Tag

, , , , , , , , , , , , , , , ,

2015: Betsy Drake, è stata un’attrice e scrittrice americana di origine francese. Era la terza moglie dell’attore Cary Grant. Abbandonata del tutto la recitazione, la Drake rivolse i propri interessi artistici verso altre attività, prima fra tutte quella di scrittrice. Nel 1971, con il nome di Betsy Drake Grant, pubblicò infatti la novella Children You Are Very Little, mentre negli anni successivi lavorò regolarmente come psicoterapeuta in diverse strutture ospedaliere psichiatriche di Los Angeles. La sua sola riapparizione sulle scene, nel ruolo di se stessa, risale al 2005 nel documentario Cary Grant: A Class Apart, dedicato all’indimenticabile attore. Dal matrimonio con Cary Grant la Drake non ebbe figli e dopo il divorzio non si risposò più. (n.1923)Betsy_Drake_perfettamente_chic.jpg

2004: Maria Fiore, nome d’arte di Iolanda Di Fiori, attrice italiana. Giovanissima, divenne famosa interpretando la parte di Carmela nel film Due soldi di speranza. Negli anni seguenti, interpretò molti film popolari. La sua carriera cinematografica è proseguita intensamente per tutti gli anni cinquanta diradandosi all’inizio degli anni sessanta. Dall’inizio degli anni sessanta, le sue partecipazioni a commedie e produzioni televisive. L’impegno maggiore l’ha profuso nell’attività di doppiatrice. (n. 1935)Maria_Fiore_perfettamente_chic.jpeg

1990: Ugo Tognazzi, è stato un attore, regista, sceneggiatore e comico italiano. È considerato uno dei “mattatori” della commedia all’italiana. Fu esperto di cucina ed ebbe fama di tombeur de femmes. Nel 1954 Tognazzi si innamorò di una ballerina inglese di origine irlandese della sua rivista, Pat O’Hara, dalla quale ebbe il figlio Ricky, ma con la quale non si sposò mai; la relazione finì nel 1961 quando conobbe Margarete Robsahm, attrice norvegese sua partner ne Il mantenuto e che sposò nel 1963. L’anno seguente nacque Thomas, che divenne produttore e regista; con Margarete Ugo visse tre anni, tra l’Italia e la Norvegia. Si sposò quindi con l’attrice Franca Bettoja, nel 1972 a Velletri, dove vissero in una grande casa poi aperta al pubblico per iniziative culturali: ebbero due figli, Gianmarco nel 1967 e Maria Sole nel 1971. I figli precedenti sono sempre stati di casa, soprattutto Ricky, mentre Thomas, che continuava a vivere con la madre Margarete, ha fatto sempre la spola tra l’Italia a la Norvegia per unirsi a loro. Negli ultimi anni della sua vita si ammalò di depressione. Morì nel sonno per una emorragia cerebrale a 68 anni.  (n. 1922)Ugo_Tognazzi_perfettamente_chic.jpg

1971: Linda Pini, nome d’arte di Gerlinda Filippini, attrice italiana, debuttò nel cinema a vent’anni per iniziativa di Soava Gallone che la incontrò mentre lavorava in un negozio di mode. La sua attività era caratterizzata da uno stile molto espressivo, femminile e realista, in contrasto con il gusto recitativo dannunziano in voga negli anni Venti e Trenta. Nel 1950 il suo ritiro definitivo. (n. 1896)Linda_Pini_perfettamente_chic.jpg

1958: Marshall Neilan, nome completo Marshall Ambrose Neilan (detto Mickey), è stato un regista, attore, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense. Molto attivo all’epoca del muto, sposato con la famosa attrice Blanche Sweet, era conosciuto anche come Marshall A. Neilan, Marshal Neilan, Mickey Neilan. (n. 1891)Marshall_Neilan_perfettamente_chic.jpg

1929: Rita de Acosta Lydig, Rita Hernandez de Alba de Acosta Stokes Lydig, era una socialite americana considerata “la donna più pittoresca d’America”. Rita_de_Acosta_Lydig_perfettamente_chic.jpgÈ stata fotografata da Adolf de Meyer, Edward Steichen e Gertrude Käsebier, scolpita in alabastro da Malvina Hoffman e dipinta da Giovanni Boldini e John Singer Sargent, tra gli altri. Famous for her extravagant lifestyle, “…Rita was equally welcomed in Paris, where she spent parts of each year. She would arrive at the Ritz with a hairdresser, masseuse, chauffeur, secretary, maid,… and forty Louis Vuitton trunks… “. Rita de Acosta è stata sposata due volte. Il suo primo matrimonio, 1895, quando il 16enne Rita divenne la prima moglie di multimilionari William Earl Dodge Stokes (1852-1926), che ha costruito The Ansonia su di Manhattan Upper West Side. Ebbero un figlio: William Earl Dodge Stokes Jr. (1896–1982). Divorzio nel 1900, ricevette un accordo di quasi due milioni di dollari, un record per l’epoca. Nel 1902, sposò il maggiore Philip Mesier Lydig, un funzionario in pensione benestante e socialmente importante dell’esercito degli Stati Uniti. Si separarono nel 1914 e divorziarono nel 1919. Nel 1921, Lydig annunciò il suo fidanzamento con il reverendo Percy Stickney Grant (1860–1927), rettore della Chiesa dell’Ascensione.Rita_de_Acosta_Lydig_perfettamente_chic_.jpg I loro piani di matrimonio furono interrotti nel 1924 quando il vescovo William Manning rifiutò di autorizzare il matrimonio, citando Lydig come divorziata con due ex mariti viventi. Il Rev. Grant è morto poco dopo, lasciando la sua fortuna personale alla donna che aveva sperato di sposare, e Lydig ha speso ingenti somme di denaro in moda, arte, mobili e altri oggetti per superare il suo dolore. Fortemente indebitata, fu costretta a vendere la sua casa di Washington Square e il suo contenuto fu dichiarato fallito. Rita morì di perniciosa anemia all’età di 54 anni. Il suo guardaroba personale divenne la base per l’avvio del Costume Institute al Metropolitan Museum of Art. (n. 1875)

Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia.it, web