Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2020: Mirella Freni, pseudonimo di Mirella Fregni, soprano italiano, attiva dalla fine degli anni cinquanta ai primi anni duemila. Fu una “bambina prodigio”, essendosi esibita in pubblico già all’età di dieci anni. Dopo qualche anno di studio debuttò nel 1955. Ha svolto una vasta attività discografica. Dopo il divorzio dal maestro Magiera sposò nel 1978 il basso Nicolaj Ghiaurov, scomparso nel 2004. Nel 1990 pubblicò un libro di memorie intitolato Mio caro teatro. Nel 2015 il teatro alla Scala l’ospitò in una serata in suo onore in occasione degli 80 anni. La Freni ebbe la stessa balia di Luciano Pavarotti, circostanza favorita dal fatto che le madri erano colleghe di lavoro. (n. 1935)Mirella_Freni_perfettamente_chic

John_Gavin_perfettamente_chic2019: John Gavin, pseudonimo di John Anthony Golenor Pablos, attore e diplomatico statunitense di orgini messicane. Attore dotato di presenza e di fascino latino, Gavin si affermò nella seconda metà degli anni cinquanta. All’inizio degli anni settanta iniziò a diradare le sue apparizioni sul grande schermo. Gavin fu nominato ambasciatore degli Stati Uniti in Messico nel 1981 e rimase in carica fino al 1986. In seguito divenne un uomo d’affari di successo e inoltre sostenne svariate istituzioni benefiche. Si sposò due volte: dal 1957 al 1965 con l’attrice Cicely Evans, da cui ebbe due figlie, Christina (produttrice) e Maria (attrice); dal 1974 era sposato con l’attrice Constance Towers. (n. 1931)

Reg_E_Cathey_perfettamente_chic2018: Reg E. Cathey, Reginald Eurias Cathey, attore statunitense noto principalmente per aver interpretato i ruoli di Martin Querns in Oz, Norman Wilson in The Wire e Freddy Hayes in House of Cards – Gli intrighi del potere. Cathey è morto nella sua casa di New York all’età di 59 anni per un cancro ai polmoni. (n. 1958)

Vittorio_Di_Prima_perfettamente_chic2016: Vittorio Di Prima, attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano. Al cinema ha interpretato, tra gli altri, Primo tango a Roma… storia d’amore e d’alchimia (1973) e RDF – Rumori di fondo (1996), mentre in televisione ha lavorato in alcuni sceneggiati televisivi. Attivo nel mondo del doppiaggio fin dagli anni settanta. Era sposato con la collega Ada Maria Serra Zanetti. (n. 1941)

Ian_Richardson_perfettamente_chic2007: Ian Richardson, Ian William Richardson, attore britannico. Nel 1966 acquistò notorietà internazionale per l’interpretazione di Jean Paul Marat nel film Marat/Sade. Ian Richardson morì nel sonno a causa di un arresto cardiaco. La moglie Marussja Frank e il figlio Miles, decisero di disperdere le sue ceneri nelle fondamenta della sala del teatro Royal Shakespeare Theatre di Stratford durante il corso della sua ristrutturazione nel 2008. (n. 1934)

Jane_Hamilton_perfettamente_chic2004: Jane Hamilton, attrice e modella statunitense, iniziò la sua carriera come una delle Goldwyn Girls. Ha anche lavorato come modella presso il prestigioso negozio Saks Fifth Avenue a Beverly Hills. La sua carriera consisteva principalmente in piccoli ruoli, molti dei quali non accreditati, ma aveva la protagonista femminile in uno dei migliori cortometraggi comici Three Missing Links (1938). Ha sposato il milionario William I. Hollingsworth quello stesso anno. Durante la seconda guerra mondiale ha lavorato per la Croce Rossa. Nel 1949 sposò il suo secondo marito, Edward G. Wormhoudt. È stata una delle fondatrici originali di  The Colleagues nel 1950, diventando presidente nel 1955. Rimase attiva fino alla sua morte. (n. 1915)

Vera_Ralston_perfettamente_chic2003: Vera Ralston (Vera Hruba Ralston), pseudonimo di Věra Helena Hrubá, è stata un’attrice e pattinatrice su ghiaccio cecoslovacca naturalizzata statunitense. Nei ventisette film a cui partecipò durante la sua carriera, la Ralston interpretò prevalentemente ruoli di donne straniere, per giustificare il suo accento europeo e i suoi limiti nella lingua inglese. Divenuta cittadina americana nel 1946, la Ralston sposò il settantaduenne Herbert J. Yates (più anziano di lei di quarant’anni). Dopo la morte di Yates, avvenuta nel 1966, la Ralston soffrì di un esaurimento nervoso da cui successivamente si riprese. Risposatasi nel 1973 con l’uomo d’affari Charles de Alva, l’attrice si stabilì nel sud della California e condusse serenamente la propria esistenza fino alla morte. (n. 1919)

Principessa_Margaret_perfettamente_chic_2002: La principessa Margaret, contessa di Snowdon, era la seconda figlia di re Giorgio VI del Regno Unito e di Elizabeth Bowes-Lyon, nonché sorella minore della regina Elisabetta II. A differenza di altri membri della famiglia reale, Margaret non era tenuta a partecipare alle funzioni pubbliche o ufficiali durante la guerra. Sviluppò quindi le sue abilità a cantare e suonare il pianoforte. 1947 lei, Elisabetta e i loro genitori si imbarcarono per una visita in Sudafrica. Il viaggio durò tre mesi e fu la prima visita all’estero di Margaret. Margaret era sorvegliata da Peter Townsend, scudiero del re. Nello stesso anno fu damigella d’onore al matrimonio della sorella. Nei successivi tre anni Elisabetta ebbe due figli: Carlo e Anna, le cui nascite spostarono Margaret più in basso nella linea di successione. Margaret godette della socializzazione con l’alta società e la gioventù. Fu amica della figlia dell’ambasciatore americano, Lewis Williams Douglas ed era spesso descritta dalla stampa come presente a balli, feste e nelle discoteche. Suo padre morì per un infarto, 1952, e sua sorella divenne regina. Con la madre, Margaret lasciò Buckingham Palace e si trasferì a Clarence House. Dopo la morte del re, Townsend divenne revisore dei conti della regina madre. Nel 1953 divorziò dalla prima moglie e propose il matrimonio a Margaret. Townsend aveva sedici anni più di lei e aveva due figli dal suo precedente matrimonio. Margaret accettò e informò la sorella, la regina, del suo desiderio di sposarsi. Il consenso della regina era richiesto. Nel 1936 però la Chiesa d’Inghilterra aveva rifiutato di ammettere un nuovo matrimonio per i divorziati. Un’unione che non fosse riconosciuta dalla Chiesa d’Inghilterra non era accettata a meno che Margaret non rinunciasse ai suoi diritti al trono. Questo però sarebbe stato possibile solo dopo il venticinquesimo compleanno della principessa. Churchill organizzò per Townsend un trasferimento all’estero. Nel 1960 sposò il fotografo Antony Armstrong-Jones dopo che aveva accettando dopo aver appreso da Peter Townsend che aveva intenzione di sposare una giovane donna belga che aveva la metà dei suoi anni e somigliava sorprendentemente alla principessa Margaret. Il suo fu il primo matrimonio reale a essere trasmesso in televisione. La principessa indossava un abito da sposa disegnato da Norman Hartnell e il diadema Poltimore. Nel 1961, il marito di Margaret venne creato conte di Snowdon. La coppia ebbe due figli: David (1961) e e Lady Sarah (1964). Il suo matrimonio allargò la cerchia sociale di Margaret al di là della Corte e dell’aristocrazia per includere celebrità dello show business e bohémien. Margaret ebbe la sua prima relazione extraconiugale nel 1966 con Anthony Barton, padrino di sua figlia e produttore di vino Bordeaux. Un anno dopo ebbe una relazione di un mese con Robin Douglas-Home. Douglas-Home, che soffriva di depressione, si suicidò diciotto mesi dopo la rottura con Margaret. Le presunte relazioni con il musicista Mick Jagger, l’attore Peter Sellers e il giocatore di cricket australiano Keith Miller non sono mai state provate. Nel 1975 Margaret venne annoverata tra le donne con le quali l’attore Warren Beatty aveva avuto relazioni romantiche. Nei primi anni settanta Margaret e il marito si allontanarono.  Margaret ebbe un rapporto come “un’amicizia amorosa” con Roddy Llewellyn,  aveva diciassette anni meno di lei. Nel 1978 Margaret divorziò dal marito e nello stesso anno Lord Snowdon si risposò con Lucy Lindsay-Hogg. Gli ultimi anni di vita della principessa furono segnati da malattie e disabilità, complice la sua attitudine di bevitrice e fumatrice accanita dall’età di 15 anni. Morì per un ictus. Nel giugno del 2006, gran parte degli oggetti di Margaret venne messa all’asta da Christie’s per pagare la tassa di successione, anche se il ricavato della vendita di alcuni oggetti venne poi dato in beneficenza a diverse associazioni.  Nel 2007 a Kensington Palace fu inaugurata una mostra a lei dedicata dal titolo Princess Line – The Fashion Legacy of Princess Margaret. In contemporanea vi era una mostra di moda di stilisti inglesi contemporanei, come Vivienne Westwood, ispirati all’eredità di stile della principessa Margaret. La collezione primavera del 2006 di Christopher Bailey per Burberry era ispirata al look della principessa nel 1960. Per molti anni la vita privata della principessa Margaret fu oggetto di intense speculazioni da parte dei media e degli osservatori. Nella serie tv The Crown, Margaret appare in vari episodi, interpretata da Vanessa Kirby (stagioni 1-2) e Helena Bonham Carter (stagione 3-4). (n. 1930)Principessa_Margaret_perfettamente_chic

David_Wayne_perfettamente_chic1995: David Wayne, pseudonimo di Wayne James McMeekan,  attore statunitense e fu attivo sulle scene teatrali di Broadway fin dal 1938. Raggiunse il primo grande successo nel 1947 con la commedia Finian’s Rainbow. Il debutto nel cinema risale al 1949. Tra i film da lui interpretati, da ricordare il fantascientifico Andromeda e la commedia Prima pagina (1974). Wayne è conosciuto dal pubblico televisivo per il ruolo del Cappellaio Matto nella serie Batman (1966-1967), e soprattutto per il personaggio dell’ispettore Richard Queen, nella serie televisiva Ellery Queen, e per il ruolo del dottor Amos Weatherby nella sitcom Visite a domicilio, in onda per 57 episodi dal 1979 al 1982. Wayne era sposato con Jane Gordon e aveva due figlie, Susan Wayne Kearney e Melinda Wayne, e un figlio, Timothy. Timothy scomparve, presumibilmente annegato, durante un viaggio di rafting nell’agosto 1970. La moglie di Wayne, figlia della cantante d’opera Jeanne Gordon, morì nel 1993. Susan morì nel 2019. (n. 1914)

Sophie_Tucker_perfettamente_chic1966: Sophie Tucker, all’anagrafe Sof’ja Kališ, è stata una cantante, attrice e cabarettista statunitense di origine ucraina, che fu una stella internazionale all’epoca del vaudeville, durante la quale interpretava brani jazz e ragtime, ballate e canzoni comiche. Soprannominata “l’ultima delle Red-Hot Mamas”. Nel 1907 la Tucker debutta sulla scena teatrale newyorkese, esibendosi nel night club di Chris Brown.  Inizialmente, per via del proprio peso (già a 13 anni era arrivata a pesare 145 libbre), incontra qualche diffidenza da parte degli impresari. Dopo aver lavorato per un breve periodo (a partire dal 1909) per le Follies di Florenz Ziegfeld, ha in seguito modo di esibirsi al fianco delle principali stelle del varietà del XX secolo. Tra il 1914 e il 1917, si esibisce al fianco del secondo marito, il pianista Frank Westphal. Il matrimonio tra i due naufragherà a causa della gelosia per la popolarità di lei. Nel 1921 diventa suo direttore musicale il pianista Ted Shapiro, che scrive per lei vari brani. Nel 1922, sempre assieme a Shapiro intraprende la sua prima tournée teatrale nel Regno Unito, che ottiene un grande successo. Apparirà in seguito occasionalmente in altri film hollywoodiani alla fine degli anni trenta. Tra il 1938 e il 1939 conduce un proprio programma sull’emittente radiofonica della CBS. Nel 1945 pubblica la sua autobiografia, intitolata come uno dei suoi brani più celebri, ovvero Some of These Days. (n. 1884)

Cecil_Hepworth_perfettamente_chic1953: Cecil Hepworth, Cecil Milton Hepworth, produttore cinematografico, regista e attore britannico. Hepworth fu uno dei fondatori dell’industria cinematografica britannica alla fine dell’Ottocento. La sua carriera continuò fino agli anni venti del nuovo secolo. Suo padre Thomas Cradock Hepworth era famoso per i suoi spettacoli con la lanterna magica. Cecil crebbe in quell’ambiente e cominciò a lavorare con i primi pionieri del cinema britannico, scrivendo nel 1897 il primo libro a tema. Con suo cugino Monty Wicks, Cecil fondò la compagnia Hepworth and Co., una casa di produzione che più tardi prese il nome di Hepworth Manufacturing Company e poi Hepworth Picture Plays. Nel 1899, i due costruirono un piccolo studio a Walton-on-Thames. La compagnia produceva tre cortometraggi la settimana, diretti talvolta dallo stesso Hepworth. Hepworth diresse insieme a Percy Stow la prima versione cinematografica del romanzo Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie. Hepworth non solo diresse il film, ma lo sceneggiò, lo fotografò, lo produsse e lo interpretò (nel ruolo della Rana). Sua moglie faceva non solo la Regina, ma anche il Bianconiglio. Il cane del film è il cane di casa, Blair. L’animale diventò tanto famoso che il nome Blair da quel momento divenne un nome comune per i cani del Regno Unito. Hepworth fu uno dei primi a capire l’importanza dei divi in un film, fossero animali o umani: adottò il sistema di caratterizzare i personaggi in modo da abituare il pubblico a riconoscerne il ruolo alla loro prima apparizione sullo schermo. Nel 1910, Hepworth fu anche l’inventore del Vivaphone, uno dei primi sistemi audio su disco per aggiungere suoni alle immagini in movimento. Cecil è stato sposato con l’attrice Magaret Hepworth dal 1902 al 1917 da cui ha avuto la figlia Barbara Hepworth, divenuta attrice, e successivamente in seconde nozze con Olive Elizabeth Water dal 1929 sino al 1953. (n. 1873)

Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia.org, web