Tag

, , , , , , , , , , ,

2010: James MacArthur, James Gordon MacArthur, attore statunitense. Attivo prevalentemente come caratterista in radio e televisione, fu interprete di alcuni b-movie, ma anche di notevoli film drammatici, di guerra e western. È conosciuto principalmente per il ruolo di Dan “Danno” Williams, personaggio di fiction televisiva Hawaii Squadra Cinque Zero, personaggio che gli garantì notorietà internazionale. La prima moglie di MacArthur fu Joyce Bulifant. Sul set di The Angry Breed, nel 1968, MacArthur incontrò Melody Patterson, che divenne la sua seconda moglie. nel luglio 1970, ma divorziarono nel 1975. La sua terza moglie era l’ex golfista Helen Beth Duntz. MacArthur ebbe quattro figli: Charles P. MacArthur, Mary McClure, Juliette Rappaport e James D. MacArthur. Alternando ruoli per il teatro a ruoli per il cinema, MacArthur è stato spesso guest star in serie televisive e radiofoniche. MacArthur è morto all’età di 72 anni, di cancro. (n. 1937)James_MacArthur_perfettamente_chic.jpg2008: Dina Cocea, Maria Constantina (Dina), è stata un’attrice, critica teatrale, giornalista e docente rumena, per 10 anni rettrice dell’Università nazionale d’arte teatrale e cinematografica Ion Luca Caragiale di Bucarest. In circa 70 anni di attività, Dina recitò in oltre dieci film, un centinaio di ruoli nel teatro, alla radio e in televisione. Ebbe anche un’intensa attività giornalistica, scrivendo vari articoli di analisi, critica e cronaca drammatica sui media locali e stranieri. (n. 1912)Dina_Cocea_perfettamente_chic.jpg2007: Guido Nicheli, noto anche con lo pseudonimo di Dogui, attore e comico italiano. Amante dei viaggi in compagnia degli amici, durante uno di questi ebbe modo di conoscere e di diventare amico anche del pittore Salvador Dalí, conosciuto nel 1967. Il suo pittoresco modo di esprimersi e la parlata marcatamente milanese non sfuggirono ai comici del Derby che, data la sua disponibilità, spesso lo utilizzarono nei loro sketch per piccole parti da caratterista, nel ruolo del “cumenda“. In seguito venne chiamato ad interpretare il medesimo ruolo in molte pellicole, fino a divenire l’archetipo cinematografico del ricco imprenditore lombardo, in una versione più moderna. Nonostante la grande popolarità acquisita, le sue chiamate sul set erano saltuarie e sempre legate all’esistenza di un ruolo adatto, motivo per cui fino alla fine degli anni ottanta Nicheli preferì mantenere la principale occupazione di odontotecnico. Nicheli morì per un ictus fulminante, all’età di 73 anni. (n. 1934)Guido_Nicheli_perfettamente_chic.jpg

2006: Tina Aumont, all’anagrafe Marie Christine Aumont, attrice statunitense. Figlia di Jean-Pierre Aumont, attore francese, e dell’attrice dominicana María Montez. Dopo un’infanzia e un’adolescenza difficili, anche per la prematura scomparsa della madre, si sposò nel 1963 con l’attore francese Christian Marquand, dal quale divorziò nel 1965. Bella, con grandi occhi e labbra seducenti negli anni successivi il cinema italiano le offrì numerose parti di donna di facili costumi, dall’erotismo malizioso e ribelle. Negli anni ottanta e novanta recitò per film minori e serie televisive francesi, ma con scarsa fortuna. Morì nel 2006, all’età di 60 anni, per un’embolia polmonare. (n. 1946)Tina_Aumont_perfettamente_chic.jpg

1939: Alice Brady, attrice statunitense. Il padre di Alice era l’impresario teatrale William A. Brady, che la introdusse nel mondo dello spettacolo sin dall’infanzia. L’attrice esordì a Broadway nel 1911, ma sul grande schermo arrivò più tardi, nel 1914, all’età di 22 anni. La Brady lavorò incessantemente in pellicole mute fino al 1923, anno in cui lasciò temporaneamente il cinema per tornare a recitare in teatro. Dopo dieci anni di assenza dagli schermi ritornò sul set e, a differenza di altre attrici, non ebbe difficoltà ad affrontare l’avvento del sonoro all’epoca già ampiamente diffuso, affermandosi nel cinema con rinnovato vigore. Colpita da una grave forma di tumore, morì pochi giorni prima del suo quarantasettesimo compleanno. (n. 1892)Alice_Brady_perfettamente_chic.jpg

Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia.org, web