Tag

, , , , , , ,

2018: Fulvia Visconti Ferragamo, quarta dei sei figli di Salvatore e Wanda Ferragamo. Un male terribile l’ha strappata all’affetto della sua famiglia in poco più di due mesi. Aveva sposato Giuseppe Visconti, avvocato, e da lui aveva avuto quattro figli Ginevra, Consolata, Angelica ed Emanuele. Fulvia Visconti Ferragamo si occupava da sempre degli accessori di seta per donna e per uomo della maison fondata dal celebre padre Salvatore. Era nata dopo Fiamma, Giovanna, Ferruccio e prima di Leonardo e Massimo e aveva solo dieci anni quando nel 1960 morì papà Salvatore. Aveva studiato a Firenze. Sempre presente agli eventi della maison, dalle sfilate alle grandi mostre organizzate al Museo Salvatore Ferragamo.  (n. 1950)

2010: Dorothy Provine, attrice, cantante e ballerina statunitense (n. 1935)Dorothy_Provine_perfettamente_chic

1995: Ginger Rogers, attrice, cantante e ballerina statunitense (n. 1911)Ginger_Rogers_perfettamente_chic.jpg

1972: George Sanders, George Henry Sanders, è stato un attore e cantante britannico. Sanders si affermò come uno dei migliori attori cinematografici dell’epoca, interprete dall’innata eleganza e dai modi spesso ingannevolmente soavi, e dotato di una gradevole voce baritonale dal marcato accento britannico. Nell’ultima parte della sua carriera, l’interpretazione più memorabile fu quella in qualità di doppiatore nel film della Disney Il libro della giungla (1967), prestando la voce alla tigre Shere Khan . 1940 Sanders sposò Susan Larson, ma il matrimonio si concluse nel 1949 con il divorzio. Nello stesso anno si risposò con l’attrice ungherese Zsa Zsa Gabor, dalla quale divorziò nel 1954.  1959 Sanders sposò l’attrice Benita Hume, vedova dell’attore Ronald Colman. La Hume morì nel 1967 e Sanders si risposò per l’ultima volta, 1970, con Magda Gabor, la sorella maggiore della sua seconda moglie, ma l’unione durò solo sei settimane e, dopo quest’ultima esperienza matrimoniale, l’attore iniziò a bere. Negli ultimi anni di vita accusò sintomi di confusione mentale e soffrì di attacchi di collera, disturbi aggravati da problemi fisici di salute. Il precario equilibrio emotivo è percepibile negli ultimi suoi film, dove lo si può veder barcollante. L’ultima compagna di Sanders, una donna messicana di diversi anni più giovane di lui, lo convinse a vendere la sua villa a Maiorca, decisione che egli più tardi rimpianse amaramente. Da allora andò alla deriva: non riuscendo a sopportare l’idea di perdere la propria salute e di dover dipendere da altri, sprofondò nella depressione. Fu in quel periodo che portò fuori il suo pianoforte e lo sfasciò con un’accetta non essendo più in grado di suonarlo. Morì suicida. (n. 1906)George_Sanders_perfettamente_chic.jpg

Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia.org, web