Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Elsa Schiaparelli nacque nel 1890, nel palazzo Corsini a Roma. Con un padre che era il direttore della biblioteca dei Lincei e un professore di letteratura orientale, un astronomo zio e una madre discendente dai Medici, Elsa è cresciuta in una famiglia di aristocratici e intellettuali. Ha studiato filosofia, anche se il suo sogno era diventare un’attrice. Nel 1911 pubblicò una raccolta di poesie apertamente sensuali, Arethusa . Quando i suoi genitori lo hanno saputo, è stata mandata in un convento in Svizzera, dove è ripartita dopo aver fatto lo sciopero della fame. Il 1913 ha segnato l’anno dell’emancipazione. È partita per Londra con uno degli amici di sua sorella per aiutare a prendersi cura dei suoi figli. Questa città ha dimostrato di essere l’inizio della libertà. Quando partecipò a una conferenza di teologia del conte Wilhelm Wendt de Kerlor, ne rimase affascinata di questo giovane teosofo. Si sposarono nel 1914 e lasciarono Londra per New York nel 1916, dopo aver trascorso diverse stagioni a Nizza. Sulla nave che li portava a New York, Elsa stringe amicizia con Gabrielle Picabia, la moglie del pittore Dada. Questo incontro avrebbe introdotto Elsa nella cerchia degli artisti d’avanguardia dell’epoca: MAN RAY. MARCEL DUCHAMP. EDWARD STEICHEN. La giovane coppia viveva della dote di Elsa, che stava scomparendo alla velocità della luce. La loro figlia Yvonne, soprannominata Gogo, nacque nel 1920 e ben presto contrasse la poliomielite. Con il suo stile di vita bohémien, i lavori part-time, le ripetute assenze del marito e il prendersi da sola la cura della figlia, Elsa chiese il divorzio.
schiaparelli.com

elsa_schiaparelli_perfettamente_chic.jpgElsa Schiaparelli è stata una stilista e sarta italiana amante dell’arte e della letteratura; una donna venuta dall’aristocrazia che ha saputo farsi amare dal popolo. elsa_schiaparelli_perfettamente_con_chanel.JPGInsieme a Coco Chanel, viene considerata una delle più influenti figure della moda all’inizio del XX secolo. È l’inventrice del rosa shocking. Lo scontro tra Elsa Schiaparelli e Coco Chanel ha animato le prime pionieristiche fasi del mondo della moda, a cominciare dagli anni ’30. Un duello  fatta di collezioni, abiti bellissimi, vestiti da sogno, che non ha svilito, anzi ha arricchito enormemente il mondo del moda elegante. A Coco Chanel si deve la semplicità e la naturalezza, a Elsa Schiaparelli abiti sempre più estrosi, sgargianti, particolari.

Elsa Schiaparelli nacque da una nota famiglia di intellettuali piemontesi, trasferitasi a Roma. La madre proveniva da una famiglia dell’aristocrazia napoletana discendente dai Medici, signori di Firenze e di tutta la Toscana, mentre il padre, Celestino Schiaparelli, nel 1875 fu nominato direttore della biblioteca dell’Accademia dei Lincei dal Re Vittorio Emanuele II, e risiedettero nella sede che spettava a chi ricopriva tale carica: Palazzo Corsini. Nel 1903 Celestino Schiaparelli lasciò tale incarico per una cattedra di lingua e letteratura araba all’Università di Roma. Elsa era nipote di Giovanni Schiaparelli, che era stato un famosissimo astronomo, direttore dell’osservatorio di Brera, scopritore dei canali su Marte che portano il suo cognome.  Cresce in una casa cattolica e la sua educazione è stata severa ma, Elsa Schiaparelli mostrò da subito una forte vena artistica che voleva declinare nella drammaturgia, sognava di diventare un’attrice, ma non poté farlo per via della sua provenienza aristocratica, i genitori ritennero più conveniente farle studiare filosofia e lettere. Decise quindi di scrivere e far pubblicare all’età di 21 anni, poesie, le quali ebbero buona diffusione e un discreto successo soprattutto in Francia. Se la reazione del pubblico fu discreta, quella della famiglia Schiaparelli fu pessima, per il padre fu una vera disgrazia.elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_william_de_wendt_de_kerlor.jpg La “Schiap” (diminutivo affibbiatole in Francia, probabilmente per semplificare la pronuncia, che lei stessa subito adottò) venne quindi mandata in un convento della Svizzera tedesca. Quando scappò dalla scuola, nel 1913, andò in Inghilterra dove frequentò una lezione sulla teosofia tenutasi dal misterioso professore Wilhelm de Wendt de Kerlor. Parlarono dopo la lezione, e fino a notte fonda, e il giorno successivo furono fidanzati, per l’orrore del padre. Elsa sposò, all’inizio del 1914, il conte alla tenera età di diciotto anni. De Kerlor, l’imprenditore disonesto, non ha mai fatto molti soldi e per il primo anno di matrimonio la coppia è stata sostenuta dalla dote di SchiapElsa lavorava duramente con il marito per promuovere i suoi interessi commerciali, e quando il “furfante” la lasciò dopo cinque anni di matrimonio e appena dopo la nascita della loro unica figlia, forse le aveva insegnato il valore di un’auto-promozione instancabile e un buon punto di vista commerciale.

Nel 1919 la coppia si trasferì a New York e nel 1920 nacque la loro figlia, Maria Luisa Yvonne Radha, detta Gogo. elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_Maria_Luisa_Yvonne_Radha_Gogo.jpgTuttavia il matrimonio si rivelò fallimentare e la Schiaparelli rimase sola con una figlia, che si ammalò di poliomielite, dopo un periodo di povertà la figlia, come la madre a suo tempo, venne mandata in un collegio così che Elsa poté occuparsi a tempo pieno delle proprie passioni. Fu questo, infatti, il periodo in cui la Schiaparelli conobbe e cominciò a frequentare gli artisti dell’avanguardia dadaista. Sempre in questo periodo, e sempre a causa delle condizioni di salute della figlia, Elsa si trasferì a Parigi nel 1922, ospitata da Gaby Picabia, moglie dell’artista dadaista Francis Picabia.

Fu qui che, ovviamente, Elsa Schiaparelli entrò in stretto contatto con l’ambiente della moda dell’epoca. Secondo le parole della stessa Schiaparelli, sembra che il colpo di fulmine per la moda sia avvenuto dopo una sua visita, assieme a un’amica, all’atelier di Paul Poiret in Faubourg Saint-Honoré. Poiret, il grande sarto dei primi anni del Novecento, che aveva proposto una nuova immagine di donna, libera dalle costrizioni del busto, le mostrò alcune delle sue creazioni, che lei all’epoca giudicò semplicemente come troppo care. Poiret le rispose “Non vi preoccupate dei soldi. E poi potrete come e quando vorrete…“.

Nel 1922, si trasferì a Parigi con la figlia, perché l’Europa sembrava essere avanti in termini di trattamenti di cui Gogo aveva bisogno. Durante il giorno, Elsa lavorava presso un antiquario. La sera, ha frequentato il famoso ristorante, Le Bœuf sur le Toit, che ha attirato l’elegante set di Parigi. La sua cerchia di amici artisti crebbe. Un giorno, Elsa accompagnò un amico a un allestimento di Paul Poiret, il più grande couturier dell’epoca. Ha provato alcuni disegni mentre aspettava, anche se non poteva permettersi di comprare pezzi del genere. elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_Maria_Luisa_Yvonne_pantagonna.JPGComprendendo questo e senza dubbio intuendo che una donna così atipica sarebbe stata una buona pubblicità per i suoi vestiti, Paul Poiret suggerì che Elsa potesse prendere in prestito diversi progetti. Questa esperienza di una casa di alta moda, lusso, qualità, design, colori, materiali. A metà degli anni ’20, Elsa Schiaparelli fece fiorire la sua creatività e divenne una designer freelance. Ha unito le forze per un periodo con un’amica che aveva acquisito un marchio che era caduto in declino. Elsa riacquistò presto la sua indipendenza in modo che potesse esprimersi al massimo.
… Sebbene abbia fondato la sua compagnia nel suo appartamento nel 1927, l’azienda è decollata l’anno successivo quando ha aperto atelier, saloni e uffici in rue de la Paix 4 con “Schiaparelli – Pour le Sport” (Schiaparelli – Sportswear) su la piastra della porta. … Questa miscela di Haute-Couture e abbigliamento sportivo ha avuto un tale impatto in tutto il mondo che i produttori tessili americani le hanno offerto i suoi primi accordi di licenza.
schiaparelli.com

La prima creazione di Elsa nasce da un’intuizione: viene attirata da un abito fatto a maglia da una rifugiata armena. Tra le due donne comincia una collaborazione: la Schiaparelli ha le idee, l’altra le realizza; realizzano abiti di facile vestibilità e dominati da motivi di ispirazione cubista, africana, quasi naif. Inizialmente, l’atelier era il suo appartamento in rue de l’Université. Solo a seguito di un investimento di 100 mila franchi, registrò il marchio e trasferì la maison in rue de la Paix. Gli artisti più popolari del tempo, da Salvador Dalì ad Alberto Giacometti, frequentavano la sua maison prima in rue de la Paix, poi in Place Vendome, fornendole l’occasione per disegnare gioielli e bozzetti sempre più accattivanti. Da allora la sua immaginazione si scatena: abiti sportivi di ispirazione africana e cubista, oppure tessuti con ritagli di giornale, abiti con aragoste giganti di ispirazione surrealista, animali, soli giganteschi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Di conseguenza la collezione di maglieria viene arricchita con costumi da bagno, pigiami da spiaggia e accessori. I motivi divennero più vari (tartarughe astratte, scheletri, tatuaggi da marinaio, ecc.), Così come i colori, giocando sui contrasti (bianco e nero, nero e sfumature brillanti).

Da quel momento in poi, le collezioni si susseguirono a ritmo di quattro presentazioni all’anno. Le prime collaborazioni hanno sostenuto la prolifica creatività di Elsa Schiaparelli: una collana in porcellana di aspirina con Elsa Triolet; una piega trompe-l’œil dipinta su un lungo abito con il pittore Jean Dunand;
gioielli con Alberto Giacometti; un braccialetto di metallo e pelliccia con Meret Oppenheim, per citarne solo alcuni. La ricerca sullo sviluppo di nuovi materiali ha portato a tessuti rivoluzionari come il rodofano (trasparente e fragile come il vetro) o crepe di rayon schiacciato (simile alla corteccia d’albero). Elsa si è circondata dei migliori talenti: Jean Schlumberger, Jean Clément e poi Lina Baretti per i gioielli, Jean-Michel Frank per la decorazione e il design delle bottiglie di profumo, Pérugia e Roger Vivier per le scarpe, Lesage for embroidery,…
schiaparelli.com
Elsa si è circondata dei migliori talenti creativi: ELSA TRIOLET, ALBERTO GIACOMETTI, MERET OPPENHEIM, JEAN SCHLUMBERGER, JEAN-MICHEL FRANK, MARCEL VERTÈS JEAN, DUNÉ, JEAN CLÉMENT, RAYMOND PEYNET.

Il successo di Schiaparelli arrivò mentre la moda del secolo giungeva a una svolta: dall’abito piatto e senza forma della Garçonne, che furoreggiava negli anni venti, si tornò a una moda più femminile, con la vita al punto naturale, abiti sotto al polpaccio di giorno e lunghi da sera, tacchi alti.

Nel 1928 arrivarono i completi rigati e i costumi da spiaggia ma anche il lancio del profumo S. Nel 1929 la Schiaparelli rivoluzionò ancora il settore introducendo per la prima volta, in capi di alta moda, le zip, sia con funzioni classiche di chiusura che semplicemente decorative assai più pratica delle sfilze di bottoncini che avevano chiuso gli abiti delle donne sino a quel momento.elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_zipDal 1929 in poi, Elsa ha introdotto un numero crescente di innovazioni in termini di materiali, tagli, dettagli e accessori: un impermeabile in lana e seta gommata, tute con zip a vista – che in seguito sarebbero state seguite da cerniere colorate e poi versioni multicolore – , il primo abito da sera (un abito avvolgente con una profonda scollatura), culottes, abiti dalle spalle forti, abiti da sera reversibili in bianco e nero, tagli aerodinamici creati da balze abilmente disposte, cappelli eccentrici e borse in rete metallica.elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_abito_linee_aereodinamicheFin dall’inizio, la Schiaparelli disegna per le donne famose come: Wallis Simpson, la futura Duchessa di Windsor, Marlene Dietrich, Katharine Hepburn, Greta Garbo, Lauren Bacall, Gene Tierney, Gala Dali, Marie-Laure de Noailles, Daisy Fellowes, Nusch Eluard (per il suo ritratto di Pablo Picasso indossa un abito della Schiaparelli), Arletty, Vivien Leigh, Ginger Rogers, Juliette Gréco, Mae West (per il quale ha disegnato il guardaroba in uno dei suoi film).

Negli anni Trenta arrivarono le prime gonne separate al centro, a portafoglio, che furono considerate scandalose in molti paesi. Arriveranno altri vestiti Schiaparelli iconici come il “mad cap“, il cappello matto, che prende forme diverse in base alla volontà di chi lo indossa.

La stilista ha alternato abbigliamento sportivo con linee sobrie, abiti “hard chic” e abiti da giorno con abiti da sera sfacciatamente seducenti. Si è ispirata al guardaroba maschile per creare la prima camicetta nel 1935.elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_abito_giacca_camicia_uomo.JPG

Nel 1934 stabilì la sua maison al numero 21 di place Vendôme, e da lì ogni anno lanciò le sue collezioni, tutte a tema e tutte fantasiose, ma con grande unità stilistica. Collezioni fantasiose ed esuberanti si imponevano sul mercato, tenendo testa proprio a quelle di un’altra famosissima stilista del tempo, Coco Chanel.

Proprio insieme a Chanel, la Schiaparelli fu una delle prime a capire che in futuro la formula vincente per la moda sarebbe stato l’abito pronto per la vendita, utilizzando taglie standard, da poter eseguire in serie. Ribaltando completamente le idee consolidate sul vestire, inventò impermeabili da sera, abiti in vetro, mantelle color rosa shocking con enormi soli ricamati in oro sulla schiena. Abiti con aforismi di Jean Cocteau.

Disegnava personalmente i modelli in album di schizzi minuziosi ed eleganti. Sia che le creazioni esclusive fossero abiti unici, sia che fossero rivolte a un pubblico più vasto, la Schiaparelli creava le sue opere con la stessa, identica concentrazione. 

Ogni collezione racconta una storia ricca, prendendo in prestito dal prezioso e dall’ordinario, l’arte e la vita quotidiana, il figurativo e la narrativa, il surrealismo e i simboli di riferimento, il poetico e architettonico, nero e dai colori più sorprendenti, provocatorio e severo. Elsa è stata la prima a dare alle sue collezioni un tema: la prima, “Stop, Look & Listen” (FermatiGuarda e ascolta)il look “tifone”, il look “paracadute”, e poi Le farfalleGli strumenti musicali“Commedia dell’Arte”, “Païenne” ( pagano), “Astrologia”, “Le Cirque” (circo),  dove usa giocolieri, pagliacci, coni gelato, elefanti e trapezisti per sottolineare l’estrosità e il dinamismo circense. elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_circusSalvador Dalí le ispirò un tailleur dove le tasche erano minuscole cassettine.

Lo spirito surrealista e artistico si è impadronito di stivaletti in pelle con le dita dei piedi rappresentati da impunture, insieme alla bottiglia di profumo maschile a forma di pipa (in omaggio a Magritte), guanti con chiodi rossi in pitone, stivaletti con frange di lunga pelliccia di scimmia , una collana di Rhodoid incrostata di insetti e borse con decorazioni luminose (a batteria).

elsa_schiaparelli_perfettamente_guanti_artiglio.JPG

La creatività e l’originalità della Schiaparelli, trovano espressione soprattutto negli accessori; ad esempio il cappello-scarpa (disegnato dal suo amico Dalì), elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_cappello_tacco.JPGcappelli come spazi abitati, cappelli dalla forma che sembrano cervelli umani, guanti con le unghie lunghe; a lei si devono i primi orecchini e braccialetti in plexiglas. Per lei, Jean Hugo disegna bottoni-sculture dalle forme più curiose, bottoni a forma di labbra, di caramelle d’orzo, a calamaio, di animali.

Altre invenzioni di Elsa Schiaparelli furono le frasi sugli abiti (soprattutto quelle di Jean Cocteau), l’abito scheletro (che gli americani chiamano ancora Elsa Schiaparelli Skeleton Dress).elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_scheletro

Elsa Schiaparelli fornì abiti a innumerevoli star del cinema e dello spettacolo, mentre un altro vezzo di Elsa Schiaparelli, il profumo, si impose sulla scena.  È nel 1934 che lanciò i tre profumi Salut, Souci e Schiap, creati nel suo atelier di profumeria di Bois-Colombe: sono ancora oggi icone di stile.

Nel 1932, la Couture House, che era diventata “Schiaparelli – Pour le Sport, Pour la Ville” (Schiaparelli – Sportswear, City and Evening Wear), copriva diversi piani e comprendeva otto atelier che ospitavano oltre 400 dipendenti. L’anno seguente, Elsa Schiaparelli aprì un negozio e saloni a Londra e un ufficio a New York. Dopo il lancio della sua prima fragranza “S” nel 1928, nel 1934 presentò una collezione di tre profumi: Soucis, Salut e Schiap . L’anno dopo, la Couture House rilevò l’Hotel de Fontpertuis, 21 place Vendôme: cinque piani 98 camere, oltre 700 dipendenti e una boutique al piano terra con vista sulla colonna Vendôme.

La sua reputazione è tale che è diventata la prima stilista di moda femminile ad apparire sulla copertina della rivista americana Time nel 1934.

schiaparelli.com

 Il 1937 vide il lancio del profumo Shocking e il colore “rosa shocking” che diventerà un marchio di fabbrica della Maison Schiaparelli.elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_rosa_shocking_.JPGIl profumo, la cui bottiglia disegnata da Léonor Fini ha rappresentato un manichino di sartoria seguendo le curve di Mae West, decorato con fiori di porcellana e un nastro di misurazione di velluto, è stato un successo senza precedenti. Elsa ha poi avuto una visione cromatica: ha inventato il rosa shocking, un pigmento puro, vibrante, non diluito, intenso e vivace. Di fatto era una gradazione molto intensa del magenta. Il rosa shock in abbigliamento spopolò e a dargli fortuna contribuì non poco il vestito indossato da Marilyn Monroe in Gli uomini preferiscono le bionde.

Questa creatività traboccante che ha scosso la sensibilità è stata presto interrotta dalla seconda guerra mondiale. Fino all’estate del 1940, Elsa ha combattuto per mantenere la sua casa di moda per affari al fine di mantenere il maggior numero di posti di lavoro possibile e persino di lanciare un profumo, Sleeping . In vista delle incursioni aeree, ha creato abiti pratici e comodi: tute con cerniera con maxi tasche destinate a contenere l’equivalente di una borsetta, un cappotto con una borsa integrata, abiti trasformabili, ecc.
schiaparelli.com

A fine degli anni Trenta cominciò la collaborazione con Salvador Dalì che disegnerà un barattolo per trucco a forma di quadrante telefonico, elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_abito_cipria_compatta_dalì.JPGla partnership proseguirà anche per la creazione di cappotti e tailleur.

Elsa aveva anche capito che la sfilata è una vetrina, uno spettacolo per i compratori, ma che la vera moda si faceva col prêt-à-porter.

Negli anni Quaranta ci saranno altre creazioni iconiche: il primo abito con silhouette a sirena, giacche di ispirazione militare con grandi tasche ricamate, il profumo Le Roy Soleil con boccetta artistica progettata ancora una volta da Dalì.elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_profumi.jpg

Nel luglio del 1940, Elsa lasciò Parigi e diede un serie di conferenze negli Stati Uniti sul tema “Vestiti e la donna“. A Dallas, è stata la prima europea a ricevere il premio Neiman Marcus per i servizi alla moda.

Nonostante la guerra e l’offerta del MoMA di nominarla direttore di un dipartimento di fashion design, è ripartita per Parigi.

Partì con 13.000 capsule di vitamine per aiutare la Francia libera. Durante uno scalo a Bermuda, la dogana ha confiscato il carico, sospettando che Elsa fosse contrabbandata. Le sue carte erano finalmente in ordine, poteva ripartire con le vitamine.
schiaparelli.com

Dato che il suo status di italiana a Parigi stava diventando rischioso, mise la sua Couture House nelle mani del suo braccio destro dal maggio 1941 al luglio 1945. Partì per New York dove continuò ad aiutare la Francia attraverso molte iniziative in tutto il mondo.

Nell’aprile 1941 la figlia di Schiap, Maria Luisa Gogo Schiaparelli, si sposa con l’esattore Robert L. Berenson.elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_Maria_Luisa_Yvonne_Radha_Gogo_sposa

Quando la Francia fu liberata, Elsa vi ritornò immediatamente, rilevò la progettazione e presentò una collezione già nel settembre del 1945. Partecipò alla mostra itinerante Théâtre de la Mode negli Stati Uniti. Hubert de Givenchy viene assunto come Direttore Creativo della boutique Schiaparelli. Hubert de Givenchy ha lavorato al fianco di Schiaparelli nei suoi primi anni ’20, e le attribuisce il merito di aver influenzato la sua visione della moda. Si dice che fosse furiosa con lui quando lasciò la sua etichetta nel 1951, e gli disse “Mi farai bancarotta“. Il che forse dimostra quanto era arrivata ad affidarsi al giovane designer.

Una fabbrica di profumi fu costruita nei sobborghi di Parigi per garantire l’attività sostenuta dei profumi esistenti, completata dai lanci di Roy Soleil, Zut e Succès Fou negli anni seguenti. Nel 1946, al passo con le donne che viaggiavano sempre di più, Elsa fece scalpore con il guardaroba della Constellation: sei vestiti, un cappotto reversibile e tre cappelli pieghevoli, tutti sotto le 12 lbs. Nonostante lo sciopero di parte dei suoi atelier di Haute-Couture, Elsa presentò la sua collezione nell’agosto del 1949. I pezzi non erano finiti (presenti spille, campioni di stoffa e nessun asola), ma lo stile giovanile, l’audacia evidente e l’abito da sera con un reggiseno visibile hanno portato il New York Times a descrivere la collezione come “Striking“. Newsweek dedicò la sua prima pagina alla designer. Negli anni Cinquanta Schiaparelli confezionò il primo abito smoking per l’Haute Couture, si inizieranno a produrre anche cravatte da uomo, lingerie e bambole, occhiali da sole (fu lei la prima a lanciare una linea di occhiali da sole firmati) e accessori e spille di grandi dimensioni con animali. Schiaparelli non solo vestiva le stelle del cinema (Marlene Dietrich, Greta Garbo e Katherine Heburn), ma disegnava anche costumi per molti film e rappresentazioni teatrali.elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_1950

elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_Shocking Life.jpgNonostante questi successi, un numero crescente di licenze negli Stati Uniti e buone vendite dei profumi, Elsa notò che il mondo di Haute-Couture era cambiato, allora decise di chiudere la sua Couture House nel 1954 per dedicarsi alla sua autobiografia Shocking Life. Elsa Schiaparelli muore nel sonno nel 1973 a Parigi.

La nipote di Schiap è Marisa Berenson, la celebre modella e stella del cinema.elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_Marisa_Berenson.jpg

Direttamente e indirettamente, Elsa Schiaparelli ha influenzato una vasta gamma di tendenze e designer della moda.

Dal 1954 il marchio Elsa Schiaparelli sino al 2006 passa da vari abbandoni e silenzi sino all’acquisto di licenze, catalogo, abiti storici da parte di Diego Della Valle, patron di Tod’s, Hogan e molti altri marchi del lusso, elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_Diego Della Valle.jpg e Roger Vivier, uno stilista francese specializzato in scarpe (la sua creazione più famosa è stata il tacco a spillo). elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_Roger Vivier.jpgL’approccio nei confronti di questa maison è stato quello di una crescita lenta e graduale. Nel 2012 la riapertura della storica sede produttiva in Place Vendome, nel cuore di Parigi, dove la stessa Elsa aveva lanciato il brand quasi un secolo prima. Nel 2013, Christian Lacroix ha creato una collezione omaggio; più tardi quell’anno, Marco Zanini assunse la direzione creativa riportando meticolosamente in auge i più grandi successi di Schiaparelli.elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_Marco Zanini

Dopo essersi laureato alla Nuova Accademia di Belle Arti nel 2005, Zanini ha continuato a lavorare come primo assistente di Lawrence Steele. Arriva alla maison Schiaparelli dopo aver guidato la rinascita di successo a Halston e Rochas a Parigi. Allo stilista italiano si deve la rinascita di una delle case di moda più antiche del mondo. 

Dal 2015 il direttore del design è Bertrand Guyon diplomato all’École de la Chambre Syndicale de la Couture Parisienne, ha lavorato da Christian Lacroix e da Givenchy, prima di raggiungere a Valentino, dove ha contribuito per anni all’immenso successo della Haute Couture di Valentino sotto la guida di Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli. Nel 2017 Schiaparelli ha ricevuto dal Ministero dell’Industria francese e  dalla Federazione francese di alta moda il riconoscimento di Haute Couture.

La denominazione di grand couturier è infatti protetta dalla legge francese e attribuita esclusivamente dal Ministero dell’Industria d’Oltralpe a selezionate case di moda. Abiti rigorosamente confezionati a mano e realizzati su misura per le donne più ricche del mondo: questa è l’essenza dell’alta moda, che vive solo nella capitale francese. Al momento, sono 15 i brand che possono fregiarsi del titolo di maison di alta moda: oltre a Schiaparelli e Julien Fournié, fanno parte del gotha della moda Chanel, Dior, Givenchy, Jean Paul Gaultier, Maison Margiela, Giambattista Vialli, Franck Sorbier, Adeline Andre, Alexandre Vauthier, Alexis Mabille, Maurizio Galante, Stephane Rolland e Yiqing Yin. Un’altra ventina di maison sono considerate guest member e tra queste figurano Armani, Valentino, Versace, Giambattista Vialli, Elie Saab.

Un successo per Diego Della Valle che ha deciso di rilevare i diritti su Schiaparelli e ne ha curato il rilancio. Merito anche di Bertrand Guyon, dal 2015 Direttore Creativo del brand.

Nel 2016 fu lanciata una collezione prêt-à-porter costruita riproducendo i ricami originari su chemisier contemporanei, bomber serici e blazer.

elsa_schiaparelli_perfettamente_chic_tessuti.jpgSe la Schiaparelli sperimentava con nuove tecnologie e tessuti, oggi l’atelier continua a collaborare con esperti della tradizione: gli artigiani di Lesage, per i ricami, e Lemarié, per le piume e i fiori, come anche con specialisti d’avanguardia, tra cui il giovane Julien Vermeulen esperto nelle lavorazioni di piume.

Stiamo anche optando per un approccio sempre più etico e staremo lontani da ogni pelliccia rara per la prossima collezione. C’è un nuovo pubblico più attento e green che apprezza il cosiddetto lusso alternativo. Guyon.

Tra le clienti della maison Schiaparelli  vi sono Cate Blanchett, Kristin Scott Thomas e Tilda Swinton, senza dimenticare Céline Dion, che ha indosseto spesso gli outfit Schiaparelli nel suo tour 2018.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Aggiornato al 28 febbraio 2019
Autore: Lynda Di Natale
Fonte: schiaparelli.com, web
Annunci