Tag

, , , , ,

2018: Emanuel Ungaro, è stato uno stilista francese, figlio di un sarto pugliese (di Francavilla Fontana). All’età di nove anni Emanuel Ungaro apprese il mestiere di sarto con l’aiuto del padre ad Aix-en-Provence. Si trasferì prima a Parigi, e poi a Barcellona per lavorare con Balenciaga, rimanendovi sei anni. Nei due anni successivi lavorò presso Courrèges. Creò la propria griffe nel 1965 e presentò la sua prima collezione durante il periodo di massima della moda futurista. Il suo marchio di fabbrica sarà sempre un mix di stampe e sfumature luminose su drappeggio. Il negozio principale di Emanuel Ungaro si installò all’inizio di Avenue Montaigne a Parigi. Negli anni Ottanta era uno dei cinque grandi nomi dell’alta moda parigina. Nel 1996 Ungaro si ritirò dalla gestione dell’azienda la quale fu acquistata dal gruppo italiano Ferragamo. Lasciò definitivamente il mondo della moda parigina il 26 maggio 2004 dopo oltre 35 anni di collezioni. Nel 2012, l’azienda italiana Aeffe riprese la produzione e la distribuzione degli articoli Ungaro. Era sposato dal 1988 con Laura Bernabei, figlia del giornalista Ettore Bernabei e sorella della giornalista Matilde. I due hanno avuto una figlia, Cosima.Emanuel_Ungaro_perfettamente_chic.jpg

1974: Richard Long, è stato un attore cinematografico e televisivo statunitense. Richard_Long_perfettamente_chic.jpgNel 1965 giunse per Long il ruolo per il quale egli è oggi maggiormente ricordato, quello di Jarrod Barkley nella serie televisiva western La grande vallata. Long sposò l’attrice e cantante Suzan Ball, ma il matrimonio durò appena 14 mesi, in quanto la Ball morì prematuramente di cancro nel 1955. Risposatosi nel 1957 con l’attrice e modella Mara Corday, da lei Long ebbe tre figli, Carey (nato nel 1957), Valerie (nata nel 1958) e Gregory (nato nel 1960). Afflitto da seri problemi cardiaci, ma forte bevitore e fumatore, Long ebbe un primo attacco di cuore alla fine degli anni cinquanta, cui ne seguirono altri fino all’ultimo che ne causò la morte a 47 anni. (n. 1927)

Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia.org, web