Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Coach New York o semplicemente Coach è una casa di moda americana di medio lusso specializzata in pelletteria, produttore e venditore di una linea di prestigio di borse, valigette, valigie e accessori, e prêt-à-porter. Lo stilista britannico Stuart Vevers è il direttore creativo esecutivo dal 2014. È la filiale principale è holding multinazionale americana Tapestry, Inc. (ex Coach, Inc.).

Coach è stata fondata nel 1941 come “bottega” a conduzione familiare in un loft sulla 34th Street a Manhattan, con sei pellettieri che realizzavano a mano il guanto da baseball. Nel 1946, Miles Cahn, uomo d’affari e designer americano, e sua moglie Lillian si unirono all’azienda gestendo la fabbrica per i suoi proprietari. Miles e Lillian erano proprietari di una propria attività di produzione di borse in pelle e conoscevano bene la lavorazione della stessa pelle e degli affari.

Nel 1950 Cahn ha rilevato l’azienda. Durante i primi anni, Cahn notò le proprietà e le qualità distintive della pelle utilizzata per realizzare i guanti da baseball. Con l’usura e l’uso, la pelle di un guanto è diventata più morbida ed elastica. Tentando di imitare questo processo, Cahn ha creato un modo per lavorare la pelle per renderla più forte, più morbida e più flessibile. Poiché la pelle ha assorbito molto bene la tintura, questo processo ha anche creato un colore più ricco e profondo nella pelle stessa. Subito dopo che Cahn sviluppò questo nuovo processo, Lillian Cahn suggerì a Miles che l’azienda integrasse il business degli accessori da uomo della fabbrica aggiungendo borse in pelle da donna. Le borse, dato il marchio Coach, erano fatte di robusta pelle bovina, in cui si poteva ancora vedere la grana della pelle, invece della pelle sottile incollata su cartone che era usata per la maggior parte delle borse da donna dell’epoca. Questa innovazione ha segnato l’ azienda ingresso nel campo delle borse da donna classiche, durevoli e di lusso che Coach avrebbe definito.

Le robuste borse in pelle bovina sono state un successo immediato.  

Nel 1961, dopo oltre un decennio di gestione del laboratorio di pelletteria, i Cahn presero in prestito denaro per rilevare dai proprietari della fabbrica e impossessarsi di Coach e assunsero la stilista Bonnie Cashin, una pioniera dell’abbigliamento sportivo, per disegnare borse per loro.

Cashin ha “rivoluzionato il design del prodotto”, lavorando come capo creativo per Coach dal 1962 al 1974. Cashin ha istituito l’inclusione di tasche laterali, portamonete e colori più luminosi (in contrasto con le solite tonalità di marrone e tans) nei prodotti. Cashin disegnò anche scarpe, penne, portachiavi e occhiali abbinati, e aggiunse sistemi meccanici sia ai suoi vestiti che agli accessori, in particolare la levetta d’argento che divenne il segno distintivo del Coach, dichiarando di essere stata ispirata fissando rapidamente il tettuccio della sua auto sportiva decappottabile.

Per la maggior parte, l’azienda ha evitato le tendenze in rapido movimento, optando invece per l’eleganza e la qualità tradizionali e conservatrici.  A poco a poco, i prodotti Coach ad alto prezzo hanno sviluppato una reputazione e un certo prestigio. Alla fine degli anni ’60, quando la moda è cambiata radicalmente, Coach ha deviato in qualche modo dalla sua linea di prodotti tradizionale, introducendo modelli aggiuntivi progettati per completare gli stili di abbigliamento più trendy. Nel 1969 l’azienda iniziò a commercializzare articoli come una borsa a secchiello strutturata, prodotta per una sola stagione, e una frangia “borsa ” shimmy “.

Richard Rose è entrato in Coach nel 1965 rendendo il marchio molto conosciuto dopo aver esteso i prodotti nei grandi magazzini negli Stati Uniti e all’estero.

Nel 1979, Lewis Frankfort è entrato a far parte dell’azienda come vicepresidente dello sviluppo aziendale. Durante questo periodo, Coach ha realizzato vendite per 6 milioni di dollari e i prodotti sono stati distribuiti attraverso il canale all’ingrosso nazionale, principalmente negli Stati Uniti nordorientali. Richard Rose, allora vicepresidente esecutivo delle vendite, ha fatto da mentore a Frankfort, prima di ritirarsi dalla sua posizione nell’azienda nel 1995.

All’inizio degli anni ’80, lo stabilimento di Coach occupava quattro piani di un edificio sulla West 34th Street.

L’azienda produceva borse, valigette, portafogli e cinture, utilizzando lavoratori qualificati, molti dei quali erano emigrati dall’Argentina . Pagando ai loro lavoratori salari che erano di un dollaro o più superiori a quelli di altre fabbriche, i Cahn godevano di buoni rapporti di lavoro con i loro dipendenti, il che permetteva loro di produrre un flusso costante di prodotti Coach.

Nel 1981 l’azienda ha aperto il suo primo punto vendita al dettaglio a gestione diretta in Madison Avenue a Midtown Manhattan.

Nel 1985, i Cahn decisero di vendere Coach dopo aver stabilito di voler

dedicare più tempo alla loro crescente attività di allevamento di capre e produzione di formaggio chiamata Coach Farm a Gallatinville, New York, che iniziarono nel 1983.

Nel 1983 i Cahn acquistarono un caseificio di 300 acri nel Vermont come diversivo per il fine settimana dalla loro attività a New York. Sebbene la proprietà fosse destinata a fornire una casa per le vacanze e una destinazione di riposo, i Cahn iniziarono ad allevare capre e commercializzare formaggio di capra con il marchio ” Coach Farms ” poco dopo l’acquisto della fattoria. Nel 1985 facevano il pendolare due volte a settimana tra il Vermont e New York. Nell’estate di quell’anno, dopo aver stabilito che nessuno dei loro tre figli aveva alcun desiderio di rilevare l’attività di pelletteria di famiglia, i Cahn decisero di vendere Coach.

Coach è stato venduto a Sara Lee Corporation, un’azienda americana di beni di consumo. Lew Frankfort succedette a Cahn come presidente.

Sara Lee ha strutturato Coach sotto la sua filiale Hanes Group, una multinazionale americana di abbigliamento con sede a Winston-Salem, nella Carolina del Nord. All’inizio del 1986, l’azienda aprì nuove boutique nei negozi Macy’s di New York e San Francisco (una catena americana di grandi magazzini di fascia alta fondata nel 1858 da Rowland Hussey Macy). Altri negozi Coach erano in costruzione e nello stesso anno sarebbero state aperte boutique simili in altri grandi magazzini. Nel novembre 1986, l’azienda gestiva 12 negozi, insieme a quasi 50 boutique all’interno di grandi magazzini.

Il primo prodotto non in pelle di Coach è stato introdotto nel 1988. Le sciarpe di seta, vendute in quattro modelli relativi alla pelletteria, erano progettate per completare gli altri prodotti Coach.

Sara Lee Corporation si è ceduta prima da Coach, vendendo il 19,5% delle proprie azioni di Coach nell’ottobre 2000, seguita nell’aprile 2001, con la distribuzione delle azioni rimanenti agli azionisti di Sara Lee attraverso un’offerta di scambio.

Nel 1996, Lew Frankfort è stato nominato presidente e CEO di Coach. L’anno successivo, sotto la guida di Frankfort, Coach assunse il fashion designer Reed Krakoff, il cui istinto creativo e pubblicitario mirava a rendere i prodotti Coach funzionali, leggeri ed eleganti. Il design di Krakoff ha trasformato Coach dall’azienda relativamente piccola che era nel 1985 con il marchio conosciuto in tutto il mondo.

Il 1 giugno 2000, la società ha cambiato nome in Coach, Inc.

Nel febbraio 2013, Coach ha nominato Victor Luis presidente e chief commercial officer e ha annunciato che sarebbe diventato amministratore delegato nel gennaio 2014, con Lew Frankfort che continuerà come presidente esecutivo. 

Nel 2014, la società ha annunciato Stuart Vevers come nuovo direttore creativo esecutivo, in sostituzione di Reed Krakoff. Nel corso del 2014, Coach ha anche annunciato che Lew Frankfort si sarebbe ritirato dalla carica di presidente esecutivo alla scadenza del suo mandato nel novembre 2014.

Stuart Vevers vanta esperienze lavorative con Bottega Veneta, Calvin Klein, Givenchy e Louis Vuitton.

Nel gennaio 2015, Coach ha accettato di acquistare il l’azienda scarpe Stuart WeitzmanNello stesso anno, Coach lanciò anche Coach 1941,

una nuova linea più costosa incentrata sul prêt-à-porter

In concomitanza con il suo 75° anniversario nel 2016, Coach ha aperto Coach House, uno spazio commerciale nel centro di Manhattan e annunciando della sua partnership con la cantante Selena Gomez

Nel luglio 2017, Coach ha acquistato Kate SpadeMichael Kors Holdings Ltd. aveva precedentemente espresso interesse ad acquistare Kate Spade.

Nel 2017, Vevers ha ricevuto il premio ‘Accessory Designer of the Year‘ dal Council of Fashion Designers of America (CFDA) e il premio ‘Designer of the Year‘ dall’American Apparel & Footwear Association (AAFA) per il suo lavoro presso Coach.

Ottobre 2017, Victor Luis (CEO) ha annunciato che il fine ottobre Coach Inc sarebbe stata rinominata e rinominata Tapestry Inc. Il simbolo della società sul NYSE è cambiato da COH a TPR a partire dal 31 ottobre 2017.

Joshua Schulman (ex Jimmy Choo e presidente di Bergdorf Goodman e Nmg International) ricopre il ruolo di amministratore delegato del brand. Dopo solo tre anni, nel 2020, verrà momentaneamente sostituito da Jide Zeitlin, attuale presidente e CEO di Tapestry. Nel 2011, dopo 9 mesi di attesa, i vertici di Coach individuano il nuovo CEO in Todd Kahn.

A partire dal 2019, Coach ha abbandonato l’uso della pelliccia dalla sua collezione. 

Nel 2019 è stato annunciato che un carro raffigurante la mascotte della casa di Coach Rexy the Dinosaur sarebbe stato presentato alla Macy’s Thanksgiving Day Parade, rendendo il marchio il primo marchio di moda di lusso ad avere un carro in parata.

Nel novembre 2019, Jennifer Lopez è diventata il nuovo volto globale dell’azienda. Nel 2019, Coach ha 986 negozi in tutto il mondo.

Nel 2020, Coach è stato nuovamente rinominato. Come molti marchi durante la pandemia di COVID-19 , Coach ha iniziato a concentrarsi sulla sua piattaforma digitale.

Nel 2021 la casa ha festeggiato il suo 80° anniversario.

Oltre alla linea di prodotti principale, l’azienda offre orologi, calzature e mobili per la casa e l’ufficio a marchio Coach attraverso accordi con partner di licenza.

aggiornato al  10 giugno 2022
Autore: Lynda Di Natale e Paola Moretti
Fonte: tapestry.com, coach.com, wikipedia.org, web