Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Antonio_Berardi_perfettamente_chicNato nel 1968 a Grantham, nel Regno Unito, Antonio Berardi da genitori di origine italiane – siciliane in precisione – emigrati negli anni; la mamma originaria di Bivona. Cresciuto a Billingborough, all’età di nove anni inizia già a risparmiare le paghette per poter comprare le camicie Armani con il particolare rinforzo in pelle sulle spalle. Le sue prime esperienze nel mondo della moda arrivano però quando lavora come assistente nello studio di John Galliano. Nel luglio 1994 ottiene il diploma del Saint Martin’s College di Londra. La sfilata da lui organizzata a fine corso ottenne un successo tale, che alcuni negozi si mostrano immediatamente interessati al suo lavoro. La sfilata cattura l’attenzione anche di Angela Quaintrell, agente della Liberty, grandi magazzini di lusso e A La Modecon il loro aiuto, lancia la sua prima collezione professionale nella stagione successiva e fonde il suo marchio di moda. Kylie Minogue è stata il modello principale della collezione prima collezioneAntonio_Berardi_perfettamente_chic_Kylie_Minogue_1995.jpgcon  Manolo Blahnik, stilista spagnolo creatore di una nota casa di moda produttrice di scarpe da donna high-endAntonio_Berardi_perfettamente_chic_manolo_blahnik.jpg

e Philip Treacy che hanno disegnavano gli accessori.Antonio_Berardi_perfettamente_chic_Philip_Treacy .jpg

Da lì in poi è tutto in ripida ascesa: diventano sue clienti Courtney Love, Victoria BeckhamAntonio_Berardi_perfettamente_chic_Victoria_Beckham.jpg, J. Lo, Naomi Watts, Demi Moore, Madonna e Céline Dion.Antonio_Berardi_perfettamente_chic_Madonna.jpg

Nel 1996 Berardi firma un contratto con la Givuesse, azienda italiana, per la distribuzione delle sue collezioni. Nel 1997 lo stilista vince il riconoscimento americano come miglior nuovo stilista, e di lì a poco il prestigioso British Fashion AwardNel 1998, Berardi ha progettato per l’etichetta italiana Ruffo Research, l’anno successivo diventa il principale stilista della casa di moda Extè, diventando anche il produttore delle collezioni del proprio marchio. La collaborazione termina nell’autunno 2001, quando Berardi, usando la sua etichetta, realizzo una nuova partnership con il gruppo di moda Gibo, per garantirgli stabilità finanziaria.Antonio_Berardi_perfettamente_chic_Fall_Winter 2017-2018.jpg

Antonio Berardi in compagnia di designer/star/amici del calibro di Victoria Beckham, Nicole Richie, Iggy Azalea.Antonio_Berardi_perfettamente_chic_victoria_beckham_.jpg

Berardi è noto per i suoi “abiti sensuali e avvolgenti” e uno stile “sorprendente, classico, vestito” con “tessuti avanzati e tecniche di fabbricazione“.  Ha intitolato la musica, il cinema indipendente, l’arte postmoderna, il simbolismo cattolico, l’arte e la cultura italiana, lo street style urbano, la lingerie e la forma femminile come le sue influenze di design. A Milano nel 2003, ha mostrato un cappotto illuminato con lampadine che si accendono per formare un crocifisso. Antonio_Berardi_perfettamente_chic_.jpg

Ricercatezza di tessuti, applicazioni, linee fluide ma anche gonne anni ottanta e bustini strizzati: Antonio Berardi è uno stilista difficile da etichettare. Ha sempre cercato di combinare il romanticismo della sua terra natia col fascino freddo e pragmatico tipico del Regno Unito. Le sue passioni permeano ogni capo: il glam anni Ottanta, i ritmi sudamericani, i vetri di Murano, i ciondoli di porcellana Westwood con cui ha decorato persino gli stivali – collezione autunno/inverno 2002/2003 –Antonio_Berardi_perfettamente_chic_2002.JPG

Londra, Milano e poi ancora un nuovo cambio: Parigi. Il suo debutto sulla scena francese è avvenuto con la collezione primavera-estate 2006. Qualcuno in Italia ci è rimasto male ma lui si diceva convinto di essere più libero e più accettato sfilando nella capitale Francese.Antonio_Berardi_perfettamente_chic_2006

Ha disegnato il corsetto trompe-l’œil in bianco e nero con i dettagli in pizzo indossati da Gwyneth Paltrow nel novembre 2008 alla Premiere del film Two Lovers,  nominato ” Dress of the Year ” per il 2009 da Harper’s Rivista Bazaar.Antonio_Berardi_perfettamente_chic_Two_Lovers.jpg

Dopo la sua prima incursione nel mondo degli affari con un sostenitore nei primi anni novanta, ha rapidamente imparato l’importanza dell’efficienza della produzione e la tempestività della consegna. Presto, Berardi era determinato a rendere la sua attività indipendente in modo che la sua reputazione non dipendesse mai da investitori esterni. Oggi, Antonio Berardi è uno dei pochissimi designer influenti a livello internazionale che gestiscono un’azienda completamente autonoma.

Come forza creativa, Antonio Berardi non deve andare agli estremi o andare lontano per trovare stimoli artistici. Antonio Berardi_perfettamente.jpgAttinge le sue radici nella tradizione e artigianalità inglese e nel calore e l’espressività della cultura siciliana e della fusione di tradizioni. Gran parte dell’ispirazione originale di Berardi proviene dalla collisione di culture che egli stesso incarna: essere un vero siciliano britannico, altrettanto comodo nella sartoria londinese di Savile Row e l’abbigliamento più colorato, insolito e a ruota libera della Sicilia, a sua volta una collisione di culture. Ha sempre un occhio per le strade, da Londra e Parigi, a New York e Palermo. È eccitato dalla musica, dall’arte postmoderna e dai film indipendenti. Crede nell’ispirazione e che “tutto è possibile” e quando si imbatte in un’idea che lo eccita, crede che troverà un modo per farlo funzionare. Berardi fu influenzato da sua madre, il cui impeccabile stile da signora era un riflesso perfetto della sua filosofia personale. Per i suoi vestiti riflette la sua femminilità, correttezza e senso della qualità. Galliano è stato anche un profondo influsso e mentore, dimostrando il valore dell’intensità ed essendo fedele alla propria visione personale senza compromessi.

La musica è sempre stata il mio grande amore. Sono cresciuto ascoltando mia madre che cantava di tutto, dai Beatles a Claudio Villa, in un periodo in cui più o meno 150 piccole radio trasmettevano classici di ogni genere musicale.

Ho circa 40 mila vinili e quasi la metà tra nastri e cd, materiale che mi è sempre molto utile per il mio lavoro.

Antonio_Berardi_perfettamente_chic_2017.jpg

Berardi ha l’apprezzamento dell’artista per la forma femminile e i suoi clienti scoprono che i suoi abiti collaborano con il corpo per migliorare le loro curve naturali. L’abbigliamento che appare semplice sul gancio diventa ritmicamente vivo sul corpo. Berardi ha anche un tocco naturale per i materiali e affascina come i nuovi materiali possano essere utilizzati al massimo effetto.Antonio_Berardi_perfettamente_chic_2016.jpg

Solitamente dedicato a donne forti, di potere, immancabilmente sensuali che indossano colori con disinvoltura ma anche tonalità di grigi e nero. La silhouette è sempre ben disegnata e definita, marcando le forme. Antonio_Berardi_perfettamente_chic_2018.jpg

Aggiornato al 27 maggio 2019
Autori: Lynda Di Natale e Paola Moretti
Fonte: facebook.com/antonioberardiofficial, wikipedia.org, web
Annunci