Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Bonnie Cashin è stata una stilista americana. Considerata una pioniera nel design dell’abbigliamento sportivo americano, ha realizzato abiti innovativi e semplici rivolti alla donna moderna e indipendente dall’era del dopoguerra fino al suo ritiro dal mondo della moda nel 1985.

Bonnie è nata a Oakland, in California, il 28 settembre del 1908 da Carl Cashin, fotografo e inventore, e Eunice Cashin, sarta. La famiglia visse in diverse città della California settentrionale durante i primi anni di Cashin e in ciascuna sua madre apriva un negozio di abbigliamento destinati alla vendita di abiti su misura.

Così, ancora prima di scrivere, Bonnie sapeva già cucire, come dichiarò lei stessa in seguito in diverse interviste.

Bonnie ha frequentato la Hollywood High. Durante il liceo, Cashin è stata assunta da una compagnia teatrale di Los Angeles, Fanchon and Marco, per aiutare a realizzare i costumi per le sue produzioni. Dopo essersi laureata nel 1925, Cashin ne divenne la stilista a tempo pieno. Nel 1934, Cashin si trasferì con la compagnia di balletto, conosciuti come i “Roxyettes”, a New York City per lavorare al Roxy Theatre. Mentre era a New York, Bonnie ha studiato alla Art Students League.

Notata da Carmel Snow, editore di Harper’s Bazaar, nel 1937 Bonnie Cashin viene messa in contatto con Louis Adler, produttore di abbigliamento sportivo che subito le offre un lavoro. Questo avrebbe significato per la giovane stilista abbandonare il mondo del teatro che le aveva dato una chance. E infatti in quel mondo ci ritorna più e più volte nel corso della sua carriera.

Dopo che gli Stati Uniti entrarono nella seconda guerra mondiale, Cashin disegnò uniformi per le donne nelle forze armate. All’inizio degli anni ’40, dopo essere tornata in California, Cashin si sposò con l’illustratore e direttore artistico Disney Robert Sterner. Il matrimonio finì con un divorzio e non ebbero figli.

Nel 1943, Cashin tornò a Hollywood dove il produttore William Perlberg l’ha reclutata alla 20th Century Fox e ha creato e realizzato abiti per una sessantina di film.

Non stavo disegnando per la moda, ma per le caratteristiche, che è il modo in cui mi piace disegnare abiti da indossare ogni giorno. Mi piace disegnare abiti per una donna che ha un ruolo particolare nella vita, non semplicemente per disegnare abiti che seguono una certa tendenza, o che esprimono una nuova silhouette.

In quegli anni, però, continua a lavorare per Louis Adler e per lui disegna la prima collezione femminile nel 1949. In questa collezione introduce elementi legati al settore industriale come le cerniere e le serrature a girello. Nel 1950, la sua introduzione del termine e del concetto di “stratificazione” portò a vincere sia il suo primo Coty Award.

Cashin è stato il primo designer scelto per Patterns of The Times, American Designer Series, che era un servizio mensile sul New York Times negli anni ’50 che rendeva disponibili modelli di designer per il cucito a casa.

Raggiunta la popolarità, nel 1952, ha aperto un’attività in proprio, Bonnie Cashin Designs. Collabora con Hermès e Ballantyne e le viene affidato il compito di realizzare le divise delle assistenti di volo dell’American Airlines.

Nel 1962, Cashin fu assunta da Miles e Lillian Cahn come primo stilista per Coach, un’azienda di accessori femminili. Cashin ha disegnato per oltre trentacinque aziende, sempre con la sua firma in etichetta.

Fino alla morte della madre nel 1963, Bonnie viveva in appartamenti adiacenti nel centro di Manhattan, dove sua madre ha cucito i campioni di Cashin per i principali produttori.

Negli anni ’70, Cashin incontrò l’ allora marito di Amy Vanderbilt, Curtis Kellar, che era il capo consulente legale della Mobil Oil. Dopo la morte di Vanderbilt, Bonnie e Curtis iniziarono una storia d’amore che durò fino alla morte di Cashin. Non si sono mai sposati.

Nel 1972, Cashin ha fondato The Knittery. Con questo marchio la stilista propone Limited Collection di cappotti e maglioni fatti a mano. Nel 1975, Meyers Manufacturing ha rilevato la produzione dei suoi modelli di borse firmati.

Nel 1979 ha fondato Design Foundation con l’obiettivo di promuovere designer emergenti nel settore dell’arredamento e della moda.

Verso la fine della sua vita, Cashin ha concesso l’accesso esclusivo e illimitato al suo archivio personale di design alla studiosa di design Stephanie Lake, che Bonnie ha descritto come la sua “sorella minore”. Bonnie ha continuato a lavorare fino al 1985 nel mondo della moda, per poi ritirarsi.

Cashin è morta, il 3 febbraio 2000, a causa di complicazioni dovute a un intervento chirurgico a cuore aperto.

Il Bonnie Cashin Archive, l’archivio di design personale della designer, è interamente di proprietà privata della sua erede e biografa, la dottoressa Stephanie Lake.

Nel 2016, Rizzoli ha pubblicato la monografia definitiva di Lake sulla designer, Bonnie Cashin: Chic is Where You Find It.

Nel 2019 (come riportato da Women’s Wear Daily), Lake e suo marito Cory hanno aperto l’archivio a collaborazioni. Il Bonnie Cashin Archive e i suoi progetti non hanno alcuna affiliazione con alcun marchio Cashin registrato nei decenni successivi alla morte di Cashin. La stessa Cashin non ha mai registrato il suo nome.

aggiornato al 13 marzo 2022
Autore: Lynda Di Natale e Paola Moretti
Fonte: wikipedia.org, web