Tag

, , , , ,

Marianna ha sempre adorato tutto ciò che riguarda i matrimoni. Nel tempo libero visita i vari siti dedicati alle spose. Osserva le foto degli abiti proposti dalle case di moda e sogna il giorno delle sue nozze. Però ha sempre creduto che i suoi sogni fossero destinati a restare chiusi nel cassetto per due ragioni: non aveva un fidanzato e il suo fisico non è mai stato compatibile con gli abiti dei suoi sogni. Oltre che avere una grande passione per il mondo delle spose, la ragazza è sempre stata molto golosa. Se da bambina, però, essere paffutella la rendeva simpatica, durante l’adolescenza i suoi chili di troppo sono diventati un problema. I ragazzi le si avvicinavano soltanto per chiedere informazioni sulla sua migliore amica. Questo l’ha portata a rifugiarsi ancora di più nel cibo. Finché alcuni problemi di salute l’hanno obbligata a darsi delle regole. Le è stata prescritta una dieta che Marianna doveva seguire alla lettera. Nonostante ciò la ragazza non è dimagrita più di tanto. Vedendo che le sue amiche erano già tutte impegnate sentimentalmente ha cominciato a temere di restare sola. Sua madre la rassicurava che presto qualcuno si sarebbe innamorato di lei ma da quando anche la sua migliore amica ha deciso di sposarsi la fanciulla ha cominciato a perdere la speranza. Nonostante ciò, quando Anita le ha chiesto aiuto per organizzare le nozze Marianna ha accettato con entusiasmo.abito_da_sposa_perfettamente_chic-copertina.jpgDopo aver consigliato l’amica nella scelta dell’abito, del bouquet e della bomboniera, è in auto coi due futuri sposi, diretta alla sala dove si svolgerà il ricevimento di nozze. Bisogna scegliere il menù.  La futura sposa l’ha avvisata all’ultimo momento: “Papà e mio suocero si sono rifiutati di accompagnarci per non dover sopportare i battibecchi fra mia mamma e mia suocera e loro due hanno deciso di lasciarci scegliere da soli pur di evitarsi a vicenda.” Marianna sorride divertita: “Come faranno a sopportarsi quelle due?” Anita fa spallucce: “I problemi tra loro nascono solo quando si parla del nostro matrimonio. Per il resto vanno d’accordo.” Giunti in sala scoprono che il responsabile dei menù è un caro amico d’infanzia dello sposo. Al momento di scegliere le portate, il giovane, oltre ad esporre le varie alternative a Mario ed Anita insiste nel voler conoscere anche l’opinione di Marianna.  Usciti dalla sala Anita  guarda l’amica con un sorrisetto malizioso: “Secondo me hai fatto colpo su quel tipo. Tutto ciò che sceglievi gli andava bene. E mentre gli spiegavi le tue scelte se ne stava in silenzio ad ascoltarti come se dalle tue parole dipendesse la sua vita.” Marianna volta le spalle all’amica per evitare che noti il rossore sul suo viso: “Ernesto era solo concentrato sul suo lavoro.” Anita sorride divertita: “Però è un bel ragazzo.” Appena rimangono soli, la sposina guarda il suo Mario: “A Marianna piace il tuo amico Ernesto. Sei sicuro che a lui piaccia sul serio lei?” Il giovane sorride soddisfatto: “ Mi ha praticamente supplicato di presentargliela non appena ha saputo che sposavo la sua migliore amica. “ Anita gli regala un rapido bacio: “Dobbiamo farli incontrare spesso e il giorno del matrimonio li mettiamo allo stesso tavolo.” Mario è dubbioso: “Dobbiamo darci da fare. Mancano pochi mesi al grande giorno.” Lei esclama con sguardo sognante: “All’amore basta un attimo.

Il giorno del matrimonio dei loro amici, Marianna ed Ernesto si sono già confessati di essere attratti l’uno dall’altra e la loro storia procede a gonfie vele. I due sono seduti allo stesso tavolo. Lei controlla il menù. Lui glielo sfila dalle mani: “Dovresti conoscere a memoria questo menù come lo conosco io. Abbiamo scelto noi le portate che lo compongono.” Marianna gli punta il dito contro: “Avresti dovuto impedirmi di scegliere tanti contorni appetitosi. Sarebbe stato più semplice per me rispettare la dieta anche oggi e riuscire a dimagrire.” Ernesto le sorride: “Oggi è un giorno speciale. Non esistono diete.” Qualcuno degli altri commensali interrompe il loro dialogo chiedendo al ragazzo se impara a memoria tutti i menù dei pranzi di nozze di cui si occupa.abito_da_sposa_perfettamente_chic-2.jpgLui scambia un’occhiata con la sua ragazza e risponde a quella domanda: “Questo menù è l’unico che ho imparato a memoria. Mentre lo preparavo, tra la scelta di un contorno e la conferma di una portata, ho trovato l’amore della mia vita.” Quelle parole fanno brillare di gioia gli occhi della sua innamorata. È la prima volta che lui parla di lei in quel modo di fronte ad altra gente. Durante quel giorno di festa i due si divertono molto. Mentre osservano gli sposi che ballano un lento lei fa un commento sui due innamorati: “Guarda come sono belli. Sembrano essere usciti dalle pagine di una rivista.” Lui le prende la mano: “Anche tu sarai perfetta nel tuo abito quando ci sposeremo.” Marianna sospira malinconica: “Io sono troppo cicciottella. Non sarò mai all’altezza degli abiti da sposa delle riviste.” Enrico la costringe a guardarlo: “Devi avere più fiducia in te e nel mondo che ti circonda. Fino a pochi mesi fa credevi che nessuno si sarebbe innamorato di te. Ora ci sono io che non ho mai dato peso al tuo essere paffutella. Sei una bellissima persona. Basta guardare il tuo sorriso per capirlo. Basta fermarsi ad osservare i tuoi meravigliosi occhi. Se vorrai, un giorno ci sposeremo e, quel giorno, nonostante i tuoi chili di troppo, sarai meravigliosa e raggiante come tutte le spose. Per me, però, sarai la più bella tra tutte perché sarai la mia sposa.” Da quel momento Marianna smette di tormentarsi per il suo essere cicciottella. Per il giorno delle sue nozze sceglierà un abito adatto al suo fisico. Ha accanto l’uomo più speciale che possa desiderare. Lui  l’ha sempre guardata con gli occhi dell’amore. Niente è più importante.abito_da_sposa_perfettamente_chic-3.jpg

Autore: Clorinda Di Natale
Annunci