Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Thierry Mugler, Manfred Thierry Mugler, stilista francese, direttore creativo e consulente creativo di Mugler, è noto per le creazioni eccentriche che acutizzano le forme del corpo, come le spalle, la vita stretta e i fianchi, e per l’utilizzo di materiali come pelle, lattice, gomma e plastica.

Negli anni ’70 Mugler ha lanciato la sua omonima casa di moda; e rapidamente salì alla ribalta nei decenni successivi per il suo approccio avanguardistico, architettonico, iperfemminile e teatrale all’haute couture. Nel 2002 si è ritirato dal marchio, lavorò anche come fotografo, ed è tornato nel 2013 come consulente creativo.

All’inizio della sua carriera ha disegnato look esclusivi per Grace Jones, David Bowie e Diana Ross; così come gli abiti per il video musicale ” Too Funky ” di George Michael , e in particolare l’abito di Demi Moore del film Proposta indecente del 1993, che una volta era stato coniato “l’abito più famoso degli anni ’90”. Mentre ha anche lanciato il profumo Angel, che è diventato uno dei profumi più venduti del 20° secolo.

Ho sempre pensato che la moda non fosse sufficiente a se stessa e che bisognasse mostrarla in un ambiente musicale e teatrale

Negli anni successivi, i modelli vintage di Mugler videro una significativa rinascita tra le celebrità, tra cui Lady Gaga nel video musicale di Telephone,Cardi B, che aveva una lunga amicizia con Mugler, spesso indossando i suoi modelli vintage su  red carpets e video musicali, oltre a citare il marchio nella canzone Wild Side. Ha anche disegnato i costumi per I Am… World Tour di BeyoncéRendendo così il suo marchio uno dei marchi di lusso più ambiti dai consumatori della Generazione Z, secondo Teen Vogue. Nel 2019, ha creato un modello unico per Kim Kardashian da indossare al Met Gala. Nello stesso anno il Museo di Belle Arti di Montreal (MMFA) ha lanciato la mostra ‘Thierry Mugler: Couturissime‘ a lui dedicata: una raccolta di 150 pezzi tra le sue creazioni più emblematiche scelti nell’archivio del couturier e che coprono il periodo tra il 1977 e il 2014.

Mugler è nato a Strasburgo. La sua passione lo porta a concentrarsi più sul disegno che sulla scuola, e all’età di 9 anni, inizia a studiare danza classica. A 14 anni si unì al corpo di ballo dell’Opera del Reno (Opéra national du Rhin). Allo stesso tempo, Mugler ha iniziato una formazione in interior design presso la Scuola di arti decorative di Strasburgo.

Nel 1971, poco più che ventenne, Mugler iniziò a disegnare abiti per Karim, già mostrando i look a spalle larghe, derivati ​​dagli anni ’40 per i quali sarebbe diventato famoso negli anni successivi. All’età di 24 anni Mugler si trasferì a Parigi e inizia a lavorare come vetrinista per la boutique parigina, Gudule. Un lavoro che gli permette di seguire alcuni corsi di arte decorativa nel tempo libero: da qui, l’inizio della sua carriera di disegnatore di abiti. A 26 anni Mugler, che lavorava come designer freelance, iniziò a disegnare per una varietà di grandi case di moda prêt-à-porter a Parigi, Milano, Londra e Barcellona.

Nel 1973 Mugler crea la sua prima collezione personale chiamata Café de Paris. Lo stile della collezione era sofisticato e urbano. Melka Tréanton, una potente fashion editor, ha contribuito a lanciare la sua carriera. Nel 1976 gli chiede di mostrare il suo lavoro a Tokyo per un evento organizzato da Shiseido ( una multinazionale giapponese di cosmetici). Nel 1978, ha aperto la sua prima boutique a Parigi in Place des Victoires, 1er Arrondissement, e rapidamente ottiene l’attenzione come uno dei più esponenti dello stile di abiti con le “spalline” (un tipo di imbottitura rivestita in tessuto utilizzata nell’abbigliamento maschile e femminile per dare a chi lo indossa l’illusione di avere spalle più larghe e meno inclinate). Allo stesso tempo, Mugler lancia una collezione di moda per uomo. Stile anni ’40 che prosegue, per il successivo decennio, per gli abiti su misura degli anni ’50.

Durante gli anni ’80 e ’90, Mugler è diventato uno stilista riconosciuto a livello internazionale, spesso in gruppo con Claude Montana e Azzedine Alaïa, noto soprattutto per i suoi abiti eleganti. Fatta eccezione per un paio di tranquille presentazioni in salone alla fine degli anni ottanta (quando ridusse anche l’imbottitura delle spalle), le sue sfilate di moda erano in stile stravaganti tenuti in ambienti a tema della collezione (temi di fantascienza alla fine degli anni Settanta, tema africano una stagione, tema vampiro-diavolo, tema acquatico, ect.). Usava materiali innovativi come gomma e metallo, creava abiti che erano sovrastrutture con corsetti e strass. Lui stesso si definiva

architetto che reinventa completamente il corpo di una donna

Tra le sfilate indimenticabili, il fashion show della collezione Autunno Inverno 1997/1998, dove a salire in passerella è una donna ibrida, a metà tra una sirena e un uccello, ricoperta di squame e piume. Per realizzare l’indimenticabile abito di punta della collezione ci sono volute ben sei settimane di lavoro.

Thierry Mugler era anche un appassionato di viaggi e fotografia, nel 1988 ha pubblicato un libro di fotografia: Thierry Mugler: Photographer.

Ha disegnato gli abiti della cantante Viktor Lazlo per l’Eurovision 1987 Throwback Thursday: 1987.

Il primo profumo di Mugler è apparso nel 1992 e si chiamava Angel. La bottiglia Angel, un disegno a forma di stella sfaccettata, è stata realizzata dai Maestri Vetrai Brosse.

Ha creato l’abito nero indossato da Demi Moore nel film del 1993, Proposta indecente. Storici i corsetti ideati per Madonna.

Nel 1999 lo stilista/fotografo ha pubblicato una monografia intitolata Fashion Fetish Fantasy che raccoglie le foto delle sue creazioni.

Mugler ha anche diretto cortometraggi, film pubblicitari e videoclip. Ha disegnato regolarmente costumi per commedie musicali, concerti, opere e teatro (tra cui Macbeth per la Comédie Française). Ha lavorato con il regista Robert Altman e con George Michael (ha diretto il video di ” Too Funky ” nel 1992). Ha anche diretto il primo film pubblicitario per una delle sue fragranze, Alien.

Nel 1996 Mugler seguì Angel con una versione maschile chiamata Angel Men o A*Men. Questa fragranza include note di caramello, caffè, vaniglia, patchouli e miele.

Clarins (multinazionale francese di cosmetici) detiene i diritti sul suo nome Thierry Mugler dal 1997.

Clarins ha chiuso la componente prêt-à-porter del marchio Mugler nel 2003, a causa di perdite finanziarie, ma ha mantenuto la divisione profumi.

Mugler ha lasciato la moda nel 2002. Alla domanda sull’argomento, ha affermato:

Fashion is beautiful, 3-D art on a human being. But it wasn’t enough, which is why I went on to create in other ways. For me, it wasn’t the right tool anymore. But perfume still interests me. (La moda è bella, l’arte 3-D su un essere umano. Ma non era abbastanza, motivo per cui ho continuato a creare in altri modi. Per me non era più lo strumento giusto. Ma il profumo mi interessa ancora)

Usavo la moda per esprimermi al meglio. Ma ad un certo punto questo non bastava più. Io non sono alla moda. Sono solo una persona entusiasta che guarda al futuro in maniera positiva-

Nel 2002 Mugler ha collaborato con il Cirque du Soleil. Ha diretto “Extravaganza”, una delle scene di Zumanity (uno spettacolo in stile cabaret del Cirque du Soleil), e ha anche creato tutti i costumi e l’identità dei personaggi dello spettacolo.

Nel 2005 è stata creata Alien, la seconda grande fragranza di Thierry Mugler. Sempre nel 2005 Mugler ha lanciato i Thierry Mugler Perfume Workshops.

Nel 2006, Mugler ha completato un progetto per il lancio del film Perfume di Tom Tykwer. In collaborazione con la società IFF, Mugler ha creato un cofanetto di quindici composizioni. Nel 2007, sempre seguendo il tema della metamorfosi, Mugler ha lanciato Mirror, Mirror, una collezione di cinque fragranze, create come “perfume-trickery” per enhance one’s presence.

Nel 2008, il marchio Mugler ha lanciato Thierry Mugler Beauty, una linea di cosmetici di fascia alta.

Nel 2009, Mugler ha lavorato come consulente artistico della cantante Beyoncé, realizzando i costumi per I Am… World Tour

Nel settembre 2010 Nicola Formichetti, fashion director e fashion editor, è stato annunciato come Direttore Creativo del marchio Thierry Mugler. Ha cambiato il nome del marchio in MUGLER, rimuovendo il nome, e nel gennaio 2011 ha lanciato il revival della collezione uomo del marchio in collaborazione con lo stilista Romain Kremer. Le cose non andarono bene come sperato e il brand rimase nell’ombra fino al 2017, quando l’arrivo del designer americano Casey Cadwallader

Un articolo del New York Times del 2010 scriveva della  “cosmetic transformation” di Mugler.

Mugler ha preso a chiamarsi Manfred e ha trasformato il suo corpo… in quello che apparentemente è uno spettacolo da 240 libbre di muscoli, capezzoli e tatuaggi…

Con oltre due anni in cui è stato direttore creativo di MUGLER, Formichetti ha annunciato, nell’aprile 2013, la separazione con la casa di moda per lavorare con il marchio italiano Diesel.

Nel 2010, la fragranza Womanity è stata rilasciata dalla Maison Mugler.

Nel dicembre 2013, House of Mugler ha annunciato David Koma, stilista georgiano,  come direttore artistico. 

L’ultima fragranza di Mugler, Angel Muse, è stata rilasciata nel 2015 e Angel Nova è stata rilasciata nel giugno 2020.

Nel 2016, Mugler ha realizzato, e diretto, il video musicale dell’Eurovision Song Contest di San Marino I Didn’t Know eseguita dal cantante turco Serhat. 

Nonostante si sia ritirato dal suo marchio nel 2003, ha fatto l’eccezione per disegnare sotto il suo nome “House of Mugler” per il Met Gala nel 2019, e per un suo cara amica, Kim Kardashian. Prendendo ispirazione da Sophia Loren nel film Boy on a Dolphin, Mugler ha immaginato una ragazza californiana bagnata; da qui la creazione del wet couture dress.

I suoi abiti-scultura hanno fatto la storia della moda. Thierry Mugler nei suoi abiti metteva tutto se stesso, il regista e il fotografo, il passato da ballerino e da acrobata e la sua inclinazione da bodybuilder.

Mi sono sempre sentito un regista e i vestiti che ho fatto erano una direzione del quotidiano – in un’intervista a Interview Magazine

Mugler era apertamente gay. Dopo aver lasciato la moda, divenne solitario e si faceva chiamare Manfred, iniziando ha affrontato una serie di trasformazioni fisiche con chirurgia plastica e un percorso di bodybuilding. Nel 2019, ha dichiarato che “Thierry Mugler” era un’etichetta e un marchio, e come tale voleva passare ad altre cose.

Mugler è morto per cause naturali il 23 gennaio 2022, all’età di 73 anni.

Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia.org, web