Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Alberta Ferretti è una stilista italiana, fondatrice dell’omonima linea di abbigliamento. Alberta_Ferretti_perfettamente_chicLa Ferretti è vicepresidente del consiglio di amministrazione del Gruppo AEFFE, fondato nel 1981 assieme al fratello Massimo.Alberta_Ferretti_perfettamente_chic_Massimo

La stilista nasce a Gradara, in Romagna il 2 maggio del 1950. Da sempre dotata di un grande senso estetico, muove i primi passi lavorando nella grande sartoria della madre a Cattolica. Lì impara a maneggiare i tessuti, a conoscere i cromatismi sofisticati e a familiarizzare con le lavorazioni.

Ho avuto la fortuna di avere avuto una mamma, proprietaria di un atelier, che è stata anche un’amica, una maestra di stile, di comportamento e di valori. A cinque anni ero in sartoria e mi addormentavo sui tessuti mentre la guardavo lavorare. Ma quello che mi ha insegnato di più è stata la capacità di stare in mezzo alle persone, la cura delle relazioni umane con chi ami, con chi lavori

La sartoria della madre chiude nel 1965 e lei, all’età di 18 anni, apre nel 1968 sempre a Cattolica il suo primo negozio, Jolly Shop, in cui si vendono diverse griffe ma anche qualche capo tessuto da lei realizzato. L’esperienza la mette a diretto contatto con le esigenze delle clienti ed affina il suo intuito nell’anticipare i trend della moda e i desideri delle donne.Alberta_Ferretti_perfettamente_chic_AEFFE

Nel 1974 produce e firma la sua prima collezione che ottiene un ottimo successo un immediato successo. Incoraggiata dalla risposta del pubblico, sei anni dopo, 1980, fonda insieme al fratello Massimo, AEFFE, l’azienda che porta le sue iniziali.

Dagli anni Ottanta in poi gli affari si sviluppano in maniera inarrestabile. Nel 1981 apre lo showroom a Milano, due anni più tardi le sue creazioni debuttano nelle passerelle milanesi.

Nel 1983 inizia la collaborazione con Franco Moschino, nel 1984 nasce la seconda linea con il marchio Philosophy di Alberta Ferretti, sempre disegnata dalla stilista, rivolta ad un target più giovane e posizionata su una fascia di prezzo più bassa. Alberta_Ferretti_perfettamente_chic_philosophyDal 2014 ride-nominato Philosophy by Lorenzo Serafini. Lorenzo Serafini arriva a Philosophy dopo Fausto Puglisi e Jeremy Scott, nominati alla direzione creativa rispettivamente di Emanuel Ungaro e Moschino.Alberta_Ferretti_perfettamente_chic_Philosophy_by_Lorenzo_Serafini

Acquista inoltre le licenze per la produzione di firme di spicco del prêt-à porter quali Jean Paul GaultierAuthierCacharel e Marithé & François Girbaud.

Alberta ha fatto parte di un gruppo di designer italiani che furono invitati a un ricevimento per 200 designers and retailers tenutosi dal Primo Ministro Margaret Thatcher, nell’ottobre 1988.

Nel 1988 firma un accordo di collaborazione con il designer turco Rifat Ozbek, nel 1994 con lo stilista Jean Paul Gaultier per la produzione e la distribuzione delle linee prêt-à-porter (la collaborazione termina con la collezione primavera-estate 2013).

La stilista, nel corso degli anni, si distingue rivelandosi particolarmente  sensibile alla cura del patrimonio artistico e culturale. Nel 1994 inizia la restaurazione del Castello di Montegridolfo, nei pressi di Rimini: riporterà alla vita il piccolo borgo medievale, nei pressi del suo luogo di nascita, al confine tra Romagna e Marche. Alberta_Ferretti_perfettamente_chic_1Quell’anno inaugura anche Palazzo Donizetti, la sede di Milano. L’impegno dimostrato nella valorizzazione di questo patrimonio architettonico e paesaggistico vale ad Alberta Ferretti, nel 2000, la laurea honoris causa in Conservazione dei Beni Culturali, conferitale dall’Università di Bologna. Lo stesso ateneo, inoltre, nel 2003, le affida una cattedra per il Master in “Produzione e cultura della moda”.

Vengono portate a termine acquisizioni di pacchetti azionari di diverse altre società a conferma della forza di AEFFE capace muoversi come una holding sul piano internazionale. Mentre il fratello Massimo si occupa della parte economica e gestionale dell’azienda, Alberta mantiene la direzione creativa, concentrandosi sulle sue creazioni femminili contraddistinte da linee pure, essenziali e decorazioni con ricami preziosi.Narciso_Rodriguez_perfettamente_chic_profilo

Nel 1996 sbarca negli Stati Uniti: nasce Aeffe Usa con l’apertura di uno showroom a New York sulla 56ª strada. E nel 1997 stipula un altro accordo di collaborazione con Narciso Rodriguez (collaborazione terminata nel 2007).

Ferretti viene nominata Cavaliere del lavoro dal Presidente della Repubblica Italiana.

Aeffe 1999 rileva il 70% della Moonshadow, proprietaria del marchio Moschino; non la fusione prende vita Aeffe Fashion Group che nel corso degli anni diventerà uno dei principali gruppi mondiali nel design, nella produzione e distribuzione di beni di lusso. Nel 2001, anno in cui lancia le collezioni intimo e mare Alberta Ferretti, dopo aver acquisito il 50 per cento della Velmar (azienda specializzata in intimo e moda mare), acquisisce il pacchetto di controllo di Pollini, l’azienda specializzata in calzature, borse e accessori in pelle che già realizza collezioni per Aeffe. Qualche anno più tardi rileverà anche la partecipazione di minoranza, diventandone l’unica proprietaria.Alberta_Ferretti_perfettamente_chic_marchi_aeffe

Roma, 2005, riceve il Premio alla Carriera e presenta, nella suggestiva Piazza del Campidoglio, la sua prima collezione Prêt-à-Couture. A New York, invece le viene conferito il premio The Romantics dall’International Fashion Group in occasione dell’evento annuale Night of Stars. Le collezioni vengono apprezzate in tutto il mondo permettendo l’apertura di numerose boutique e corner shop in quattro continenti.

Nel 2007 presenta per la prima volta la sua pre-collezione con una sfilata a New York, nella sede di Aeffe Usa mentre al Pitti Bimbo presenta la nuova linea Alberta Ferretti Girls dedicata alle bambine. Alberta_Ferretti_perfettamente_chic_GirlsSempre quell’anno lancia anche una collezione sport e tempo libero chiamata PHILO-sophy.Alberta_Ferretti_perfettamente_chic_etichetta

Nel 2008 stipula un accordo di licenza mondiale con Elisabeth Arden per lo sviluppo, il marketing e la distribuzione del profumo Alberta Ferretti, e apre il primo flagship store americano a Los Angeles in 8626 Melrose Avenue.Alberta_Ferretti_perfettamente_chic_profumo Anno riceve il premio come migliore stilista dell’anno da Marie Claire Spagna.

Il gruppo Aeffe, nel 2008, ha acquisito anche lo storico marchio francese Marithè Francois Girbaud.

Nel 2010, come estensione organica per l’azienda, viene introdotta una speciale collezione da sposa, Alberta Ferretti Forever. Gli abiti sono romantici e leggeri, grazie all’uso di chiffon e delicati ricami, pizzi e balze.

Dal 2010 è disponibile una boutique online che è gestita direttamente: albertaferretti.com. Eleganti, colorati, fluidi con ottima vestibilità: così si presentano gli abiti firmati dalla stilista.

Alberta_Ferretti_perfettamente_chic_Pure_Threads

Non mi piace un look estremamente sexy. Mi piacciono i vestiti sensuali che ti permettono di intravedere la donna e lasciare un po ‘all’immaginazione di un uomo.

Nel 2011 disegna una linea con l’attrice/modella Emma Watson chiamata Pure Threads. Nel 2018 firma le nuove divise dell’Alitalia, i maglioncini con il logo sono diventati presto iconici per il brand, e alla Camera dei deputati, a Roma, riceve il Premio America della Fondazione Italia USA.Alberta_Ferretti_perfettamente_chic_alitalia

Aeffe è licenziatario esclusivo dei marchi Cédric Charlier dal 2011 ed Emanuel Ungaro dal 2012 (collaborazione terminata nel 2015). Dal 2013 la direzione creativa del brand Moschino viene affidata a Jeremy Scott. Particolare attenzione viene dedicata, in anni recenti, al mercato dell’Est sul quale l’azienda si sta muovendo, in linea con i trend del mercato.

Per tenere il passo con le nuove tendenze del mercato del lusso, la collezione Pre-fall 2017 include Rainbow Week, capsule collection disponibile per la vendita See-Now-Buy-Now. Rainbow Week è la prima collezione capsule di maglieria del marchio che comprende sette maglioni in diversi colori con scritto i giorni della settimana.

2019: AEFFE è un gruppo societario che genera più di 200 milioni di euro di ricavi a esercizio, impiega 1300 dipendenti e produce 2 milioni di capi l’anno, distribuiti in una rete di 190 negozi monomarca e oltre 6500 punti vendita selezionati.

Nel 2019, Alberta Ferretti, dopo aver lanciato una nuova linea di capi ecologici e green, ha ricevuto un invito per la Monte-Carlo Fashion Week sfilano accanto ad altri importanti nomi come Gilberto Calzolari e Jiri Kalfar.

La stilista è molto riservata sulla sua vita privata. L’anestesista Giuseppe Campanella è il secondo marito di Alberta e hanno un figlio: Giacomo. Da un precedente matrimonio, la stilista aveva già avuto un altro figlio, Simone Badioli, programmatore informatico Aeffe.

Nella collezione primavera estate 2019 di Alberta Ferretti sono presenti gonne leggere, pantaloni e shorts dai toni pastello, rouches e trasparenze.

Abiti in pelle scamosciata (suede) dai toni caldi della terra, sandali bassi, capi e accessori tie dye e lunghi abiti da sera di voile multistrato in nero con paillettes o in seta blu notte e elettrico, sono elementi caratterizzanti nella collezione primavera estate 2020 by Alberta Ferretti ispirate agli anni ’70 e ’80.

Aeffe s.p.a., per l’emergenza Covid-19 dona una percentuale, di ogni acquisto online, alle associazioni sanitarie in prima linea.

aggiornato al 8 maggio 2020
Autore: Lynda Di Natale
Fonte: albertaferretti.com, aeffe.com, web