Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2014: Lauren Bacall, pseudonimo di Betty Joan Perske, attrice e modella statunitense.  Nel novembre 2009 le è stato conferito il premio Oscar alla carriera “in riconoscimento del suo ruolo centrale nell’Età dell’oro dei film“. Lei, che prese il cognome della madre, dovette per motivi linguistici anglosassoni aggiungere una “L” trasformandolo in Bacall, affinché non venisse storpiato o mal trascritto senza un corretto spelling. Nonostante la sua esperienza come attrice fosse ancora limitata, la Bacall debuttò subito sul grande schermo come protagonista accanto l’attore Humphrey Bogart. Tra Bogart e la Bacall, appena diciannovenne, nacque l’amore e, nonostante che l’attore avesse venticinque anni più di lei, fu un sentimento molto profondo. Bogart fu l’unico amore della sua vita, come ebbe lei stessa a dire molte volte e al quale rimase accanto fino alla morte, avvenuta nel 1957. Lauren_Bacall_perfettamente_chic.jpgI due si sposarono nel 1945 e dal matrimonio nacquero due figli, Stephen (1949) e Leslie (1952). Dopo la scomparsa del marito la Bacall ebbe una breve e difficile relazione con Frank Sinatra che in realtà, più che alla Bacall, si sentiva ancora legato sentimentalmente ad Ava Gardner. Nel 1961 si risposò con l’attore Jason Robards, dal quale ebbe un figlio, Sam Robards, divenuto anch’egli attore. Dopo il divorzio da Robards, l’attrice accettò lavori per la televisione, pur proseguendo a recitare per il teatro, con qualche sporadica apparizione cinematografica. Dopo un decennio in cui rimase piuttosto lontana dal cinema, dagli anni novanta e pur in età matura venne riscoperta da Hollywood e da registi anche della nuova generazione. (n. 1924)

2000: Loretta Young, pseudonimo di Gretchen Young, è stata un’attrice statunitense. Inizia a recitare fin da piccolissima, all’età di quattro anni, comparendo sullo schermo tra il 1917 e il 1921 in alcune pellicole mute. Anche le sorelle Polly Ann e Elizabeth Jane cominciano la loro carriera attoriale negli stessi anni come attrici bambine. Ormai una giovane attrice, Loretta Young raggiunge la notorietà durante gli anni trenta, recitando in numerosi film drammatici e commedie brillanti, e conquistando il favore del pubblico grazie alle sue doti di simpatia innata, leggerezza e bellezza. Diviene una diva hollywoodiana di primo piano nel 1938, grazie al film Kentucky. Nel 1953 interpretò il suo ultimo ruolo sul grande schermo, per lavorare poi prevalentemente in televisione con una serie antologica dal titolo Letter to LorettaLoretta_Young_perfettamente_chic.jpgNel 1935, a ventidue anni, Loretta Young, sul set de Il richiamo della foresta (1935), scoprì di essere incinta di quella che sarà la figlia Judith, che seguirà le orme materne con il nome di Judy Lewis, apparendo in numerose serie televisive degli anni sessanta e settanta. Il padre era l’attore Clark Gable, al tempo sposato con Maria “Ria” Langham. Loretta Young, cattolica credente, rifiutò l’aborto, ma tenne nascosta la gravidanza e dichiarò di aver adottato la bambina, per evitare uno scandalo che avrebbe nuociuto alla carriera di entrambi. (n. 1913)

1995: Achille Togliani, cantante e attore italiano. La voce calda e armoniosa unita a una figura da divo del cinema (tra le sue fiamme giovanili vi furono Sophia Loren che allora usava lo pseudonimo Sofia Lazzaro, con la quale apparve in numerosi fotoromanzi dell’epoca, e Adele Faccio) ne fecero in breve uno fra i più apprezzati interpreti della canzone italiana, con un repertorio sostanzialmente melodico che comprendeva rivisitazioni di successi degli anni trenta e quaranta (celebri i rifacimenti di Parlami d’amore Mariù e Bambina innamorata) e brani romantici dai versi struggenti. Nonostante il suo nome fosse legato a un genere musicale destinato a inesorabile declino, Togliani seppe conservare a lungo la sua popolarità presso una larga parte del pubblico, legata al ricordo dei suoi successi ma anche alla cura sempre notevole delle sue esecuzioni. È il padre dell’attore Adelmo Togliani. (n. 1924)

1990: Dorothy Mackaill, è stata un’attrice e ballerina inglese naturalizzata statunitense. A Broadway, fu una delle stelle delle riviste di Florenz Ziegfeld. Dal 1926 al 1928, fu sposata con il regista tedesco Lothar Mendes. (n. 1903)Dorothy_Mackaill_perfettamente_chic.jpg1989: Olga Villi, attrice italiana, donna di notevole avvenenza lavorò inizialmente come indossatrice, per poi debuttare nel secondo dopoguerra nel teatro di rivista accanto ai grandi nomi dell’epoca. Ma fu grazie al teatro classico che ottenne un enorme e meritato successo. Si sposò due volte: nel 1953, con il nobile Raimondo Lanza di Trabia, straordinario personaggio morto in circostanze mai chiarite un anno dopo il matrimonio (alla vicenda si ispirò Domenico Modugno per scrivere la sua celebre canzone Vecchio frac), da cui aveva avuto le figlie Venturella e Raimonda e nel 1960 con l’industriale e discografico genovese Pino Gualco (da cui ebbe il figlio Fabrizio). Da quel momento iniziò a lavorare meno come attrice. Morì dopo una lunga malattia, all’età di sessantasette anni. (n. 1922)Olga_Villi_perfettamente_chic.jpg

1986: Paola Mori, all’anagrafe contessina Paola Di Gerfalco, è stata un’attrice italiana, attiva nel cinema e in televisione per un breve periodo fra gli anni cinquanta e i sessanta. È stata la terza moglie dell’attore e regista Orson Welles, che sposò nel 1955 e dal quale ebbe una figlia, Beatrice (lo stesso nome della madre di Welles). Si erano conosciuti l’anno precedente a un party sul set del film Il maestro di Don Giovanni (1954) e per Welles, che aveva divorziato nel 1948 da Rita Hayworth, fu amore a prima vista. La coppia è rimasta legata dal ’55 fino alla morte di lui, avvenuta nel 1985. La Mori morì l’anno seguente a 58 anni di età, in seguito a un incidente stradale occorsole in Nevada. I due non divorziarono mai, pur vivendo di fatto da tempo separati, poiché nel 1962 Welles aveva intrapreso una relazione con l’artista croata Oja Kodar. (n. 1928)Paola_Mori_perfettamente_chic

1982: Henry Fonda, Henry Jaynes Fonda, attore statunitense. Interprete di personaggi dalla spiccata integrità morale, dopo i primi passi come attore a Broadway, Fonda fece il suo debutto a Hollywood nel 1935 e per quasi cinque decenni fu uno degli attori più attraenti, versatili e popolari dello schermo.Patriarca di una famiglia di celebri attori, che include i figli Jane Fonda e Peter Fonda ed i nipoti Bridget Fonda e Troy Garity, unitamente a Paul Newman e Laurence Olivier detiene il singolare primato di aver ricevuto prima l’Oscar alla carriera e poi come attore. Soprannominato Hank da colleghi e amici più cari. Nel 1931 sposò l’attrice Margaret Sullavan, ma i due si separarono dopo soli due mesi per poi divorziare nel 1933. Nel 1936 sposò Frances Ford Seymour Brokaw, già vedova del primo marito, un ricco industriale, da cui aveva avuto una figlia, Frances de Villers (1931-2008); dal matrimonio nacquero Jane e Peter, che seguirono le orme paterne. Il matrimonio con la Brokaw non fu felice per Fonda che, nell’agosto del 1949, chiese il divorzio; non rassegnandosi alla fine del rapporto con il marito, la Brokaw cadde in una profonda depressione fino al ricovero in un ospedale psichiatrico e alla decisione di togliersi la vita il 14 aprile del 1950, giorno del suo 42º compleanno, quando ancora era sposata con l’attore. Nello stesso anno, Fonda si risposò con Susan Blanchard, con cui adottò una figlia, Amy, nata nel 1953; la coppia divorziò nel 1956. Dal 1957 al 1961 fu sposato con la baronessa italiana Afdera Franchetti. Nel 1965 sposò Shirlee Mae Adams, con cui rimase fino alla morte. (n. 1905)Henry_Fonda_perfettamente_chic.jpg1981: Shirley Grey, nata Agnes Zetterstrand, attrice statunitense. Già sposata con l’attore Foster Williams, che le diede un figlio, divorziò per sposare nel 1927 John Crosby, manager dell’attore Ronald Colman, che la introdusse nell’ambiente del cinema. Ebbe una breve ma intensa carriera cinematografica, dal 1930 al 1935, durante la quale partecipò a quasi cinquanta film, anche in ruoli di protagonista. Sposando il 3 gennaio 1936 l’attore inglese Arthur Margetson, pose fine alla sua carriera, ma il matrimonio ebbe breve durata e la morte del figlio, avvenuta in guerra nel 1945, le procurò una depressione che le impedì di tornare a lavorare. Visse il resto della sua vita a carico delle sorelle e morì in un ospizio di Jacksonville Beach nel 1981. (n. 1902)Shirley_Grey_perfettamente_chic

1964: Ian Fleming, Ian Lancaster Fleming, è stato uno scrittore, giornalista e inglese, famoso soprattutto per aver creato il personaggio dell’agente 007 (James Bond), dando vita con i suoi romanzi a una nuova visione della letteratura gialla inglese. Ian Fleming fu un ufficiale della Royal Navy durante la seconda guerra mondiale. Fu poi un giornalista di discreto successo. Nei primi anni della sua carriera come scrittore, ovvero dal 1953, data di pubblicazione del suo primo romanzo Casino Royale, Fleming non ebbe apprezzamenti da pubblico e critica. Col passare degli anni, e in particolare dal 1962, anno di approdo nelle sale cinematografiche del primo film con James Bond, Agente 007 – Licenza di uccidere interpretato da Sean Connery, l’autore fu rivalutato. Fleming era sposato con Ann Charteris, che aveva divorziato da visconte Rothermere a causa della sua relazione con l’autore. Ian_Fleming_perfettamente_chic.JPGFleming e Charteris hanno avuto un figlio, Caspar. Fleming fu un forte fumatore e bevitore per gran parte della sua vita e muore a causa di malattie cardiache all’età di 56 anni. Due dei suoi libri di James Bond furono pubblicati postumi; da allora altri scrittori hanno prodotto romanzi di Bond ispirandosi a lui. Il 28 maggio 2008, esattamente a cent’anni dalla nascita, è stato pubblicato in tutto il mondo il romanzo Non c’è tempo per morire (Devil May Care), commissionato allo scrittore Sebastian Faulks dalla Ian Fleming Publications. (n. 1908)Anna_Held_perfettamente_chic

1018: Anna Held, all’anagrafe Helene Anna Held, è stata un’attrice e cantante polacca naturalizzata statunitense, stella del teatro musicale di New York tra la fine Ottocento e il primissimo Novecento. Il suo nome è spesso associato a quello di Florenz Ziegfeld, l’impresario che sarebbe passato alla storia per aver creato le famose Follies e del quale fu la prima moglie. Nel 1936, uscì il film Il paradiso delle fanciulle (in originale The Great Ziegfeld), biografia romanzata del celebre impresario: Ziegfeld crea le sue Follies ma si trova anche al centro di un triangolo amoroso che vede contrapposte le sue due mogli: la prima, Anna Held, ha le fattezze di Luise Rainer; la seconda, Billie Burke, quelle di Myrna Loy. (n. 1872)

Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia.org, web