Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Donna Karan, vero nome Donna Ivy Faske, è una stilista, imprenditrice e direttrice artistica statunitense, Donna_Karan_perfettamente_chic.jpgfondatrice della casa di moda DKNY (Donna Karan New York).Donna_Karan_perfettamente_chic_dkny.JPG

Nata a Long Island, sua madre era una modella – e aveva anche lavorato nello showroom del designer Chester Weinberg– Helen (alias “Richie” e “Queenie” Rabinowitz), mentre il suo padre era un sarto e un mercante che morì, dopo un incidente automobilistico, quando Donna aveva tre anni e mezzo. Karan e sua sorella maggiore Gail sono cresciute dalla madre a Woodmere, Un anno dopo, Queenie si risposò con Harold Flaxman, che possedeva un’azienda di abbigliamento a Brooklyn. Donna_Karan_perfettamente_chic_ragazza.jpgDonna si divertiva con il softball, la pallavolo e il basket, teneva lezioni al liceo e trascorreva gran parte del suo tempo nel dipartimento d’arte. La Karan comincia a lavorare nel settore della moda all’età di 14 anni. Si laurea alla Hewlett High School nel 1966, e continua gli studi alla Parsons School of Design per due anni, ma abbandona per poter lavorare presso Anne KleinNel 1973 sposa Mark Karan, con il quale ebbe una figlia, divorzierà nel 1978, ma di cui manterrà il cognome.

Karan iniziò la sua carriera come assistant designer con Anne Klein alla fine degli anni ’60, dove fu promossa associate designer nel 1971. Come assistente di Klein, Karan partecipò alla sfilata di moda The Battle of Versailles Fashion Show il 28 novembre 1973. Quando Klein muore per un cancro al seno all’età di 50 anni, nel 1974, Takihyo Corporation of Japan divenne il nuovo proprietario e Karan, insieme al suo ex compagno di classe e amico Louis Dell’Ollio, divenne capo designer del brand.Donna_Karan_perfettamente_chic_Louis_Dell'Ollio.jpg

Donna Karan, come direttrice artistica del marchio Anne Klein,  ricopre tale ruolo fino al 1989. In quel periodo la Karan lancia diverse importanti linee come la Essentials line e la Seven Easy Pieces. Karan diviene famosa per la sua linea “Essentials“: capo protagonista è il body stretch (che grazie alla stilista viene decontestualizzato e trasformato in pezzo cult), a cui vengono abbinati a seconda dell’occasione sette capi coordinati, di taglio sartoriale e in tessuto elasticizzato.Donna_Karan_perfettamente_chic_Essentials.jpg

Nel 1984, Karan lasciò Anne Klein e, insieme al suo allora marito Stephan Weiss, spostato nel 1983, Donna_Karan_perfettamente_chic_Stephan_Weiss_wedding.jpge Takihyo Corporation, iniziò la propria attività.

per progettare abiti moderni per le persone moderne.

Donna_Karan_perfettamente_chic_Gaby.jpgHa mostrato la sua prima First Collection nel 1985. L’obiettivo della stilista era quello di creare un brand che combinasse il comfort dell’abbigliamento sportivo, all’eleganza del prêt-à-porter, pur rimanendo collocati in una fascia di medio prezzo. Nel 1985 fonda la propria casa di moda  ispirata da sua figlia Gaby, la DKNY, di medio costo e destinata ad un pubblico giovane, che gestisce insieme al secondo marito Stephan Weiss. DKNY ottiene un ottimo successo, e collabora con diversi altri importanti brand.

Il nero, per me, è il colore da città per eccellenza. È una divisa. È un colore di base. Si può indossare da mattina a sera. E poi ho sempre l’impressione che, con il nero, sia la vera persona ad emergere, non il colore.

Con il tempo la produzione del brand si è allargata, coprendo numerosi settori del mondo della moda, producendo accessori, biancheria intima, scarpe, abbigliamento per l’infanzia, e producendo linee di abbigliamento maschili.Donna_Karan_perfettamente_chic_dkny_accessories.jpg

Le prime boutique DKNY sono state aperte a Londra nel 1997 ed a New York nel 1999. Attualmente si contano circa settanta negozi DKNY in tutto il mondo, compresi venti centri in Cina, due in Canada e quattro a Dubai.Donna_Karan_perfettamente_chic_dkny_boutique.jpg

Nel corso della propria carriera Donna Karan ha vinto, tra gli altri riconoscimenti, il Council of Fashion Designers of America Award ed il Coty American Fashion Critics Award. Inoltre ha ricevuto una laurea honoris causa dalla Parson’s School of Design di New York nel 1987.

Donna_Karan_perfettamente_chic_DKNY_Jeans.jpgL’originale marchio DKNY ha generato numerosi sottomarchi. Nel 1990, Karan, soprannominata The Queen Of Seventh Avenue, ha esteso la sua linea in DKNY Jeans, una collezione ispirata al denim. DKNY Active, DKNY Underwear, DKNY Juniors, DKNY Kids, e DKNY Baby.  DKNY for men è stato lanciato sul mercato nel 1992, un anno dopo la presentazione della linea “Signature” per uomo, ed è composto da abiti su misura, abbigliamento, abbigliamento formale, abbigliamento casual, abbigliamento sportivo e scarpe. Nel ’92, Karan ha anche lanciato l’abito “cold shoulder“, un abito a maniche lunghe in jersey che presentava profondi ritagli alle spalle per rivelare la skin beneath. La linea DKNY beauty, invece produce cosmetici (licenziati dalla Estée Lauder Companies) e profumi.  Primo profumo omonimo, Donna Karan, 1992 e due anni dopo Cashmere Mist.

Dal 1993 al 1997, Peter Speliopoulos ha lavorato come designer per Donna Karan a New York.

Karan ha lasciato la sua posizione di CEO nel 1997, ma ha mantenuto il ruolo come presidente e designer per la linea Donna Karan.

Stephan ha avuto il cancro per sette anni e poi non si poteva fare altro che metterlo a proprio agio. La coppia ha rinnovato i loro voti nel cortile di casa dei loro Hamptons. Weiss troppo malato per viaggiare. Per rallegrare Stephan mentre era in ospedale, Donna gli comprò una Lamborghini Diablo. Weiss muore di cancro ai polmoni nel 2001. Quando è morto, lei dice: “Ero in caduta libera“.Donna_Karan_perfettamente_chic_Stephan.jpgL’amicizia di Donna con Demi Moore la portò a un viaggio in Austria per la terapia delle sanguisughe dopo la morte di Stephan.

Nel 2001 tramite i marchi DKNY Home collection e DKNY LIFE, vengono prodotti anche accessori per la casa e complementi di arredo.Donna_Karan_perfettamente_chic_DKNY_Home_collection.jpgNel 2001 il marchio è stato acquistato dalla LVMH. Peter Speliopoulos lascia Cerruti nel 2002 per tornare come Vice Presidente del Design per Donna Karan New York.Peter_Speliopoulos_perfettamente_chic_donna_karan.jpg

Dopo il 2002, la designer è stata meno presente nel brand. Dal 2005 la DKNY opera anche tramite internet, attraverso il sito ufficiale del marchio.Donna_Karan_perfettamente_chic_sito.JPGNell’agosto 2008, Karan ha rilanciato le sue linee di fragranze fuori produzione dagli anni ’90.

Cara Delevingne era il volto di DKNY per più stagioni a metà degli anni 2010.

Nel 2015, Donna Karan annuncia che si sarebbe dimessa da capo della sua omonima società per concentrarsi sul suo marchio di lifestyle, Urban Zen, fondato da Karan nel 2007 e sulla filantropia della Fondazione Urban Zen. Donna_Karan_perfettamente_chic_Urban_Zen.jpg Oltre all’attività filantropica l’associazione è portavoce di una filosofia che unisce stile di vita, yoga, viaggi, attenzione e valorizzazione dell’artigianato e del savoir faire locale, oltre a proporre programmi di medicina alternativa:

Ho appreso per esperienza personale che, quando una persona sta male, non è importante curare solo la malattia, ma soprattutto l’essere umano

Donna_Karan_perfettamente_chic_Urban_Zen.jpg

Era il momento giusto per fare questo passo e sono sicura che Donna Karan avrà un futuro luminoso …

Le succedono Maxwell Osborne e Dao-Yi Chow, già designer dell’etichetta Public School. Ma i risultati continuano a essere deludenti. Un anno più tardi, la notizia del nuovo passaggio di mano. La casa di moda viene venduta dal Gruppo GIII nel 2016. G-III, con sede a New York City, è un produttore e distributore di abbigliamento e accessori con marchi di proprietà, marchi in licenza e marchi del marchio del distributore.

Nel 2017, Emily Ratajkowski diventa il volto di DKNY, con hashtag #GoodMorningDKNY.Donna_Karan_perfettamente_chic_Emily_Ratajkowski.jpg

Karan attualmente risiede a Northwest Harbor (East Hampton), New York , ma mantiene residenze a New York City e nelle Isole Turks e Caicos

Alla fine della giornata, non è ciò che indossi o anche ciò che hai realizzato che conta. È chi sei, chi ami e come vivi. Donna Karan

Un’oasi nel cuore di Manhattan frequentata tra le tante da Sarah Jessica Parker, Gwyneth Paltrow, Uma Thurman e Demi Moore. Un brand che è anche una fondazione no profit specializzata in problemi di salute, occupazione ed educazione nei paesi in via di sviluppo e negli Stati Uniti.

Dopo la morte di mio marito, Stephan Weiss, ho realizzato come sia importante dedicare tempo a sé stessi, oltre a lavorare. Per questo con Urban Zen ho voluto creare un tempio del benessere fisico e mentale nella Grande Mela.

Donna_Karan_perfettamente_chic_Courtesy_Urban_Zen_Foundation

aggiornato al 2 ottobre 2019
Autore: Lynda Di Natale
Fonte: donnakaran.com, esquire.com, wikipedia.org, web