili, commedie e apologhi morali, caratterizzati da tanto ottimismo, capaci di divertire ed insieme commuovere il pubblico. Fra le sue inimitabili commedie, si ricordano in particolare l”on the road” Accadde una notte (It Happened One Night) (1934), la “trilogia sociale” È arrivata la felicità (Mr. Deeds Goes to Town) (1936), Mr. Smith va a Washington (Mr. Smith Goes to Washington) (1939), Arriva John Doe (Meet John Doe) (1941), L’eterna illusione (You Can’t Take It with You) (1938) e la «favola natalizia per eccellenza» La vita è meravigliosa (It’s a Wonderful Life) (1946). Capra sposò l’attrice Helen Howell nel 1923. Divorziarono nel 1928. Si sposò con Lucille Warner nel 1932, dalla quale ebbe una figlia e tre figli, uno dei quali morì in tenera età. Durante la sua carriera di regista, ha mantenuto l’ambizione iniziale di insegnare scienze e, dopo il declino della sua carriera negli anni ’50, ha realizzato film televisivi educativi legati a materie scientifiche. Fisicamente, Capra era basso, tozzo e vigoroso e amava le attività all’aria aperta come la caccia, la pesca e l’alpinismo. Nei suoi ultimi anni, ha trascorso del tempo a scrivere racconti e canzoni, oltre a suonare la chitarra. Le carte personali di Capra e alcuni materiali relativi ai film sono contenuti negli archivi del cinema della Wesleyan University , che consente a studiosi ed esperti dei media il pieno accesso. (n. 1897)

1954: Eugene Pallette, nato Eugene William Pallette, è stato un attore cinematografico statunitense. Usò anche il nome di Gene Pallette. Eugene_Pallette_perfettamente_chic.jpgLa sua prima moglie fu l’attrice Phyllis Gordon. Dopo aver prestato servizio in aviazione durante la prima guerra mondiale, Pallette ritornò al cinema nel 1919. A quell’epoca l’attore possedeva ancora una figura scattante e atletica, che lo rese interprete ideale del personaggio del raffinato Aramis ne I tre moschettieri (1921). Nella seconda metà degli anni venti Pallette iniziò ad acquistare peso. L’amore per la buona tavola, un appetito incontrollabile e l’avversione per le diete lo condussero a un massiccio mutamento della corporatura e lo costrinsero a privilegiare progressivamente ruoli di carattere. Personaggio eccentrico fuori dal set, verso la metà degli anni quaranta Pallette rallentò l’attività e dopo un ultimo ruolo nel noir Orgasmo (1946), si ritirò per un paio d’anni in completo isolamento nel suo ranch. Stanco della solitudine, nel 1948 fece ritorno a Los Angeles e riprese a frequentare la comunità di Hollywood, ma non apparve più sugli schermi, complice il progressivo deteriorarsi delle sue condizioni di salute. L’attore morì di cancro all’età di sessantacinque anni, assistito dalla sorella Beulah Phelps e dalla seconda moglie Marjorie Cagnacci, che aveva sposato nel 1932. (n. 1889)

Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia.org, web