Tag

, , , , , , , , , ,

A volte l’amore arriva all’improvviso e ci travolge, nonostante facciamo di tutto per evitarlo. Basta un breve incontro. Pochi istanti e questo folle sentimento ci invade il cuore, distruggendo le barriere costruite per difenderci dalle sue ferite. Un attimo e cambia il mondo.sci_love_perfettamente_chic.jpg

Nei due anni che precedettero il suo primo incontro con Regina, Sergio si concentrò sul lavoro, stando sempre attento a non permettere all’amore di insinuarsi nuovamente nella sua vita.  Era rimasto deluso da una donna per la quale si era letteralmente annullato. Lei, dopo aver trovato un nuovo lavoro, aveva stretto amicizia con le nuove colleghe e, con loro, aveva iniziato a seguire nuovi interessi che le avevano preso sempre più tempo, deteriorando il suo rapporto con Sergio.  Lui le provò tutte: fece tutto ciò che sapeva piacerle, cercò di creare occasioni romantiche…  Quando si rese conto dell’inutilità dei propri sforzi, decise di provare a seguire la sua compagna nei suoi interessi. Fu così che, per caso, scoprì che lei aveva un altro. Il giovane, deluso, non esitò a parlare chiaro con la ragazza che, per tutta risposta, lo accusò di essere lui il principale responsabile del suo allontanamento. Quelle accuse lo ferirono nel profondo. Dopo tutto ciò che aveva fatto per farla felice non poteva accettare di essere additato come il responsabile della fine della loro storia! Fece le valigie e andò via di casa. Sbattendo la porta, il ragazzo chiuse anche quella del suo cuore. Promise a se stesso che non si sarebbe mai più innamorato e si gettò a capofitto nel lavoro. Gli amici le pensarono tutte per aiutarlo a venir fuori da quella storia, ma lui era deciso a restare single.

sci_love_perfettamente_chic1.jpg

L’incontro con Regina avvenne proprio per il suo impegno nel lavoro, grazie al quale ottenne una vacanza premio in una nota località sciistica. La grande passione per lo sci portò Sergio sulle piste già all’alba del  primo giorno di vacanza. Mentre riprendeva familiarità con gli sci e con la pista, Regina gli finì addosso come una scheggia impazzita. Dopo un capitombolo lui e la “scheggia” si scrollarono la neve di dosso un po’ intontiti dallo scontro. Gli amici di lei la raggiunsero preoccupati. Lei accusò Sergio di essersi messo sulla sua strada, mentre i suoi amici si guardarono intorno con fare indifferente. Ad un tratto il ragazzo, stanco di prendersi gli insulti di quella matta, s’incamminò lentamente verso la cima della pista. Lei fece per alzarsi, ma si bloccò lanciando un urlo. Sergio tornò automaticamente da lei, la sollevò da terra e la portò in albergo, chiedendo al personale di cercare un medico che potesse aiutarla. All’ora di pranzo, rivedendo al ristorante la sua chioma riccia e scura, raggiunse la fanciulla per sapere come stava. Il mondo del giovane da quel giorno smise di girare attorno al lavoro per concentrarsi su Regina. Lei era riuscita ad abbattere le barriere con cui lui aveva circondato il suo cuore.

sci_love_perfettamente_chic2.jpg

Da quel giorno sono passati parecchi anni.  Le vacanze in quella stazione sciistica sono diventate una piacevole abitudine per Regina e Sergio. Lei ha anche imparato a sciare. Lui, per quel giorno l’ha sfidata ad una specie di gara di sci. Mentre lei fa colazione, sorseggiando una tazza di fumante cappuccino, con la mente torna al giorno in cui ha conosciuto il suo innamorato. Lei, prima di conoscere il suo precedente ragazzo, era una ragazza allegra e frizzante. A causa della assillante, quanto assurda, gelosia di lui stava perdendo tutti i suoi amici che non sopportavano le continue discussioni tra i due. Quando la gelosia di colui che considerava il principe dei suoi sogni divenne troppo soffocante, la fanciulla decise di lasciarlo. Le prime settimane senza di lui furono difficilissime da superare. Poi i suoi amici le regalarono, per il compleanno, una vacanza in montagna. La ragazza non aveva mai sciato prima di allora, ma la prospettiva di imparare una cosa nuova riuscì a smuoverla un po’ dalla sua apatia. Dopo aver ascoltato scrupolosamente le raccomandazioni dell’istruttore ed aver fatto qualche esercizio da lui consigliato, Regina credette di essere in grado di affrontare una discesa su una pista. Sembrava una cosa semplice. Quando cominciò ad acquistare velocità, però, si rese conto di non avere il controllo della situazione. In quel momento Sergio si materializzò davanti a lei che gli urlò di spostarsi, ma ormai era troppo tardi. Non riuscì ad evitare di finirgli addosso. Non sapendo come giustificare la sua imprudenza, la ragazza decise di addossare la colpa dell’incidente a lui. Quando poi questo la portò in albergo e cercò un medico che la curasse, lei allo stesso tempo si sentì lusingata dalle attenzioni del giovane e si vergognò per il suo comportamento sciocco. Non riusciva a spiegarsi lo strano sfarfallio che sentiva nello stomaco, provocato da tante premure. Quando al ristorante Sergio si avvicinò al tavolo dove era seduta per informarsi sul suo stato, la ragazza si rese conto che quello sconosciuto le aveva rubato il cuore. Nei giorni seguenti il giovane si unì alla sua comitiva, le insegnò pazientemente a sciare e, prima di tornare ognuno alla propria vita, si scambiarono indirizzo e numero di telefono.

sci_love_perfettamente_chic3.jpg

In realtà dietro la gara di sci organizzata da Sergio c’è una giocosa e originale proposta di matrimonio per la sua Regina. Con la collaborazione del personale della stazione sciistica il giovane ha preparato un percorso per sfidare la sua amata in una gara di sci. Quando, a fine percorso, la ragazza si ferma al traguardo, nota che sulle bandierine triangolari che delimitano il percorso sono appiccicati dei cuori e, invece della scritta “Arrivo”, sullo striscione al traguardo c’è scritto:  “Ti amo Regina del mio cuore. Mi vuoi sposare?” Il cuore della ragazza comincia a battere fortissimo e le lacrime le inondano il viso. Prova a smettere di piangere, ma non riuscendoci, decide di correre ad abbracciare il suo Sergio e, gettandogli le braccia al collo, gli dice di sì ed accetta di sposarlo.

Autore: Clorinda Di Natale