Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Stefano_Pilati_perfettamente_chic.PNGStefano Pilati, nato nel 1965 a Milano, dopo aver visto la sua città natale diventare un hotspot della moda negli anni ’80, Pilati ha abbandonato il suo corso di progettazione ambientale e si è unito alla maison Cerruti come stagista, iniziando ad imparare tutto ciò che c’era da sapere sui materiali e la produzione di abbigliamento ready-to-wear . Un produttore di velluto gli offre il suo primo lavoro. Pochi mesi dopo, Pilati stava progettando l’intera collezione dell’azienda e la presentava ai principali marchi di prêt-à-porter europei.

La casa di moda Giorgio Armani lo assunse come assistente nel reparto prêt- à -porter maschile nel 1993, e la casa di moda Prada chiese a Pilati di gestire la ricerca e lo sviluppo del tessuto nel 1995. Nel 1998, è stato promosso assistente alla designer di Miu Miu, un marchio di Prada, lavorando su abiti prêt-à-porter per uomo e donna e riferendo direttamente a Miuccia Prada.

Nel 2000, Pilati si unisce alla casa di moda Yves Saint Laurent per eseguire il suo design di abbigliamento prêt-à-porter; diventa head designer nel 2004, sostituendo Tom Ford. Durante il suo incarico come capo designer, Pilati è stato responsabile della creazione di capi di moda come la gonna a tulipano, oltre ad accessori di grande successo come la borsa Muse, e il sandalo YSL Tribute.Yves_Saint_Laurent_YSL_perfettamente_chic_stefano_pilati

Nel 2012, il 27 febbraio, Pilati lascia Yves Saint Laurent come direttore creativo, ruolo che ricopriva dal 2004, e firma per Ermenegildo Zegna nove mesi dopo, diventando il capo del design di Ermenegildo Zegna e direttore creativo di Agnona, che supervisiona la sfilata di moda di Zegna e la collezione couture. Della pausa, ha detto:

Mi sono preso nove mesi di pausa – almeno fisicamente parlando – che mi ha permesso di pensare alle possibilità mentre pianificavo la mia nuova vita, di pianificare in anticipo in un modo più ampio, senza una scadenza immediata. 

Nel 2011, Pilati ha creato i costumi per la produzione di Harold Pinter’s play Betrayal, che si è aperto nel mese di giugno 2011 presso il Comedy Theatre di Londra. [9]

Pilati è stato direttore creativo di AGNONA dal 2012 al luglio 2015. Stefano_Pilati_perfettamente_chic_angona.PNG

Nel febbraio 2016, Stefano si è dimesso dal suo ruolo in Zegna.

Ho dato molta importanza a questa decisione e dopo intense conversazioni con Gildo Zegna, siamo giunti alla conclusione che la missione che mi ha affidato era stata soddisfatta. Ora desidero concentrarmi su altri progetti che ho messo da parte per raggiungere i nostri obiettivi comuni con Zegna Couture.

Stefano_Pilati_perfettamente_chic_zegna

Nel 2017 è tornato allla ribalta con Random Identities, il suo marchio personale. Random identities, è il nuovo “progetto” che lo stilista ha realizzato come tributo a George Dureau, il fotografo americano famoso per i suoi ritratti in bianco e nero, il cui lavoro ha ispirato anche quello di Robert Mapplethorpe

Stefano_Pilati_perfettamente_chic_.PNGRandom è sinonimo di casualità dell’esistenza. Identities è la risposta a questa casualità. I due termini definiscono lo spazio in cui le persone possono identificare, con sicurezza, i nuovi codici indicativi dello spostamento di genere.

La mia vita all’interno di grandi realtà aziendali è stata formativa e distruttiva allo stesso tempo. L’isolamento dalla moda che Berlino mi ha dato, crea più obiettività in quello che faccio. Non ho paura. Ho dovuto lavare molti strati della mia personalità da quando ho deciso di andare da solo

Di tutti i design che ha creato nella sua illustre carriera, è questo sicuramente il brand con dall’ethos più destabilizzante. Sia la collezione di debutto che quella seguente avevano forme fluide e silhouette giovani che trasmettevano un’atmosfera intuitiva, intelligente e nuova, oltre che dal prezzo semi-abbordabile per le persone a cui si ispira in prima battuta.

Abbandonare la struttura aziendale ha pro e contro. L’organizzazione corporate e la fabbrica mi hanno insegnato la vita: dal punto di vista sia creativo che personale. Se pensi in grande, allora hai bisogno di sapere dove creare in grande e come. Per questo ho voluto che il logo di questa nuova avventura fosse una semplice banda nera

Stefano_Pilati_perfettamente_chic_random_identities.png

Random Identities  è disponibile presso Dover Street Market e su SSENSE.Stefano_Pilati_perfettamente_chic__.PNG

aggiornato al 01 giugno 2019
Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia, web
Annunci