Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lady Duff Gordon, Lucy Christiana Duff Gordon ma nata Lucy Christiana Sutherland, costumista e stilista britannica di spicco tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Sorella della celebre scrittrice Elinor Glyn, lavorò come costumista per il teatro e, a Hollywood, per il cinema.

Oltre ad aver dato origine alla “mannequin parade”, precursore della sfilata moderna, e ad aver formato le prime modelle professioniste, ha lanciato gonne a spacco e scollature basse, reso popolare corsetti meno restrittivi e promosso lingerie seducente e essenziale.

Nel 1884, Lucy si sposò con James Stuart Wallace, da cui ebbe una figlia, Esme. Wallace era un alcoolizzato e Lucy trovò consolazione in altri uomini. Ebbe una lunga relazione con Sir Morell Mackenzie e, finalmente, nel 1893, poté divorziare dal marito.

Lucy aveva acquisito amore per la moda vestendo la sua collezione di bambole, studiando gli abiti indossati dalle donne nei dipinti della sua famiglia e creando vestiti per sé e per la sorella.

Trovandosi in difficoltà finanziarie dopo il divorzio, pensò di mettere a frutto questa sua passione lavorando come sarta. Iniziò a lavorare a casa, poi, nel 1894, aprì la “Maison Lucile” in Old Burlington St., nel West End di Londra, il cuore del quartiere della moda. Nel 1897, un negozio più grande fu aperto al 17 di Hanover Square prima di spostarsi ulteriormente al 14 di George St. Lucile, nome con cui firmava i suoi modelli: abiti da sera, abiti per le occasioni eleganti e lingerie di gran classe. Nel 1900, Lucy sposò un proprietario terriero scozzese e schermitore, sir Cosmo Duff-Gordon, quinto baronetto di Halkin. Le loro nozze suscitarono sensazione nella buona società londinese proprio a causa del fatto che la sposa era una divorziata.

L’impresa creata da Lucy, nel 1903, fu incorporata nella “Lucile, Ltd” e, l’anno dopo, la casa di mode si spostò al 23 di Hanover Square, dove operò per i successivi 20 anni. (Duff Gordon alla fine andò in bancarotta dopo aver rivelato alla stampa americana che non stava disegnando gran parte degli abiti che erano stati attribuiti al suo nome). Trascorse i suoi ultimi anni vendendo abiti importati e collezioni più piccole in un susseguirsi di piccole “boutique” senza successo.

La Lucile Ltd serviva una clientela di alto rango e molto facoltosa, che includeva nobili e nomi appartenenti a case regnanti, oltre alle stelle dello spettacolo. L’azienda fu ampliata ancora di più e vennero aperte nuove filiali a New York, nel 1910, a Parigi, nel 1911 e a Chicago, nel 1915.

Le mode di Lucile sono apparse regolarmente anche su VogueFeminaLes ModesL’art et la Mode e altre importanti riviste di moda (1910–22). Insieme alle pubblicazioni di Hearst, Lucile ha contribuito a Vanity FairDressThe Illustrated London NewsThe London MagazinePearson’s Magazine e Munsey’s.

Dopo il matrimonio con Sir Cosmo Duff-Gordon, usò il nome di Lady Duff Gordon per firmare i suoi lavori. La richiesta degli abiti di Lucile aumentò, soprattutto negli Stati Uniti, durante la prima guerra mondiale, tanto che Lady Duff Gordon prese in qualità di aiutanti artisti come Robert Kalloch, Roger Bealle, Gilbert Clarke, Howard Greer, Shirley Barker, Travis Banton ed Edward Molyneux che disegnarono per lei gli schizzi delle collezioni, creando l’idea di base del “Lucile Look“.

Lucile era famosa per la sua biancheria, i suoi abiti da tè e gli abiti da sera. Viene accreditata per essere stata la prima a usare la passerella alla presentazione delle sue collezioni. Alle modelle che sfilavano venne dato il nome di mannequins: il gusto per il teatro di Lady Duff Gordon la indusse a usare nelle sfilate, i tendaggi, le luci e la musica per evocare atmosfere che erano influenzate dalla letteratura, dalla storia e dalla cultura popolare.

La visione e la creatività di Lady Duff Gordon erano innegabili, insieme a Poiret e Worth è stata tra le prime a tenere “sfilate di manichini”. Erano eventi esclusivi, solo su invito. Gli ospiti sono stati accolti dal tè pomeridiano e dai dolci tipicamente britannici, mentre le modelle si sono esibite elegantemente al quartetto d’archi. Queste serate aprono la strada alla sfilata di moda moderna e all’epoca erano l’apice della raffinatezza. Le sue famose “Rose Rooms”, che si trovano in ogni salone Lucile, erano boutique esclusive dove le donne trascorrevano ore a scegliere i loro sensuali indumenti intimi e ad annusare i profumi esotici.

Andava famosa per la realizzazione di abiti estremamente lussuosi, costruiti a strati e drappeggiati in morbidi colori pastello, spesso accompagnati da tralci di fiori in seta realizzati a mano che diventarono il suo segno distintivo. Tuttavia, Lucile creava anche abiti per il giorno, semplici, eleganti e su misura. Un’altra innovazione nella presentazione delle sue collezioni sono stati quelli che lei chiamava i suoi “emotional gowns“. A questi abiti sono stati dati nomi descrittivi, influenzati dalla letteratura, dalla storia, dalla cultura popolare e dal suo interesse per la psicologia e la personalità dei suoi clienti.

Una delle prime stiliste a vestire le attrici dentro e fuori dal palco: i suoi costumi per le produzioni teatrali hanno fatto impazzire la moda in Europa e in America, e i suoi modelli fuori dal palco hanno trasformato star come Lily Elsie, Gertie Millar, Margot Asquith e Irene Castles in icone di stile . Aveva un seguito di donne affascinanti e potenti che facevano la fila per farsi creare un “abito della personalità” su misura per loro. Questi abiti sono diventati una firma di Lucile, chiffon fluenti, strati di pizzo e toni del nudo e gocciolati con nastri di seta o fiori.

Nel 1913, lo showroom di Lucile di New York venne usato come set per parte delle riprese di The American Princess. Nel film, Lucile presentava la sua collezione di abiti autunno 1912. Un altro film che venne girato da Lucile, a Manhattan, fu The Spendthrift.

Lady Duff Gordon disegnò i costumi per molte produzioni teatrali, inclusa la messa in scena della prima londinese dell’operetta The Merry Widow nel 1907; a Broadway, per numerose edizioni delle Ziegfeld Follies (dal 1915 al 1921) più una ventina di film, tra cui i costumi per Agonia sui ghiacci.

Oltre alla sua carriera di couturière, costumista, giornalista ed esperta, Lucy Duff-Gordon ha sfruttato in modo significativo le opportunità di sponsorizzazione commerciale, prestando il suo nome alla pubblicità di reggiseni, profumi, scarpe e altri capi di abbigliamento di lusso e articoli di bellezza. Tra le più avventurose delle sue iniziative di licenza c’era una linea di moda per due stagioni, a basso prezzo e per corrispondenza per Sears, Roebuck & Co., che promuoveva i suoi vestiti in speciali cataloghi di lusso e un contratto per la progettazione di interni per limousine e auto da città per la Chalmers Motor Co., poi Chrysler Corporation (1917).

The House of Lucile è stato uno dei primi marchi di moda globali, con boutique a Parigi, New York, Chicago e l’ammiraglia “Masion Lucile” ad Hanover Square, Londra. Ma le imprese di Lady Duff Gordon non si sono fermate alla moda; progettò interni per limousine e auto da città per la Chalmers Motor Company, che sarebbe poi diventata la Chrysler Corporation. 

Insieme al marito e alla segretaria, Laura Mabel Francatelli soprannominata “Franks”, fu una dei sopravvissuti al naufragio del  Titanic. Tre anni più tardi, Lucy scampò a un altro naufragio, quello del RMS Lusitania, cancellando la sua prenotazione per un malessere. Il Lusitania venne affondato da un sommergibile tedesco.

L’ episodio del Titanic è uno degli aspetti più importanti della vita di Lucy Duff-Gordon, grazie in parte ai film. È stata interpretata da Harriette Johns in Una notte da ricordare (1958);  Rosalind Ayres nell’epico Titanic (1997); e da Sylvestra Le Touzel nella miniserie britannica Titanic (2012). È anche un personaggio chiave nel romanzo The Dressmaker.

Lucy ha scritto la sua autobiografia Discretions and Indiscretions (1932), il libro racconta il suo incredibile viaggio e come ha costruito il suo impero della moda, diventando una couturier di fama internazionale. Lady Duff-Gordon morì di cancro al seno, complicato da polmonite, in una casa di cura di Putney, Londra, nel 1935, all’età di 71 anni. La data della sua morte era il quarto anniversario della morte del marito.

Oltre al suo segno sulla cultura, la storia e il diritto, c’è stato un ritorno di interesse per il suo lavoro di designer. Ha dato origine alla componente moda del concept “It girl“.

Una “It Girl” dell’era della Belle Epoque con straordinari capelli color fuoco, era nota per la sua personalità esuberante ed era spesso oggetto di molte controversie. “La sua cattiveria faceva parte del suo fascino”, che l’ha resa popolare tra le donne della società come Lily Lantry e Gloria Vanderbilt, alcune delle donne che costituivano la sua clientela esclusiva.

Numerose mostre museali internazionali hanno presentato capi Lucile. Nel 2011-2012, la pronipote di Lucy Duff Gordon, Camilla Blois, ha fatto rivivere il marchio Lucile, concentrandosi sulla lingerie. 

Un invito a celebrare le creazioni della bisnonna al Victoria and Albert Museum nel 2006 ha ispirato Camilla a riportare in vita l’eredità di Lucile. Dopo aver passato ore e ore a travestirsi da bambina e circondarsi degli abiti decadenti di Lady Duff Gordon, ha adorato questi splendidi pezzi dai bellissimi dettagli floreali al modo in cui drappeggiavano premurosamente la forma femminile.

Crescendo, ha sviluppato un amore e un orgoglio per tutto ciò che la sua bis bisnonna aveva ottenuto: il modo in cui faceva apparire e sentire le donne, la sua passione per la femminilità, la sua capacità di catturare l’essenza dell’anima femminile e la sua natura senza paura, non aveva paura di scioccare il suo pubblico con lingerie pura e seducente. Sono state queste qualità che ha condiviso con sua nonna e queste passioni che l’hanno ispirata a far rivivere e incantare nuovamente il mondo con Lucile.

Negli ultimi dieci anni Camilla si è immersa nella visione di Lady Duff Gordon e nel cuore e nell’anima del marchio. Ha catturato il vero spirito di Lucile con collezioni di debutto ispirate ai clienti più famosi di Lady Duff Gordon, la duchessa di Warwick e la regina di Spagna.

Un lavoro di completo amore e adorazione, Camilla, insieme alla sua forte visione, lavora insieme al suo team di designer dedicato per portare lingerie che non è solo meravigliosamente femminile, ma, soprattutto, riporta in vita l’eleganza sobria di Lucile.

Andando avanti, Camilla sta creando la Lady Duff Gordon Foundation a sostegno dei talenti emergenti nel design e nella produzione, un’impresa che è di grande importanza per l’intero team di Lucile.

I pezzi Lucile sono tutti realizzati a mano in Inghilterra nel Lancashire e nel Derbyshire e sono realizzati per far sentire ogni donna che li indossa come la regalità da cui è stato ispirato.

aggiornato al 18 aprile 2022
Autore: Lynda Di Natale
Fonte: lucileandco.com, wikiedia.com, web