Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Kering è una multinazionale con sede in Francia specializzata in beni di lusso. Il suo portafoglio comprende marchi di lusso specializzati nella progettazione, realizzazione e vendita di prodotti di pregio, in particolare nei settori della pelletteria, delle scarpe, del prêt-à-porter, dell’orologeria e della gioielleria.

Possiede i marchi di lusso Gucci , Yves Saint Laurent e Bottega VenetaKering Eyewear produce occhiali per il settore del lusso.

L’azienda di commercio di legname Pinault SA è stata fondata nel 1963 dall’uomo d’affari miliardario francese François Pinault. Dopo che la società è stata quotata sul mercato dei titoli di francese nel 1988, è diventata il conglomerato di vendita al dettaglio Pinault-Printemps-Redoute (PPR) nel 1994 e il gruppo di lusso Kering nel 2013. François-Henri Pinault, figlio di François Pinault e sposato con Salma Hayek dal 2009, è Presidente e CEO di Kering dal 2005.

Nel 1963, con un prestito della sua famiglia e di una banca, François Pinault apre gli Établissements Pinault in Bretagna (Francia) specializzati nel commercio di legname. L’azienda è diventata Pinault SA ed è cresciuta in modo organico e attraverso acquisizioni di successo. Nel 1988, Pinault SA è stata quotata alla Borsa di Parigi. Nel 1989, Pinault SA ha acquistato il 20% di CFAO, un conglomerato di distribuzione francese attivo in tutta l’Africa. Nel 1990, Pinault SA e CFAO si sono fuse e François Pinault è diventato il capo del gruppo appena formato. Ciò ha accelerato le sue acquisizioni nel settore della vendita al dettaglio: Conforama (rivenditore di mobili francese) nel 1991, Printemps (grandi magazzini a Parigi) nel 1992, che possedeva anche il 54% di La Redoute (rivenditore di vendita per corrispondenza francese) e Fnac (libreria francese, rivenditore di prodotti multimediali ed elettronica) nel 1994. Per allinearsi alle nuove attività, il gruppo è stato ribattezzato Pinault-Printemps-Redoute nel 1994. Nel 1999, Pinault-Printemps-Redoute ha acquistato una quota di controllo del 42% del gruppo Gucci e il 100% di Yves Saint LaurentQuelle acquisizioni hanno segnato la pietra angolare del passaggio del gruppo verso il lusso. Dopo Gucci, Pinault-Printemps-Redoute ha acquisito casa francese di gioielli e orologi di lusso Boucheron (2000), Bottega Veneta (2001), Balenciaga (2001) e ha firmato partnership strategiche con Alexander McQueen e Stella McCartney. Nel 2004, Pinault-Printemps-Redoute ha raggiunto il 99,4% di proprietà di Gucci

Nel 2003, François Pinault ha ceduto il timone di Artémis, la holding di famiglia che controllava Pinault-Printemps-Redoute a suo figlio François-Henri. Nel 2005, François-Henri Pinault è diventato Presidente e CEO di Pinault-Printemps-Redoute, succedendo all’uomo d’affari Serge WeinbergIl gruppo ha ufficialmente cambiato il suo nome in PPR e mantenuto sulla costruzione di un portafoglio di marchi di lusso: The Sowind Group (proprietario di Girard-Perregaux) e Brioni (2011), il Pomellato Gruppo (Pomellato e Dodo, 2012), Qeelin (2012), Christopher Kane (2013), Ulysse Nardin (2014). Per promuovere questa strategia, PPR ha lasciato le sue attività di vendita al dettaglio: Le Printemps (2006), Conforama (2011), CFAO (2012), Fnac (2012) e La Redoute (2013). PPR ha anche sviluppato un portafoglio Sport & Lifestyle con l’acquisizione di Puma (2007), Cobra Golf (2010), Volcom (2011). Cobra e Volcom sono state da allora cedute (Kering detiene solo una quota di minoranza in Puma).

Il 22 marzo 2013, PPR ha cambiato il suo nome in Kering per realizzare pienamente il passaggio del gruppo verso il lusso. Pronunciato [kɛːʁiŋ], per combaciare come la parola inglese “caring“, il nuovo nome è un riferimento alla regione di origine della famiglia Pinault, la Bretagna, dove kêr significa “casa”.

Parte della strategia di Kering è nominare designer inaspettati alla direzione creativa dei suoi marchi. Nel dicembre 2014 Alessandro Michele è stato nominato direttore creativo di Gucci. Nel 2015, in seguito alla crescita del fatturato di Yves Saint-Laurent sotto la direzione creativa di Hedi Slimane, Kering ha nominato un nuovo direttore creativo, Anthony Vaccarello, per rinnovare il marchio. Nell’ottobre 2015, Kering ha nominato la designer di origine georgiana Demna Gvasalia come direttore creativo di Balenciaga per reinventare la classica casa di moda spagnola. Con una mossa meno speculativa, Kering ha nominato Daniel Lee – l’ex stilista di prêt-à-porter di Celine – come designer creativo di Bottega Veneta nel giugno 2018. 

Nel 2014, Kering ha lanciato Kering Eyewear. Nel marzo 2017, Richemont – holding di beni di lusso con sede in Svizzera – ha collaborato con Kering Eyewear per produrre occhiali Cartier, AlaïaMontblanc. Nel settembre 2019, Kering Eyewear ha aperto un centro logistico di 15.000 metri quadrati vicino a Padova, in Italia, con una capacità di produzione annuale di cinque milioni di unità di occhiali. Jean-François Palus, amministratore delegato Kering, ha detto:

Stiamo trasformando la nostra rete logistica mondiale in Europa, America e Asia per diventare completamente omnichannel, per aumentare notevolmente la velocità delle consegne ai benefici delle nostre case e dei loro clienti.

Nel marzo 2018, Kering ha accettato di rivendere le sue azioni di  Stella McCartney al suo omonimo proprietario. Kering ha rivenduto Puma (2018) e Volcom (2019). Nel 2020, Kering ha realizzato entrate per 13,1 miliardi di euro, -17,9% rispetto all’anno precedente. Nel febbraio 2021, Kering ha guidato un round di investimenti nel sito web di rivendita di lusso Vestiaire Collective.

Nel 2013, dopo aver aperto il Material Innovation Lab, un centro a Novara, in Italia, specializzato in materiali innovativi e sostenibilità dei tessuti, Kering è entrato a far parte degli indici di sostenibilità Dow Jones ed è stato nominato top tessile, abbigliamento e lusso sostenibili Goods Corporation nell’indice Global 100 di Corporate Knights nel 2018.

La Fondazione Kering è stata creata nel 2008 per sostenere le iniziative per i diritti delle donne in tutto il mondo. 

Nell’ottobre 2018, Kering ha iniziato a implementare l’uso del primo cotone biologico tracciabile al 100%. Nel dicembre 2018, con Plug and Play, Kering ha lanciato il Kering Sustainable Innovation Award per premiare e investire in startup focalizzate sulla sostenibilità e sul lusso. Nel maggio 2019, il gruppo si è allineato ai severi standard dell’Unione europea per il benessere degli animali e ha vietato i modelli di età inferiore ai 18 anni dai suoi spettacoli e servizi fotografici. Il presidente francese Emmanuel Macron ha incaricato François-Henri Pinault di promuovere una coalizione industriale per la sostenibilità. Nell’agosto 2019, Kering ha presentato il Fashion Pact durante il 45° vertice del G7, un’iniziativa firmata da 32 aziende di moda che si impegnano in misure concrete per ridurre il proprio impatto ambientale. Nell’ottobre 2020, il Fashion Pact ha praticamente annunciato il suo progresso di un anno al Copenaghen Fashion Summit, rivelando che l’80% dei suoi membri ha accelerato gli sforzi di sostenibilità a livello aziendale fino ad oggi.

aggiornato all’8 aprile 2021
Autore: Lynda Di Natale
Fonte: wikipedia.org, kering.com, web