Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2020: Lori Nelson, pseudonimo di Dixie Kay Nelson, attrice statunitense attiva in cinema e televisione fino al 2005. Ebbe un periodo di maggior notorietà negli anni cinquanta. Nelson apparve come attrice bambina in produzioni teatrali locali. Dopo la laurea alla Canoga Park High School, in California, vinse un concorso di bellezza e lavorò come modella e nel 1950 firmò un contratto con la casa cinematografica. Fece il suo esordio sul grande schermo nel western Là dove scende il fiume (1952) e nello stesso anno interpretò il ruolo di Barbara Atwood in Francis all’Accademia (1952) e quello di Rosie Kettle nella commedia Ma and Pa Kettle at the Fair (1952). Dopo alcune apparizioni in pellicole western, recitò nel fantascientifico La vendetta del mostro (1955), sequel della pellicola Il mostro della laguna nera. Verso la fine degli anni cinquanta la carriera cinematografica della Nelson volse al declino, e l’attrice lavorò in seguito per la televisione, comparendo per una stagione nella serie How to Marry a Millionaire ispirata all’omonimo film. Allontanatasi dalle scene nel 1961, dopo un’interruzione di una decina d’anni ritornò sul set nel 1971 per recitare in un episodio della serie televisiva Tre nipoti e un maggiordomo. La sua ultima apparizione risale al 2005. All’inizio degli anni ’50, Nelson frequentava l’attore Tab Hunter. La relazione era foraggio per i cronisti di gossip all’epoca, e si ipotizzava che i due si sarebbero sposati. Nella sua autobiografia del 2005 Tab Hunter Confidential: The Making of a Movie Star, Hunter ha ammesso di aver preso in considerazione l’idea di sposare Hunter, ma stava lottando per venire a patti con la sua vera sessualità. Mentre Hunter usciva con Nelson, era segretamente coinvolto con il pattinatore Ronald Robertson. Nelson e Hunter alla fine smisero di frequentarsi ma rimasero amici. Nel 1960, Nelson sposò il compositore Johnny Mann. La coppia ebbe due figlie, Lori Susan e Jennifer, poi divorziò nel 1973. Nel 1983, Nelson sposò l’ufficiale di polizia Joseph J. Reiner. Ha sofferto di malattia di Alzheimer per diversi anni prima della sua morte. (n. 1933)

2019: Carlo Delle Piane, attore italiano. Attore unico, inconfondibile, enigmatico. Nel corso della sua carriera ha lavorato con alcuni dei più importanti attori e registi come Totò, Eduardo De Filippo, Alberto Sordi, Roman Polański, Vittorio De Sica, Vittorio Gassman, Steno, Mario Monicelli, Sergio Corbucci, Aldo Fabrizi e Pupi Avati. (n. 1936)

2010: Doorn Van Steyn. Era un’attrice. E’ stata la prima moglie di Roger Moore.  (n. 1922)

2005: Brock Peters, nato George Fisher, è stato un attore statunitense.   (n. 1927)

1962: Hoot Gibson,  pseudonimo di Edmund Richard Gibson, è stato un attore, regista e produttore cinematografico statunitense, uno dei nomi più noti del cinema western muto. (n. 1892)

1960: Oscar Hammerstein II, Oscar Greeley Clendenning Hammerstein, scrittore, paroliere e librettista statunitense, drammaturgo, impresario, produttore e regista teatrale di musical per almeno quarant’anni in collaborazione con molti dei maggiori compositori di tale genere dell’epoca. Vinse in carriera otto Tony Awards, due Oscar alla migliore canzone, un Pulitzer e un Grammy. Scrisse i testi di circa 850 canzoni, di cui una trentina divennero molto famose. Hammerstein scrisse sempre i testi ed i libretti nel corso delle sue innumerevoli collaborazioni, ma la sua collaborazione più importante fu quella con Richard Rodgers, insieme hanno formato il duo Rodgers e Hammerstein. Hammerstein morì per un tumore allo stomaco all’età di 65 anni. Le luci di Times Square vennero spente per un minuto e a Londra nel West End le luci furono abbassate in senso di riconoscenza verso i suoi contributi alla storia del musical. Gli sopravvissero la sua seconda moglie Dorothy (Blanchard) Jacobson e i suoi tre figli, William Hammerstein e Alice Hammerstein Mathias avuti dalla prima moglie Myra Finn, e James Hammerstein, avuto dalla Blanchard.  (n. 1895)

Rodolfo_Valentino_perfettamente_chic_1.jpg1926: Rodolfo Valentino, o Rudolph Valentino, o semplicemente Rudy, pseudonimo di Rodolfo Pietro Filiberto Raffaello Guglielmi, (poi di Valentina D’Antonguella) è stato un attore e ballerino italiano naturalizzato statunitense. Fu uno dei più grandi divi del cinema muto della sua epoca, noto anche per esser stato il sex symbol di quegli anni, tanto che gli fu dato l’appellativo di “Latin Lover“. (n. 1895)

Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia.org, web