Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2017: Bruce Gray, Bruce_Gray_perfettamente_chicRobert Bruce Gray, attore canadese. Gray è noto al pubblico canadese per la sua interpretazione dell’investitore finanziario Adam Cunningham nella serie televisiva Traders, per il ruolo di padre dello sposo ne Il mio grosso grasso matrimonio greco e per quello del fantasma del padre di Joe nella serie televisiva di successo Medium. Gray è stato inoltre il volto del leader di una fittizia organizzazione anti-Amsterdam in una campagna pubblicitaria per la birra Amstel. (n. 1936)

Alan_Thicke_perfettamente_chic2016: Alan Thicke, all’anagrafe Alan Willis Jeffrey, è stato un attore, conduttore televisivo e cantautore canadese. (n. 1947)

2014: Mary Arden, Mary Dawne Arden, attrice, modellaMary_Arden_perfettamente_chic.jpg e imprenditrice statunitense.  (n. 1933)

Horst_Tappert_perfettamente_chic.jpg2008: Horst Tappert, è stato un attore tedesco, famoso soprattutto per aver interpretato il ruolo di Stephan Derrick nel telefilm L’ispettore Derrick. (n. 1923)

Heather_Angel_perfettamente_chic1986: Heather Angel, Heather Grace Angel, attrice e doppiatrice inglese.  (n. 1909)

1985: Margaret Livingston, conosciuta anche con il nome Marguerite Livingston, attrice statunitense.Margaret_Livingston_perfettamente_chic  (n. 1900)

Angel_Alvarez_perfettamente_chic.jpg1983: Angel Alvarez, attore spagnolo.  (n. 1906)

1979: Jon Hall, nome d’arte di Charles Felix Locher, attore statunitense. Iniziò a recitare nel 1935.  (n. 1915)Jon_Hall_perfettamente_chic.jpg

1977: Mitzah Bricard, musa cosmopolita di Christian Dior.  (n. 1900)Mitzah_Bricard_perfettamente_chic

1969: Luigi Pavese, attore e doppiatore italiano.  (n. 1897)Luigi_Pavese_perfettamente_chic.jpg

1954: Ruth Selwyn, Ruth_Selwyn_perfettamente_chicnata Ruth Wilcox, produttrice teatrale e attrice statunitense.  Fu la prima moglie di Edgar Selwyn. Attrice e produttrice teatrale, il suo nome appare in alcune produzioni di commedie e musical di Broadway. Girò otto film. Bachelor Born, uno degli spettacoli di Broadway da lei prodotto nel 1938 insieme a Milton Shubert, fu un buon successo: restò in scena per oltre un anno con quattrocento repliche.  (n. 1905)

1944: Lupe Vélez, all’anagrafe María Guadalupe Villalobos Vélez, attrice messicana. Grazie al regista Lupe_Vélez_perfettamente_chicHal Roach, la Vélez iniziò la sua carriera di attrice a Hollywood negli anni venti. Nel 1928 vinse l’edizione di quell’anno del premio WAMPAS Baby Stars, un’iniziativa pubblicitaria promossa negli Stati Uniti dalla Western Association of Motion Picture Advertisers, che premiava ogni anno tredici ragazze giudicate pronte ad iniziare una brillante carriera nel cinema. Vélez interpretò ruoli drammatici per cinque anni, per passare poi alle commedie. La vita privata dell’attrice fu molto tormentata. Si sposò una sola volta, con l’attore Johnny Weissmuller, uno dei suoi tanti amori, ma il matrimonio finì dopo cinque anni a causa del carattere aggressivo dell’attrice. Un altro dei suoi amori più famosi fu Gary Cooper, Anche lui la lasciò perché stanco del suo carattere impulsivo ed irritabile. A spingerla al suicidio sarà la tormentata storia con l’attore Harald Ramond, il quale non riconobbe il figlio che Lupe stava aspettando. L’attrice invitò le sue migliori amiche, l’attrice Estelle Taylor e Benita Oaker (la moglie dell’attore Jack Oakie), a dividere quella che sarà la sua “ultima cena”. Dopo il festino alla messicana con fumo e alcool, Vélez si ritirò, confessando la sua lacerante inquietudine. Ma le sue amiche non le diedero retta. Ritrovatasi sola nella sua grande villa alle tre del mattino, per l’ultima volta salì lo scalone dalla balaustra di ferro battuto, elegantissima nell’abito da sera di lamé d’argento, e raggiunse la sua camera, adornata con fiori e candele. L’attrice scrisse un biglietto d’addio che lasciò sul comodino, e ingerì settantacinque pasticche di sonnifero Seconal. Venne ritrovata morta l’indomani. Aveva trentasei anni. (n. 1908)

Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia.org, web
Pubblicità