Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lucien Lelong, Lucien-Camille Lelong, è stato uno stilista francese di spicco dagli anni ’20 agli anni ’40.Lucien_Lelong_perfettamente_chic

Lucien nato a Parigi l’11 ottobre 1889, figlio di Arthur Lelong, proprietario di un negozio di sartoria e di Eléanore, una stilista. Luciene Lelong si è formato presso la Hautes Etudes de Commerciales a Parigi ed aprì la propria casa di moda nei primi anni dieci. All’età di 20 anni Lelong entrò a far parte del business; ingrandisce e trasforma l’attività paterna ridisegnando la boutique con tappeti, muri, tetti e divani facendola rassomigliare a una scatola di gioielli rivestita di nero. Il nome del negozio di sartoria fu trasformato in Lelong & Fried. I primi progetti di Lelong furono pubblicati sulla rivista Vogue nel 1913.

Si aspettava la presentazione della prima collezione Lelong, ma la sfilata venne cancellata a causa dello scoppio della Prima Guerra mondiale. Lucien fu arruolato nell’esercito e mandato in trincea, servendo come ufficiale dell’intelligence e subì ferite a schegge sul viso.Lucien_Lelong_perfettamente_chic_1

Dopo la guerra Lelong riprese la sua carriera mentre la casa di moda di Coco Chanel stava decollando. Lucien_Lelong_perfettamente_chic_boutique_parigiLelong mostrò più acuto senso degli affari offrendo sconti alle donne della società che erano d’accordo ad essere fotografate con i suoi abiti, riusci a combattere la concorrenza che gli permise di lanciare con successo il suo marchio. Nel 1921, la maison diventa Lucien Lelong. Le collezioni del 1921, 1922 e 1923 ricevono una buona accoglienza da parte della stampa e dei clienti. Ritenendo che il profumo fosse una parte essenziale dell’abito di una donna, il designer nel 1924 fondò la Société des Parfums Lucien Lelong. L’ispirazione per i suoi profumi proveniva dai suoi disegni e dai tratti individuali ed enigmatici delle donne che li indossavano. 

Nel 1926, l’azienda Lelong aveva un personale di circa 1200 impiegati e si trasferì in 16 rue Matignon, al largo degli Champs-Elysées. 

Lelong è stato sposato tre volte. La sua prima moglie, che divorziò il 16 luglio 1927, fu Anne-Marie Audoy sposata nel 1919 e nel 1920 hanno avuto una figlia: Nicole Lelong. Nel 1927 sposò in seconde nozze Natalie Paley, figlia del granduca Pavel Aleksandrovič Romanov, che diventò anche sua collaboratrice in affari lavorando nel dipartimento dei profumi di Lelong da cui però divorziò nel 1937. La terza moglie di Lelong fu Sanda Dancovici, la quale dopo la morte dello stilista, si risposò con il giornalista francese Maurice Goudeket, vedovo della scrittrice Colette.

Lelong iniziò a focalizzare il suo stile su un corpo femminile in movimento e nello sport.

fossero costruiti in modo tale che la loro vera forma emergesse in movimento, non a riposoLucien_Lelong_perfettamente_chic_abiti

A Parigi, negli anni ’20, Madeleine Vionnet era associata al drappeggio, Jean Patou all’eleganza, Lelong alla fluidità.

La sartoria Lelong divenne ingegneria. Con il pensiero che l’abbigliamento avrebbe mostrato la sua vera forma in movimento, disegnò abiti con abiti con pieghe strette, permettendo così il libero flusso dei capi sul corpo femminile.

Lelong aveva una musa: NLucien_Lelong_perfettamente_chic_Natalie_Paleyatalie Paley, una modella e principessa Romanov il cui padre e fratello erano stati assassinati dai bolscevichi. Era una donna straordinariamente bella, con le caratteristiche perfette di Greta Garbo. Nell’agosto del 1927 Lucien-Camille Lelong si sposa per la seconda volta, la modella Natalia Pavlovna Paley. La Paley diventa in questo periodo una icona della moda, il cui stile viene imitato dalle donne dell’epoca, e la cui immagine compare spesso su Vogue. Lucien_Lelong_perfettamente_chic_Natalia
Recita anche nel film di Alexander Korda The Private Life of Don Juan e in quello di Marcel L’Herbier L’epervier. Hanno divorziato nel 1937 divorzia dal marito e si trasferisce negli Stati Uniti, dove continua a lavorare come attrice.

Nel 1929, dopo lo schianto di Wall Street, Parigi perse gran parte del suo redditizio mercato americano e morì lo stile “garçonne” degli anni ’20. Natalie era il volto del nuovo look e negli anni ’30 il decennio di suo marito. Una socialite che manteneva la sua figura magra mangiando poco, visitava il suo salone per provare i vestiti e fungeva da sua consulente. Lucien_Lelong_perfettamente_chic_Natalia_Pavlovna_PaleyIn effetti, gli abiti da sera che Lelong ha prodotto negli anni ’30 sembrano ancora moderni oggi, perché sono stati influenzati da drappeggi neoclassici. Nel 1935, con il ritorno del volume, disegnò un abito da sera in raso rosa pallido con ampie pieghe sul retro in modo da mantenere una silhouette sottile mentre la parte posteriore si apriva con il minimo movimento.

Lucien_Lelong_perfettamente_chic_dress

 Ma la moda francese stava entrando in un decennio di crisi.

Nel 1924, mentre Lucien Lelong si avvicinava al culmine della sua carriera, iniziò a sperimentare la fragranza. L’ispirazione per i suoi profumi, che considerava parte integrante dello stile di una donna, proveniva dai suoi disegni e dai tratti individuali ed enigmatici delle donne che li indossavano. Inizialmente, l’uomo che sarebbe diventato noto per le sue bottiglie e flaconi elaborati e da collezione, non ha fatto alcun tentativo di confezionare in modo decorativo i suoi profumi unici. Tuttavia, quando le richieste per i suoi profumi iniziarono ad arrivare da lontano come l’America, Lelong si ispirò. La Société des Parfums Lucien Lelong è nata e continuerà a prosperare bene dopo che Lelong ha chiuso le porte della sua famosa casa di moda.Lucien_Lelong_perfettamente_chic_Indiscret

I primi profumi di Lucien Lelong sono stati succintamente chiamati A, B, C, J e N e avevano lo scopo di evocare un senso di mistero e romanticismo, proprio come le versioni numerate di Chanel. Le bottiglie intricate, progettate in gran parte dallo stesso Lelong, sono state ispirate da tessuti, ghirlande, piume e architettura moderna e sono ancora raccolte fino ad oggi. In tutto, Lelong ha creato 27 diverse fragranze, tra cui Indiscret (1935), forse il suo profumo più famoso.

Nel 1926, Lelong ha lanciato il suo trio di profumi ABC in bottiglie René Lalique. Un anno dopo, ha pubblicato due nuove fragranze: J per Jasmin e N per Natalie, dal nome di Natalie Paley. Dal 1925 al 1950, lanciò quasi quaranta profumi. Nel 1930, la dimensione sale, lancia il suo profumo con Passionnément.

Among accessories, what is more important than the perfume? Once assumed, it cannot be laid aside like a scarf or a pair of gloves. Personally, I have experimented until I have succeeded in producing three perfumes, each pungent yet each of a distinctive character. I have not given them fancy names; I call them only A, B, and C, says Lucien Lelong.

Aprì un negozio in rue Gardères Biarritz e conobbe Natalie Paley. Nel 1928, aprì una filiale per i suoi profumi a Chicago.

Nel 1934, Lelong, realizzò una linea pret-à-porter separata da quella couture, la collezione Edition che comprende ottanta modelli. Lucien_Lelong_perfettamente_chic_L_Indiscret Lucien, nel 1935, rinnova l’arredamento delle boutique con il decoratore Jean-Michel Frank, uno dei principali decoratori francesi del periodo Art Déco, e lancia un nuovo profumo, Indiscret, la cui bottiglia ha la forma di un abito drappeggiato. In seguito userà questo modello per realizzare un abito. 

Le politiche economiche protezionistiche in America hanno visto una tassa all’importazione del 90% sulla moda francese. L’effetto fu un’ondata di copie a buon mercato di fabbriche americane. E ormai le donne americane stavano prendendo ispirazione dalla moda non da Parigi ma da Hollywood e dai disegni di costumisti come Edith Head e Adrian.Lucien_Lelong_perfettamente_chic_dress_1

Nel 1936, Vogue descrisse Lelong come “un’insolita combinazione di artista e uomo d’affari. È questa rara, doppia capacità; questo insolito equilibrio di immaginazione creativa, decisione ed esecuzione che ha prodotto il successo internazionale di Lucien Lelong come couturier, parfumeur e uomo d’affari”. È stata proprio questa lungimiranza aziendale che ha spinto Lelong a diventare uno dei primi designer a creare e distribuire una collezione ready-to-wear altamente redditizia.

Nel 1941, i profumi sono diventati inglesi. Lucien Lelong, Inc., 55 East Washington street, promettendo di cessare di usare “Parigi”, “Londra” o altri termini che implicano l’origine.

Dal 1937 fino alla fine della seconda guerra mondiale, Lelong fu presidente della Chambre Syndicale de la Couture Parisienne. Parigi, quando la guerra fu dichiarata il 3 settembre 1939 le case di moda chiusero, alcune per sempre. Mainbocher e Schiaparelli partirono per l’America. Vionnet non ha mai riaperto.

Dopo l’invasione tedesca, Lelong fu responsabile della negoziazione con i nazisti, sul trasferimento degli interi archivi di moda in Germania (con l’intento complessivo di trasferire l’industria couture di Parigi nella loro nazione). Con il nuovo piano gli atelier parigini con i loro stilisti sarebbero stati trasferiti in Germania o in Austria, dove avrebbero formato una nuova generazione di stilisti tedeschi. Lelong riuscì a spiegare che la haute couture francese dipendeva da migliaia di abili artigiani in piccoli atelier, ognuno specializzato in un piccolo dettaglio di finitura, come il ricamo. Le abilità, ha spiegato, erano insuperabili e non era possibile insegnarle e ci volevano decenni per raggiungere il livello di abilità artistica di ogni singolo artigiano. I nazisti fecero marcia indietro nel loro intendo.Lucien_Lelong_perfettamente_chic

Inizialmente, dopo la liberazione, ci furono dei mormori sul fatto che Lelong fosse stato un collaboratore e il suo caso è stato processato e assolto. Il giudice stabilì che Lelong aveva collaborato solo in minima parte con i nazisti per salvare il patrimonio culturale francese e il lavoro dei suoi lavoratori.

Avendo avuto successo, Lelong iniziò a concentrarsi di nuovo sui affari. Lucien Lelong creò un abbigliamento femminile elegante e raffinato. Il suo coraggio e la sua determinazione aiutarono a salvare la haute couture parigina.

Negli ultimi anni di attività ebbe fra i propri assistenti Christian Dior, dal 1941 al 1946, durante il quale ha creato le collezioni in collaborazione con Pierre Balmain. Altri designer che hanno lavorato per Lelong includono Nadine Robinson e Hubert Givenchy. Noto per il nitore sartoriale dei modelli e la qualità dei tessuti, negli anni quaranta Lucien si reca negli Stati Uniti per studiare l’industria della confezione in serie, che si ispira alla linea Robes d’Edition,  e per convincere i compratori a ritornare sul mercato parigino. Fu convincente solo in parte, solo quando il suo protetto Dior introdusse il ‘New Look’ che loro tornarono in massa nel 1947. Lucien_Lelong_perfettamente_chic_New_LookQuello stesso anno Lelong si ritirò, chiuse la maison e si trasferì a Biarritz.

Tra le clienti di Lelong c’erano Marie Duhamel, Nora Barnacle moglie dello scrittore James Joyce, Jeanne Ternisien moglie del banchiere Georges Nelze, la duchessa de la Rochefoucauld, Greta Garbo, Gloria Swanson, Colette e Rose Kennedy.

Nel 1948, Lucien Lelong si ammalò e, seguendo le raccomandazioni del medico, decise di chiudere le porte della sua casa di moda. Tuttavia, non mise fine alla sua impresa di profumi, che continuò a prosperare sotto la sua direzione fino alla sua morte nel maggio del 1958. Per oltre quarant’anni dopo la sua morte, le fragranze di Lucien Lelong rimangono in prima linea nel settore della bellezza e la semplice menzione del suo nome continua a evocare la sensazione di classica eleganza riservata alle leggende.

Per motivi di salute, chiude la sua maison nell’agosto del 1948, continuando la produzione e il lancio di altri profumi come, nel 1949, Cachet Bleu dopo i celebri Mélodie, Jabot, Sirocco, Murmure, Bois vert, Cachet, Plumes, Penthouse, Balalaïka, etc.

Si risposò per la terza volta nel 1954, con Sanda Dancovici, dopo aver interrotto la sua attività nel 1952.

Lelong in realtà non ha creato i capi che portavano la sua etichetta.

Non ha progettato se stesso, ma ha lavorato attraverso i suoi designer – ha scritto Christian Dior , che era un membro del team Lelong dal 1941 al 1946 – Tuttavia, nel corso della sua carriera di couturier le sue collezioni hanno mantenuto uno stile che era proprio il suo e gli somigliava molto.

Lelong è morto per un ictus l’11 maggio 1958.

Lucien_Lelong_perfettamente_chic.jpg

Per oltre quarant’anni dopo la sua morte, le fragranze di Lucien Lelong rimangono all’avanguardia nel settore della bellezza e la semplice menzione del suo nome continua a evocare la sensazione di eleganza classica riservata alle leggende.

Alcuni anni dopo, fu introdotta la fragranza Lelong Pour Femme.

aggiornato al 12 maggio 2020
Autore: Lynda Di Natale
Fonte: it.qwe.wiki, lucienlelong.com, fashion.telegraph.co.uk, web