Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Clare Waight Keller, nata il 19 Agosto 1970 a Birmingham – Inghilterra, è una stylist inglese e fashion designer ed è attualmente il direttore artistico di Givenchy . La designer è sempre stata interessata alla moda sin dall’infanzia quando la madre cuciva a mano i suoi abiti. Clare Waight Keller_perfettamente_chic_geometra.jpg

“Questo è uno dei miei primi ricordi: stando lì e mia madre che diceva: ‘Non muoverti, non muoverti, sto per appuntarti, non muoverti!‘”, poi, mentre io e mia sorella  diventavamo più grandi, dovevamo diventare i suoi aiutanti. “

La Keller si è laureata a Ravensbourne College of Art in Fashion per poi specializzarsi in maglieria presso il Royal College of Art di Londra. Ha iniziato la sua carriera presso CK Calvin Klein a New York come stilista per la linea femminile Prêt-à-porter e poi da Ralph Lauren realizzando disegni per abiti da uomo, per assumere la posizione di head designer e dove lavora alla collezione uomo Purple Label. Nel 2000, fu ingaggiata da Tom Ford (disegnava top sexy e costumi da bagno), per unirsi a Gucci, al fianco di Christopher Bailey e Francisco Costa come senior designer  responsabile del prêt-à-porter femminile e degli accessori, fino alla sua partenza nel 2004. L’anno seguente, divenne direttore artistico di Pringle of Scotland, ridefinendo lo stile e la tradizione della maglieria della Maison, di cui concepisce la prima sfilata nel 2006. La direzione creativa di Waight Keller vedrebbe la designer rinnovare completamente l’etichetta della maglieria heritage con grande successo di critica.Clare Waight Keller_perfettamente_chic-.jpg

“Per prima cosa, ho iniziato a lavorare come stilista per l’abbigliamento da donna di Calvin Klein, prima di andare a lavorare per la prestigiosa Purple Label di Ralph Lauren, dove mi sono tagliata i denti lavorando alla sartoria maschile, qualcosa che mi sarebbe stato molto utile in seguito nella carriera .”

Nel 2007, ha ricevuto la “Designer of the Year” degli Scottish Fashion Awards nella categoria cashmere. Si è dimessa dalla sua posizione in Pringle of Scotland nel 2011. Alla Pringle of Scotland è stata accreditata la grande bravura per lo sviluppo del marchio portando da “una piccola azienda di maglieria scozzese” in un marchio di alta moda globale e moderno. Quando si è dimessa dall’azienda di maglieria nel 2011, la designer è stata molto elogiata per ciò che aveva realizzato:

L’esclusiva conoscenza di Clare della maglieria e del talento del design le ha permesso di modernizzare l’immagine di Pringle, pur rimanendo fedele al suo patrimonio“, ha detto a WWD Douglas Fang, un membro della famiglia proprietaria di Pringle . “Clare ci mancherà molto.”

Nello stesso anno si trasferisce a Parigi dove diventa direttore artistico di Chloé,  in sostituzione di Hannah MacGibbon, dove reinventa una silhouette romantica, femminile e radiosa. Clare Waight Keller_perfettamente_chic_chloé.jpgI suoi disegni romantici eppure maturi riescono ad essere fedeli ai codici della casa pur restando attuali, e hanno portato un nuovo senso di vitalità alla casa parigina, non vista da quando Phoebe Philo era direttore creativo.  Nel ruolo di direttore creativo Chloé, la designer ha seguito le orme di famosi designer come Karl Lagerfeld, Stella McCartney, Phoebe Philo e il fondatore della maison, Gaby Aghion. Durante il suo mandato a Chloé, Waight Keller è stata ampiamente elogiata per la sua capacità di rendere il marchio “indossabile” ed estremamente redditizio attingendo alla facile e ventilata estetica bohémien di Aghion, ma aggiungendo un tocco di fascino da “Chloé girl“. Dai vestiti e camicie cult di rilievo alla famosa tuta e alla borsa Drew, Waight Keller ha aiutato Chloé a diventare il marchio più redditizio di Richemont, con un fatturato stimato di 400 milioni di euro l’anno in cui ha lasciato.

Clare Waight Keller_perfettamente_chic_Editor's Choice of the Year.jpgNel 2016 ha ha ottenuto il premio di Editor’s Choice of the Year agli Elle Style Awards. Nel 2017, la Keller è stata nominata direttore artistico di haute couture e prêt-à-porter per donne e uomini a Givenchy sostituendo Riccardo Tisci –  prima donna a ricoprire la carica in azienda. L’annuncio è arrivato un mese dopo che Chloé, di proprietà di Richemont, aveva confermato che il direttore creativo avrebbe lasciato il marchio con la sua collezione finale per la stagione Autunno / Inverno 2017 della casa.

Ha detto a WWD l’ amministratore delegato di Givenchy, Philippe Fortunato, al momento dell’assunzione della designer. “È un equilibrio molto interessante tra magia e logica, e personalmente sono molto, molto entusiasta di averla a bordo.”

La direzione artistica della stilista per Givenchy , ovvero per Bernard Arnault il patron della conglomerata LVMH di cui il marchio fa parte, includono le collezioni di prêt-à-porter e accessori uomo e donna; collezioni di haute couture; l’immagine globale del marchio; e linee per bambini e occhiali da sole. Clare Waight Keller_perfettamente_chic_givenchy.jpg

È un momento davvero incredibile, qualcosa che non avevo mai provato prima, e quindi è piuttosto speciale: pochi, straordinari mesi per mettere insieme e fissare tutte le idee

L’effetto della prima Collezione della Keller in Givenchy infatti è moderno, tra un mix di abiti neri sofisticati, e al contempo proiettati nei tempi futuri per la realizzazione particolare dei colori creati al computer. Abiti costruiti impiegando tessuti speciali, tagliati a tondo, con cuciture a mano, prima disegnati su tela poi modellati sul corpo e quindi pressati con ferri caldi. La prima collezione couture di Clare Waight Keller in Givenchy è la Collezione Primavera Estate 2018 presentata nel 2017 a Parigi:Clare Waight Keller_perfettamente_chic_Collezioni Primavera Estate 2018.jpg

Per me è stata un’esperienza straordinaria avere a disposizione un fantastico laboratorio tecnico, cosa che non mi era mai successa prima, potevo giocare con abiti molto voluminosi e anche su abiti a colonna sottili, lavorando sulle texture

Le sue prime poche collezioni per la casa Givenchy, sono state ben accolte per aver sfruttato la fluida estetica anni ’70 che aveva progettato con tanta abilità a Chloé ma rendendoli più eleganti, più lucidi ovvero: più Givenchy. Tutto questo mentre progettava “segretamente” l’abito da sposa di Meghan Markle. Infatti,  Clare Waight Keller disegna l’abito e il velo, ricamato a mano, indossati da Meghan Markle, ora duchessa del Sussex, in occasione del suo matrimonio con il principe Harry nel mese di maggio 2018.Clare Waight Keller_perfettamente_chic_Meghan Markle.jpg

È strano,” dice la Keller. “Ci vuole un po’ prima di capire il tipo di impatto che hai avuto. Quando ci sei dentro, l’unica cosa che capisci è che stai lavorando, che stai facendo quello che devi fare.” “Sinceramente, è tutto molto più facile quando nessuno sa nulla, nemmeno le mie figlie, fino alla sera prima,” . Quando le si chiede se pensa che l’abito di Meghan abbia lasciato un segno importante per la storia delle donne, la designer risponde: “Credo che lei sia davvero una persona che si batte per i diritti delle donne. Credo sia un cambiamento positivo per la famiglia reale.

Volevamo creare un capo senza tempo che mettesse in evidenza i codici iconici della storia di Givenchy, ma che al contempo trasmettesse un senso di modernità grazie alla linea slanciata e al taglio rigoroso,” spiega Clare. “Il contrasto con la bellezza delicata dei ricami floreali sul velo era un’idea che Meghan condividevamo, un gesto speciale che abbracciava la flora del Commonwealth, l’elemento décor sul bordo dello strascico in tulle di seta.”

La Keller è stata la prima direttrice artistica ad incontrare il fondatore e designer Hubert James Marcel Taffin de Givenchy (morto ad 91 anni il 10 marzo 2018) dedicandogli la seconda Collezione. Per la sua seconda Collezione Couture, Waight Keller ha esaminato gli archivi di Givenchy utilizzando materiali moderni realizzare qualcosa che “galleggia“.givenchy_Clare Waight Keller_perfettamente_chic_Alta Moda Autunno-Inverno 2018-19.jpg

È sposata con Philip Keller, un architetto di Appleton, Wisconsin. La stilista ha tre figli – due gemelle, Charlotte e Amelia e un figlio di nome Harrison.Clare Waight Keller_perfettamente_chic_Philip Keller.jpg

Mentre i bambini sono a scuola, sono completamente al lavoro“, Waight Keller ha detto a W nel 2015, quando era ancora direttore creativo di Chloé. “Ma torno a casa e il lavoro svanisce non appena raggiungo la porta. A meno che non ci sia qualcosa di veramente urgente e pressante, c’è così tanto da fare che il lavoro non è nella mia testa. Penso che sia davvero radicato nell’avere una famiglia: Non lasciare che il pazzo mondo della moda ti assuma.

Aggiornato al 07 settembre 2018
Autore: Lynda Di Natale
Fonti: givenchy.com, web
Annunci