Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Claire McCardell è stata una stilista americana di abbigliamento prêt-à-porter del XX secolo. Le viene attribuita la creazione di abbigliamento sportivo americano.

Claire era la maggiore di quattro figli nati da Eleanor e Adrian McCardell, senatore e presidente della Frederick County National Bank. 

Affascinata dalla moda fin dalla giovane età, Claire si voleva trasferire a New York City per studiare fashion design all’età di 16 anni. Non volendo mandare un’adolescente così lontano, il padre di McCardell la convinse a iscriversi invece al programma di economia domestica all’Hood College. Dopo due anni di studio nel Maryland, Claire si trasferì a New York e si iscrisse alla Parsons (allora nota come New York School of Fine and Applied Art). Nel 1927, Claire andò a Parigi, continuando i suoi studi presso la scuola secondaria di Parsons a Place des Vosges. A Parigi McCardell, con le compagne di classe, acquistano dei campioni da couturier, come Madeleine Vionnet, che hanno smontato per studiarne la struttura. 

Claire si laureò alla Parsons con un certificato in costumista nel 1923. Dopo la laurea, lavorò disegnando schizzi in un negozio di abbigliamento alla moda, dipingendo fiori su paralumi di carta e fungendo da modella per B. Altman (grande magazzino e catena di lusso). Verso la fine del 1930, McCardell iniziò a lavorare come assistente designer per Robert Turk. Poco dopo, Turk si trasferì in una compagnia più grande, Townley Frocks – una firma nell’abbigliamento per la donna e il bambino, ma anche nella produzione di tonache monacali- , e portò con sé Claire. Nel 1932 a Claire fu chiesto di finire la sua linea autunnale, dopo la morte improvvisa di Turk.

Come capo designer, a 27 anni, si recò a Parigi per trovare ispirazione. Non interessato a copiare l’alta moda europea, McCardell ha cercato ispirazione nell’arte e nella street fashion.

Prima degli anni ’30, quando i suoi modelli ottennero per la prima volta consensi, le donne americane benestanti potevano scegliere abiti realizzati e acquistati da case di moda parigine o articoli di fabbricazione americana che erano copie dei modelli francesi. McCardell sentiva che i suoi clienti conducevano uno stile di vita diverso rispetto alle donne europee; erano più attivi fisicamente e avevano molto meno tempo per la cura e la manutenzione di tessuti poco pratici. E fu così che iniziò a mostrare, nei suoi disegni, innovazioni come fusciacche, cravatte con spago e l’uso di dettagli di abbigliamento maschile che sarebbero diventati parte della sua firma da design. Rilancia lo stile impero e modernizzò il dirndl (gonne del costume tirolese), i calzoncini corti, gli abiti scollati dietro.

Nel 1938, Claire McCardell introdusse il Monastic Dress, un abito a tenda con taglio in sbieco. Non aveva cuciture in vita e pendeva liberamente, ma con una cintura versatile poteva essere adattata per abbracciare le curve di una donna con grazia. Best & Co. ha venduto l’abito in esclusiva per $ 29,95 ed è andato esaurito in un giorno. Il “Monastic Dress” è stato ampiamente copiato e il costo del tentativo di fermare le imitazioni ha portato Townley Frocks a chiudere l’attività. 

Dopo la chiusura di Townley FrocksHattie Carnegie ha assunto McCardell per lavorare nella sua famosa azienda di sartoria, ma i modelli di Claire non hanno avuto successo con i clienti di Carnegie, che erano alla ricerca di merce più elaborata. Mentre lavorava per Hattie, Claire incontrò Diana Vreeland (allora giornalista ad Harper’s Bazaar)  diventando ottime amiche a vita. Nel 1940, poco prima di lasciare la Carnegie, McCardell partecipò alla sua ultima sfilata parigina, preferendo da quel momento in poi evitare qualsiasi influenza francese sui suoi vestiti. 

Townley Frocks riaprì nel 1940 sotto una nuova gestione e McCardell tornò al marchio. Le etichette dell’azienda recitavano “Claire McCardell Clothes by Townley“, rendendola una delle prime designer americane ad avere il riconoscimento del proprio nome.

La seconda guerra mondiale ha tagliato i designer americani fuori dall’ispirazione europea e ha limitato la disponibilità di alcuni materiali. McCardell fiorì sotto queste restrizioni. Sebbene molti designer li considerassero troppo semplici, Claire lavorava già con tessuti come denim, calicò e jersey di lana che erano facilmente reperibili durante la guerra. Ha reso popolare le ballerine quando, in risposta alla carenza di pelle, McCardell ha commissionato a Capezio la produzione pumps (ballerine di vernice), una gamma di scarpette di vernice, per abbinarle i suoi modelli, ispirate a quelle delle danzatrici classiche. Quando il governo annunciò un’eccedenza di materiali in cotone per palloncini meteorologici nel 1944, Claire li acquistò rapidamente, usandoli per realizzare abiti che le donne americane patriottiche indossavano con orgoglio.

Pensa alle donne che lavorano e usa il dettaglio per esaltare il suo stile: impunture evidenti, giromanica ampi, tasche applicate, rivetti di metallo e ganci a vista, stringhe da scarpe al posto dei bottoni.

Nel 1941, McCardell ha realizzato una linea di capi di nove abiti con cinque pezzi. I pezzi includevano una gonna in taffetà, un top in jersey e una giacca in jersey. Nello stesso anno, ha mostrato il suo primo “Kitchen Dinner Dress” realizzato in cotone e composto da una gonna ampia con un grembiule incorporato.

Nel 1942, Claire realizzò il suo famoso “pop-over dress” (abito vestaglia destrutturato). È stata una risposta alla sfida di Harper’s Bazaar di creare un capo alla moda da indossare sia per pulire la casa e sia da indossare a un cocktail party. Il semplice vestito grigio era dotato di una presina abbinata che si adattava alla tasca del vestito. Il “Pop-over Dress” è stato venduto per $ 6,95 e più di 75.000 sono stati venduti solo nella prima stagione. Questo abito è diventato un punto fermo delle collezioni Claire McCardell e, nel tempo, ne ha realizzati versioni in diverse lunghezze e tessuti. Il “Pop-over Dress” ricevette il premio dall’American Fashion Critics Association e nel 1943 McCardell vinse un Coty Award.

Nel 1943, Claire sposò l’ architetto nato in texano Irving Drought Harris, che aveva due figli da un precedente matrimonio, e si stabilì a Manhattan.

A partire dal 1945, McCardell è stata descritta come una designer “American Look” dal grande magazzino di Lord & Taylor.  Nel 1946, Claire McCardell vinse il Best Sportswear Designer Award e nel 1948 vinse il Neiman-Marcus Award

Man mano che la fama di Claire cresceva, aumentava anche la sua influenza all’interno di Townley. Nel 1952 diventa socio dell’azienda. Dopo la guerra, McCardell lavorò come  volunteer critic  nel dipartimento di fashion design della Parsons. Nel 1950, Claire, è stata premiata Woman of the Year dal Women’s National Press Club. Premio molto desiderato da McCardell. 

Nel 1953, la Frank Perls Gallery di Beverly Hills ha lanciato una mostra retrospettiva di vent’anni di capi di McCardell. La ​​mostra comprendeva l'”Monastic Dress“, il “Diaper Bathing Suit”, ballerine Capezio e pezzi con rivetti (fissaggio meccanico) ispirati all’abbigliamento da lavoro.

Nella sua introduzione alla mostra, il rivenditore Stanley Marcus ha scritto: “… è una delle designer veramente creative che questo paese ha prodotto… Lei è per l’America ciò che Vionnet è stata per la Francia“. 

Nel 1954 lavorò a un comitato consultivo formato da Time Inc. per creare una nuova rivista che sarebbe diventata Sports Illustrated.

Un libro intitolato What Shall I Wear? The What, Where, When, and How Much of Fashion è stato pubblicato nel 1957  sotto il nome di McCardell.

La vita e il lavoro di Claire furono interrotti da una diagnosi di cancro al colon terminale nel 1957. Con l’aiuto dell’amica e compagna di classe di lunga data, Mildred Orrick, Claire completò la sua ultima collezione dal suo letto d’ospedale. Ha lasciato l’ospedale per fare le presentazioni per la sua ultima sfilata. Claire McCardell morì il 22 marzo 1958 all’età di 52 anni.

Dopo la sua morte, la famiglia di McCardell ha deciso di chiudere l’etichetta. Suo fratello ha spiegato:

Non è stato così difficile [chiudere l’etichetta]. Le idee di Claire sono sempre state le sue.

Possiamo riassumere le caratteristiche dei disegni di Claire McCardell in:

Monastic dress – abito a forma di tenda con taglio in sbieco con maniche a dolman, cintura con laccetti che avvolgono più volte la vita per creare forma

Pop-over dress – abito avvolgente versatile con tasche applicate e ampie maniche dolman che potevano essere “spuntate” sopra altri vestiti e usato come abito da casa; indossato anche come vestaglia o vestito da festa.

Costume da bagno per pannolini – realizzato in cotone leggero con un pannello che si avvolgeva tra le gambe ed era fissato da sottili lacci

Costumi da bagno in lana aerodinamica

Tasche in tutti tipi di abiti, dai capris agli abiti da sera

Le scarpe ballerine come calzature di tutti i giorni

Tasche e pieghe dei pantaloni femminili

Cerniere sul lato anziché sul retro, per consentire alle donne di vestirsi senza aiuto

Drappeggio e arricciatura del tessuto per accentuare la forma naturale del corpo

Uso di tessuti comuni in fibra naturale come cotone, twill, percalle, denim e jersey in una varietà di indumenti, non solo come abbigliamento da giorno

Eliminazione di indumenti intimi altamente strutturati come corsetti, crinoline e guaine

Uso di rivetti e altri elementi di fissaggio per abiti da lavoro

Nel 1981, Lord & Taylor ha riproposto il “Popover Dress” come parte di una retrospettiva di McCardell nel loro negozio sulla Fifth Avenue a Manhattan. Le versioni del “Popover Dress” sono conservate dal Metropolitan Museum of Art, dalla Rhode Island School of Design e dal Museum at FIT . Le versioni del “Monastic Dress” sono detenute da il Metropolitan Museum of Art e il LACMA. 

Nel 1990, il magazine Life ha nominato Claire McCardell una dei 100 americani più importanti del ventesimo secolo. Un anno dopo, è stata inserita nella Maryland Women’s Hall of Fame.

Nel 1998, quarant’anni dopo la sua morte, tre retrospettive separate di Claire McCardell furono allestite al Metropolitan Museum of Art, FIT e alla Maryland Historical Society di Baltimora.

Stilisti come Isaac Mizrahi, Donna KaranCalvin Klein, Norma Kamali e Cynthia Rowley sono stati tutti influenzati da McCardell.  La collezione primavera-estate 1999 di Anna Sui è stata direttamente ispirata dal lavoro di Claire McCardell.

Del lavoro di McCardell, Anna Sui ha detto: “Quello che apprezzo veramente è stata la sua sensibilità ai tessuti, anche con tessuti più costruiti come il denim. Li faceva sembrare tutti così morbidi e drappeggiati. Le cavezze che faceva erano così moderne. Il fatto è che, guardi alcune delle cose che ha fatto e non puoi credere che fossero gli anni ’40.’

Nel 2019, il Frederick Art Club ha lanciato il progetto Claire McCardell per sostenere la creazione e l’installazione di una statua in bronzo di McCardell nella sua città natale di Frederick, nel Maryland. Il club ha incaricato la premiata scultrice Sarah Hempel Irani per questo compito monumentale e, grazie al sostegno della comunità, ha raggiunto il suo obiettivo di raccolta fondi in meno di due anni. Nel 2021 la statua è stata collocata su un piedistallo di granito in un elegante giardino nel Carroll Creek Park di Frederick.

aggiornato al 12 marzo 2022
Autore: Lynda Di Natale e Paola Moretti
Fonte: wikipedia.org, web