Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Karl_Lagerfeld_perfettamente_chicKarl Otto Lagerfeld, direttore creativo, artista e fotografo tedesco, è nato il 10 settembre 1933 ad Amburgo (Germania). Lagerfeld è il creative director di Chanel, oltre Fendi e della sua omonima fashion label. Nel corso dei decenni, ha collaborato a una varietà di progetti legati alla moda e all’arte. È ben riconosciuto in tutto il mondo per i suoi capelli bianchi, occhiali da sole neri e i colletti inamidati .

Il padre di Lagerfeld, l’imprenditore Otto Lagerfeld, possedeva un’azienda che produceva e importava latte evaporato, mentre il nonno materno Karl Bahlmann era un politico locale per il Catholic Center Party. La madre del designer, Elisabeth Bahlmann, era una commessa di lingerie di Berlino quando ha incontrato il padre e si sono sposati nel 1930. La famiglia dello stilista apparteneva alla vecchia chiesa cattolica (non riconoscevano alcuna infallibile autorità papale). Lagerfeld è noto per travisare il suo anno di nascita, affermando di essere più giovane della sua età reale, e di travisare il background dei suoi genitori. È noto per insistere sul fatto che nessuno conosce la sua vera data di nascita. In un’intervista alla televisione francese nel febbraio 2009, Lagerfeld ha dichiarato di non essere “nato né nel 1933 né nel 1938“. Karl Lagerfeld annunciò pubblicamente che stava celebrando il suo “settantesimo” compleanno “il 10 settembre 2008, nonostante abbia effettivamente compiuto 75 anni. Dopo aver frequentato una scuola privata, Lagerfeld ha terminato la sua scuola secondaria al Lycée Montaigne di Parigi, dove si è specializzato in disegno e Karl_Lagerfeld_Pierre_Balman_perfettamente_chicstoria.

Karl Lagerfeld fu assunto come assistente di Pierre Balmain dopo aver vinto la categoria dei cappotti in un concorso di design sponsorizzato dall’International Wool Secretariat nel 1955. Nel 1958, dopo tre anni a Balmain, si trasferì da Jean Patou dove progettò due collezioni di haute couture. La sua prima collezione fu esposta in una presentazione di due ore nel luglio del 1958, ma usò il nome Roland Karl, piuttosto che Karl Lagerfeld. Sebbene, nel 1962, i reporter iniziarono a chiamarlo Karl Lagerfelt o Karl Logerfeld. La prima raccolta non è stata ben accolta. Carrie Donovan , una giornalista di moda americana, scrisse che “the press booed the collection. A couple of short black cocktail dresses were cut so wide open at the front that even some of the women reporters gasped. Other cocktail and evening dresses feature low, low-cut backs“. Le gonne per la primavera del 1960 erano le più corte di Parigi.  Per la sua collezione, a fine 1960, Karl disegnò particolari cappellini, cerchi a forma di pancake di raso , che pendevano sulla guancia chiamandoli “slaps in the face” (schiaffi in faccia). Anche il questo caso la critica di moda affermarono che la collezione di Karl fosse ben accolta ma non rivoluzionaria.

Nel 1963, iniziò a disegnare per Tiziani, una couture house romana fondata quell’anno da Evan Richards di Jacksboro (Texas) e poi si è diramato nel prêt-à-porter, con l’etichetta “Tiziani-Roma-Made in England”. Lagerfeld e Richards abbozzarono insieme la prima collezione nel 1963 per proseguire nelle altre campagne sino al 1969.  Elizabeth Taylor  divenne una fan dell’etichetta;  Gina Lollobrigida, Doris Duke e la principessa Marcella Borghese erano anche clienti. Karl_Lagerfeld_Elizabeth_Taylor _perfettamente_chicNel 1969 il designer fu sostituito con Guy Douvier e inizio a lavorare come freelance per la maison francese Chloé nel 1964, dapprima disegnando alcuni pezzi per ogni stagione. Man mano che sempre più pezzi venivano incorporati, presto progettò l’intera collezione. Karl_Lagerfeld_Chloe_perfettamente_chicNel 1970, iniziò anche una breve collaborazione di design con la casa di haute couture romana Curiel.  La prima collezione di Lagerfeld fu descritta come dotata di una “drippy drapey elegance” progettata per una “1930s cinema queen”. I manichini Curiel indossavano tutti identiche parrucche bionde con taglio corto e pantaloncini di velluto nero indossati sotto un mantello di velluto nero lungo sino alla caviglia. La sua collezione Chloé per la primavera del 1973 raccolse molti consensi positivi  “high fashion and high camp“. La collezione presentava giacche Spencer morbide e giacche di seta stampate, una gonna “surprise” pieghettata lunga fino alle caviglie e così larga che nascondeva il fatto che si trattava effettivamente di pantaloni. Ha anche disegnato un look ispirato a Carmen Miranda, che consisteva in mini-abiti e abiti lunghi con reggiseno, gonne molto corte e scialli.

Dal 1965, collabora con la casa di moda italiana delle sorelle Fendi, disegnando modelli di pellicce, abbigliamento e accessori. Rivoluziona l’idea di pelliccia, lavorandolo con tecniche diverse, conciandolo e colorandolo con sapienza. Lo strappa, lo modella e lo taglia. È lo stesso Lagerfeld, a coniare il termine “Fun Fur” che diventerà successivamente il celebre logo della doppia F, simbolo iconografico della maison.Karl_Lagerfeld_Fendi_perfettamente_chic

Dal 1970, Lagerfeld lavora occasionalmente come costumista per produzioni teatrali, collabora con registi teatrali come Luca Ronconi e Jürgen Flimm e progetta per teatri come La Scala di MilanoBurgtheater di Vienna  e il Festival di Salisburgo.

Nello stesso periodo era in contatto con: la giapponese Isetan per la realizzazione delle collezioni uomo e donna; per una linea di biancheria negli Stati Uniti prodotta da Eve Stillmann; disegnava modelli di scarpe per Charles Jourdan; maglioni per Ballantyne  e collaborava con Trevira come consulente di moda.

Negli anni ’80 Lagerfeld ha integrato la monografia “CC” interposta di Coco Chanel in un modello di stile per la Casa di Chanel. Riesce a mantenere inalterata l’eredità di mademoiselle Coco, portando al massimo splendore il marchio della doppia C.Karl_Lagerfeld_Chanel_perfettamente_chic_

Nel 2002, Karl Lagerfeld chiese a Renzo Rosso, il fondatore di Diesel, di collaborare con lui a una collezione di denim speciale per la Lagerfeld GalleryKarl_Lagerfeld_Renzo_Rosso_perfettamente_chicLa collezione, la Lagerfeld Gallery di Diesel, è stata co-progettata da Lagerfeld e successivamente sviluppata dal team creativo di Diesel, sotto la supervisione di Rosso. Consisteva in cinque pezzi che erano stati presentati durante le passerelle del designer durante la Paris Fashion Week e poi venduti in edizioni limitate alle Lagerfeld Galleries di Parigi e Monaco, alle Diesel Denim Galleries di New York e Tokyo. Durante la prima settimana di vendite a New York, oltre il 90% dei pantaloni era esaurito, anche se i prezzi andavano da $ 240 a $ 1840. In una dichiarazione dopo lo spettacolo di Parigi, Rosso ha dichiarato: “Sono onorato di aver incontrato questa icona della moda del nostro tempo: Karl rappresenta la creatività, la tradizione e la sfida, e il fatto che abbia pensato a Diesel per questa collaborazione è un grande dono e riconoscimento della nostra reputazione di prêt-à-porter dell’abbigliamento casual “.

Lagerfeld ha disegnato i costumi per le sequenze di Carmen nel film del 2002 Callas Forever ; nel 2004, alcuni abiti per la cantante Madonna per il suo tour Re-Invention , e  abiti per il tour di Kylie Minogue.

Il designer ha collaborato con H & M , che il 12 novembre 2004 ha offerto una gamma limitata di abiti Lagerfeld per uomo e donna, in determinati punti vendita. Solo due giorni dopo aver fornito i suoi punti vendita, H & M ha annunciato che quasi tutti i vestiti erano esauriti. Tuttavia, Lagerfeld ha espresso il timore che lavorare con marchi di fascia bassa possa contaminare la sua immagine;  anche se, in passato aveva lavorato a stretto contatto con il designer di calzetteria Wolford.Karl_Lagerfeld_H&M_perfettamente_chic

Lagerfeld è anche un fotografo. Ha prodotto Visionaire 23: The Emperor’s New Clothes , una serie di immagini nude di modelle e celebrità. Ha anche fotografato personalmente Mariah Carey per la copertina della rivista V nel 2005. Oltre al suo lavoro editoriale per Harper’s Bazaar , Numéro e le edizioni russa e tedesca di Vogue , Lagerfeld fotografa campagne pubblicitarie per le case sotto la sua direzione: Chanel , Fendi , e per la sua linea omonima. Lagerfeld sostiene: « Oggi la fotografia fa parte integrante della mia vita. Racchiude il cerchio delle mie preoccupazioni artistiche e professionali. Oramai percepisco il mondo attraverso l’obbiettivo. Questo contribuisce a un distacco critico del mio lavoro, e mi aiuta più di quanto potessi immaginare». Ed ancora:« Vedo un rapporto veramente positivo e creativo fra i due mestieri. Sono sempre stato assistito da delle equipe fantastiche. Un buon atelier di moda è indispensabile per creare abiti tecnicamente perfetti. Una stampa perfetta su della carta di ottima qualità è anche il risultato di un lavoro collettivo».Karl_Lagerfeld_foto_perfettamente_chic

Negli anni ’80, il racconto di Hans Christian Andersen, “I nuovi vestiti dell’imperatore” è stato pubblicato con disegni di Lagerfeld. Il designer è stato anche il soggetto della serie TV francese reality “Signé Chanel” nel 2005.Karl_Lagerfeld_Han_ Christian_Andersen_perfettamente_chic

Quando Lagerfeld perse 42 kg  in 13 mesi nel 2001, spiegò: “All’improvviso volevo vestire in modo diverso, indossare abiti disegnati da Hedi Slimane …. Ma queste mode, modellate da ragazzi molto, molto magri – e non uomini della mia età – mi ha richiesto di perdere almeno 40 kg. Mi ci sono voluti esattamente 13 mesi. ” La dieta è stata creata appositamente per lui dal Dr. Jean-Claude Houdret, ritortato nel libro The Karl Lagerfeld Diet.

Karl_Lagerfeld_K_perfettamente_chicIl 18 dicembre 2006, Lagerfeld annuncia il lancio di una nuova collezione per uomini e donne soprannominata K Karl Lagerfeld, che comprendeva T-shirt aderenti e una vasta gamma di jeans.

Lagerfeld e l’azienda di investimenti Dubai Infinity Holdings (DIH) hanno firmato un accordo per il design limited edition di Isla Moda.

Vogue, nel 2007, realizza un documentario, lungometraggio, sul designer, Lagerfeld Confidential. Nel 2008 ha curato il designer di un orsacchiotto a sua somiglianza prodotto da Steiff in un’edizione di 2.500 copie vendute per 1.500 dollari ed è stato immortalato in molte forme, tra cui spille, camicie, bambole e altro ancora. Nel 2009 si vendendono i Karl Lagermou see Karl Lagerfelt, che sono mini-Lagerfelds nelle forme di topi e marionette da dito.

Karl_Lagerfeld_Lagermouse_perfettamente_chic

 Lo stesso anno, ha prestato la sua voce nel film d’animazione francese, Totally Spies! Il film.

Il 10 settembre 2010, il Couture Council del The Museum presso il Fashion Institute of Technology ha presentato a Lagerfeld un premio, The Couture Council Fashion Visionary Award, durante un pranzo di beneficenza all’Avery Fisher Hall di New York. Il 10 novembre 2010, Lagerfeld e il produttore svedese di cristalli Orrefors annunciano una collaborazione per la progettazione di una collezione d’arte di cristallo. La prima collezione è stata lanciata nella primavera del 2011, denominata Orrefors di Karl LagerfeldKarl_Lagerfeld_Orrefors_perfettamente_chic

Foto dell’appartamento di Lagerfeld a Parigi è stato pubblicato nel numero francese di Architectural Digest nel maggio 2012.  Ha anche mostrato la sua vasta collezione di spille e spille di Suzanne Belperron (designer di gioielli del XX secolo) e ha usato il colore di uno dei suoi anelli, blu di calcedonio, come punto di partenza per la collezione Chanel primavera/estate 2012.Karl_Lagerfeld_Chanel_blue_perfettamente_chic

Nel 2013, ha diretto il cortometraggio Once Upon a Time… nella Cité du Cinéma, Saint-Denis, di Luc Besson , con Keira Knightley nel ruolo di Coco Chanel e Clotilde Hesme come sua zia Adrienne Chanel. Karl_Lagerfeld_Once_Upon_a_Time_perfettamente_chic

Nel 2014, una casa d’asta in Florida annunciò che molti dei primi schizzi di Lagerfeld per la Casa di Tiziani a Roma sarebbero stati venduti. Nel 2015 è stato aperto il primo negozio Karl Lagerfeld presso il Lagoona Mall di Doha, in Qatar. A giugno 2016, viene annunciato che il designer avrebbe progettato le due lobby residenziali degli Estates ad Acqualina, uno sviluppo residenziale di lusso a Miami, Sunny Isles Beach .

Lagerfeld ebbe una relazione a lungo termine dai primi anni ’70 con il mondano aristocratico Jacques de Bascher  fino alla sua morte nel 1989. Ancora oggi (secondo molti ancora ispirato dal suo fantasma), Karl lo ricorda così: «una sorta di personaggio mefistofelico con il volto di Greta Garbo». Karl_Lagerfeld_Jacques_de_Bascher_perfettamente_chic

Lagerfeld possiede una gatta Choupette  Karl_Lagerfeld_Choupette_perfettamente_chic_(resa celebre dal suo padrone attraverso una capsule collection a lei dedicata), che, il 1 ° giugno 2013, ha dichiarato che se lo sarebbe sposato, se fosse legale.Karl_Lagerfeld_Choupette_perfettamente_chic

Di recente ha siglato con il marchio di lusso Rolex, il prestigioso orologio Oyster Perpetual Milgauss.

Aggiornato al 24 maggio 2018
Autore: Lynda Di Natale
Fonte: web - karl.com
Annunci