Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Nino Cerruti è un businessman, designer, stylist, Ha fondato la sua casa di alta moda, Cerruti 1881, nel 1967 a Parigi. Attualmente gestisce l’azienda di famiglia: il Lanificio Fratelli Cerruti, fondata nel 1881 da suo nonno.Nino_Cerruti_perfettamente.jpgNino_Cerruti_perfettamente_giovane.JPGNato a Biella, in una famiglia di industriali tessili, Cerruti ereditò l’attività alla morte del padre, avvenuta nel 1950, all’età di vent’anni, interrompendo così gli studi di filosofia e giornalismo, per riscoprirsi subito vocato allo stile ed alla moda di più alto livello. Attingendo alla sua esperienza nella produzione di tessuti eccellenti, Cerruti si avventurò nella produzione di abbigliamento alla fine degli anni ’50. Nel corso degli anni investì nella ricerca e nello sviluppo dei materiali e del design, ottenendo risonanza mondiale nel 1957, alla presentazione della sua prima linea di vestiario, la Hitman a Milano, e all’epoca era considerata una rivoluzione nell’abbigliamento maschile. Nel 1962 fonda insieme con Osvaldo Testa il marchio Flying Cross, il primo “Designer Line” che si aggiunge alla linea Hitman. Flying Cross, la prima linea sartoriale di prêt-à-porter maschile di lusso, che nasce da un’idea del sarto e stilista Osvaldo Testa; brand inizialmente più modaiolo, si sviluppa nel tempo con un caratteristico stile “anglo-napoletano”, che combina la tradizione sartoriale napoletana con il gusto anglosassone dei tessuti.

Nino_Cerruti_perfettamente_Cerruti_1881_Parigi.jpgNel 1967 inaugura la prima “maison de couture” Cerruti 1881 a Place de la Madeleine a Parigi, dove Cerruti sposta la sede dell’azienda per essere più vicina alla capitale internazionale della moda. Nino è il primo stilista italiano a lanciare a Parigi il proprio marchio di prêt-à-porter maschile di alta qualità. Nasce così Cerruti 1881, cui si affianca la boutique monomarca in place de la Madeleine, primo negozio di prêt-à-porter dove vengono esposte contemporaneamente le collezioni maschili e femminili. Vico Magistretti, architetto di fama mondiale, studia per l’occasione un ambiente dal concept del tutto innovativo, in cui gli arredi sono interamente modulabili secondo le diverse esigenze.

La produzione di tessuti con il nome di Lanificio Fratelli Cerruti e l’etichetta Hitman resta in Italia. Cerruti, Lanificio Cerruti di Biella e Hitman, con sede a Corsico, formarono insieme Fratelli Cerruti, il gruppo Cerruti Brothers.

Nel 1996 Nino Cerruti nomina Narciso Rodriguez come direttore creativo di Cerruti. Nel 1997 Cerruti  sostituì Rodriguez con Peter Speliopoulos, designer DKNY.Narciso_Rodriguez_perfettamente_chic_1Nel 1968 Nino Cerruti realizza la sua prima sfilata: la prima volta nella storia della moda in cui i modelli e le modelle sfilano con gli stessi abiti. Nino Cerruti acquisisce la fama di ideatore del “Casual Chic”, una moda glamour e lussuosa che conquista il mondo e il mercato con uno stile unico e coinvolgente.

Tra le mie clienti affezionate c’era l’incontentabile Coco Chanel, che amava i pantaloni. Solo un uomo, secondo lei, poteva creare pantaloni perfetti, e i miei le stavano benissimo.

Nino_Cerruti_perfettamente_1.JPGNino Cerruti è il creativo inarrestabile che con le sue soluzioni innovative suggerirà alla moda un nuovo percorso, in ambiti di assoluta visibilità come quelli del Cinema e dello Sport ai massimi livelli. Tanto da portarlo sul grande schermo: Nino Cerruti è il designer preferito dalle star per eventi quali la cerimonia di consegna dei premi Oscar o il Festival del Cinema di Cannes e compare brevemente nel film “Holy Man” (Il Genio), con Eddy Murphy, dove impersona se stesso: ansioso per il volo, chiede al protagonista di aiutarlo con i suoi poteri ipnotici.

Nino Cerruti ha recitato nella parte di se stesso anche in: Catwalk, (1996) e Cannes Man, (1996).

Nel corso degli anni, Cerruti ha proposto abbigliamento da donna e uomo, la diffusion line, Cerruti 1881, una lussuosa collezione di ready-to-wear chiamata Cerruti ArteCerruti Jeans, la collezione business da uomo Cerruti BrothersCerruti 1881 Shapes per il mercato asiatico e fragrances e accessories. Successivamente le linee di abbigliamento furono raggruppate sotto il nome “Cerruti 1881“. Cerruti è da sempre conosciuto per i suoi classici wool suits, completi in lana, cercando sempre di abbinare le sfide quotidiane di chi lo indossa.Nino_Cerruti_perfettamente_t_shirt.jpgNegli anni settanta nasce la prima giacca decostruita. Vengono anche stabiliti accordi di licenza in Giappone e USA al fine di incrementare la visibilità del brand a livello internazionale e per mantenere i prezzi competitivi in più mercati. Nino_Cerruti_perfettamente_Cerruti_1881_Brothers.jpgIn questi anni nasce anche la linea donna che vent’anni dopo rappresenterà il 20% del fatturato complessivo dell’azienda. Nel 1975 la Hitman inizia la produzione e la distribuzione della maglieria, delle camicie e della linea casual: Cerruti 1881 Brothers.

Nel 1978 viene lanciato il primo profumo maschile del brand, chiamato semplicemente Nino Cerruti. Nino_Cerruti_perfettamente_fragranza.jpgNegli anni ottanta viene creata una nuova linea di sportswear particolarmente apprezzata per l’abbigliamento dedicato al tennis e allo sci, sponsorizzando atleti di fama mondiale come il tennista statunitense Jimmy ConnorsNino_Cerruti_perfettamente_Jimmy_Connors.jpg e lo sciatore svedese Ingemar Stenmark. Nino_Cerruti_perfettamente_Cerruti_1881_sport.jpgNino_Cerruti_perfettamente_ferrari.jpgLa popolarità del marchio aumenta decisamente nel 1994 quando il brand viene nominato designer ufficiale della squadra di Formula 1 della Ferrari.

All’inizio anni novanta vengono lanciati due nuovi profumi: “Cerruti 1881 Pour Homme” e “Cerruti 1881 Pour Femme“, entrambi prodotti e distribuiti da Elizabeth Arden. Inoltre vengono aperti negozi monomarca in Cina, Hong Kong, Thailandia ed Indonesia. Nel 1995 inizia la produzione della linea femminile “Cerruti Arte” posizionato nel segmento “Top Designer“.

Nel 1997 Hitman S.p.A produce 120.000 pezzi all’anno lavorando con un network di circa 10 aziende italiane specializzate nella confezione di cappotti, pantaloni e giacche. Nel 1998 viene presentato il nuovo profumo maschile “Cerruti Image” presso il Guggenheim Museum a Bilbao.

Nello stesso anno apre il negozio Cerruti a Madison Avenue di New York. Nel 2000 Cerruti apre un flagship store ad Hong Kong. Nello stesso anno viene lanciata la versione femminile del profumo “Cerruti Image“.

Sempre nel 2000 Nino Cerruti viene nominato Cavaliere del Lavoro dal Presidente della Repubblica.

Nino_Cerruti_perfettamente_cinema.JPGDopo molti film europei tra i quali “Borsalino”, Cerruti veste per la prima volta gli interpreti di un film prodotto ad Hollywood: è “Romancing the stone”, con Kathleen Turner e Michael Douglas. È l’inizio di un lungo sodalizio tra lo stilista e Tinseltown. Grazie al suo approccio innovativo alla moda portata sul grande schermo, Nino Cerruti diventa uno degli stilisti più prolifici per Hollywood e crea abiti esclusivi per moltissimi film. Christian Bale in American Psycho; Harrison Ford in Air Force One; Jack Nicholson in As good as it gets; Marcello Mastroianni in Prêt-à-porter;  Robert Redford in Indecent ProposalTom Hanks in Philadelphia; Michael Douglas in  Basic Instinct Scott Glenn in Silence of Lambs; Richard Gere in Pretty Woman; Michael Douglas in  Wall StreetMichael Douglas in  Fatal attraction; Jack Nicholson in The Witches of Eastwick;   Michael Douglas in Jewel of Nile; … e altri.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Nell’ottobre 2000 Nino Cerruti vende il 51% della sua azienda a Fin.Part, un gruppo industriale italiano. Meno di un anno dopo il gruppo acquistò il resto dell’azienda e costrinse il 71enne Nino Cerruti a dichiarare “differenze inconciliabili“. Quindi, la collezione Primavera Estate 2002 disegnata da Nino Cerrutiha segnato la fine della passione di Cerruti.

C’è una grossa differenza tra made in Italy e fatto in Italia. Ciò che ha creato il fenomeno del made in Italy è stata, nel dopoguerra, l’ammirazione degli americani per il nostro stile di vita e la nostra artigianalità, che poi qualcuno è riuscito con grande sapienza a industrializzare. Oggi made in Italy è diventato a volte un’etichetta di comodo, che viene applicata a prodotti che con la nostra cultura hanno ben poco a che fare, e che magari vengono realizzati altrove. Per fame di profitto s’è data una pesante mano di vernice commerciale, che rischia di snaturare tutto.

Nel 2001 Cerruti Holding vende il marchio Cerruti 1881 per concentrarsi sul Lanificio Fratelli Cerruti dove Nino Cerruti lavora ancora oggi ricoprendo il ruolo di presidente.Nino_Cerruti_perfettamente_Lanificio_Fratelli_Cerruti.jpgNel 2005, Nino Cerruti, entra nell’ambito dell’interior design ed acquisisce Baleri-Italia, azienda leader del settore. Nello stesso anno è membro della giuria del Festival del Cinema di Berlino. Prima di lui, solo altri due italiani avevano ricoperto questo ruolo nella storia della prestigiosa rassegna, coronando ulteriormente il suo sodalizio col mondo dello spettacolo e del jet set internazionale. Nel 2006 viene inaugurato il nuovo centro direzionale disegnato da Vico Magistretti. E’ l’ultimo progetto realizzato dal famoso architetto nella sua lunga carriera. Nino Cerruti sfida nuovamente il mercato, con il gusto di sempre e mantenendosi saldamente ancorato alla tradizione di ricerca ed innovazione che la sua famiglia rappresenta da oltre duecento anni.

Il problema è che oggi per l’ansia di piacere alla stampa molti designer percorrono strade discutibili, di puro teatro. Trovo al contrario che comfort e naturalezza siano essenziali. L’abbigliamento è la nostra seconda pelle, e dovrebbe essere in armonia con il corpo, oltre che bello e di qualità: non ho mai creduto nel brutto artistico.

Nino Cerruti è stato il miglior portavoce della propria moda, naturale ed elegante come il motto del lanificio. Oggi, è un distinto ottantenne dal garbo che conquista, considerata l’arroganza media modaiola.

Indosso ancora abiti che ho disegnato io stesso. Ho una conformazione fisica peculiare, e mi è difficilissimo trovare qualcosa che mi stia bene. I miei fantastici sarti mettono a posto tutto, e sono contento così.

Nino_Cerruti_perfettamente.jpg

Lo stile è vestire con personalità, l’eleganza è ciò che lo rende naturale.

aggiornato al 18 ottobre 2019
Autore: Lynda Di Natale
Fonte: lanificiocerruti.com, moda24.ilsole24ore.com, wikipedia, web